Vacanze in bicicletta: il Salisburghese in Austria, paradiso delle due ruote

di Nadia Fusar Poli del 17 ottobre 2011

Itinerari ciclabili, eventi e manifestazioni, strutture e servizi fanno del Salisburghese la meta ideale per una vacanza in bicicletta. E ovunque, la natura, con la sua autenticità e ricchezza, capace di regalare suggestioni ed emozioni uniche e indimenticabili.

Il Salisburghese è fra le mete cicloturistiche più apprezzate d’Europa. Una rete di piste ciclabili e per mountain-bike si snoda lungo un percorso di 6.000 chilometri, attraverso paesaggi suggestivi e spettacolari località turistiche, per vivere un’appassionante e indimenticabile esperienza su due ruote.

La ciclabile dei Tauri
Laddove le cascate di Krimml, situate nel Parco Nazionale degli Alti Tauri e “il più grande e maestoso spettacolo naturale del Salisburghese“, si gettano fragorosamente nel vuoto, si trova il punto di partenza della pista ciclabile dei Tauri. L’ itinerario penetra il territorio del Salisburghese, dipanandosi per 270 chilometri, lungo un tracciato percorribile, per il 90% su piste riservate alle biciclette o strade secondarie prive di traffico.

Lungo i 4 chilometri del sentiero delle cascate di Krimml sono stati realizzati diversi punti panoramici, da cui è possibile ammirare da vicino, e in tutta sicurezza, lo spettacolo delle maestose masse d’acqua. Numerose sono le attrazioni turistiche e i monumenti naturali che s’incontrano durante l’intero percorso e che invitano a una sosta. Per esempio è possibile visitare l’impressionante gola Liechten-steinklamm o il castello di Hohenwerfen, eretto nell’XI secolo e dove negli anni ’60 furono girate le scene del film “Dove osano le aquile”. Da qui, si risale in funivia a 1.600 metri di quota, fino all’ Eisriesenwelt, un vasto complesso di grotte che nei periodici disgeli forma affascinanti e curiose sculture di ghiaccio.

Per un’assistenza perfetta, 60 strutture alberghiere lungo la pista o nelle sue immediate vicinanze hanno perfettamente adeguato la propria offerta alle esigenze dei cicloturisti, garantendo un servizio ottimale, camere senza sovrapprezzo anche solo per una notte, booking del pernottamento successivo, depositi per biciclette con serratura, servizio riparazioni, cucina regionale e vendita della pratica tessera Salzburger-Land Card. Molti di questi alberghi propongono come servizio extra il trasporto bagagli al punto tappa successivo.

Sempre in tema di vacanze in bici in Austria, non dimenticare di consultare anche:

  1. Itinerari in bici in Tirolo, una vacanza a Tuttogreen
  2. Vacanze ecologiche in Tirolo: tante proposte per una vacanza a Tuttogreen
  3. Hotel biologici in Tirolo: una proposta all’insegna della sostenibilità

La ciclabile di Mozart
Si tratta di un itinerario guidato dalle note, della musica e della natura. Si snoda fra Salisburgo e Rosenheim, tra i fiumi Salzach e Inn, sfiorando i laghi bavaresi del Chiemgau e quelli austriaci del Salisburghese, ripercorrendo i luoghi legati alla vita del grande compositore. Mozart nacque a Salisburgo il 27 gennaio 1756, nella casa al n. 9 della Getreidegasse, oggi adibita a museo.

Il punto di partenza ideale per chi proviene dal Brennero è Kufstein, storica città adagiata nella valle dell’Inn. Da qui il percorso si arrampica sulle montagne tirolesi, in un tratto impegnativo ma pittoresco, connotato da un paesaggio alpino popolato da deliziosi paesi e fattorie, boschi placidi e silenziosi e pascoli. Seguendo il corso del fiume Saalach ci si imbatte in Bad Reichenhall, stazione termale tedesca che, come Salisburgo, lega la propria fortuna alla presenza di sale. Da qui si risale a Berchtesgaden dove si apre alla vista un incantevole panorama: il suggestivo lago Königsee nelle cui acque si specchiano le maestose montagne dell’unico parco nazionale tedesco in area alpina.

Da Salisburgo, il percorso compie una piccola virata a est tra i laghi del Salzkammergut spingendosi fino a St. Gilgen, sul lago Wolfgangsee.  Il percorso bavarese è caratterizzato dalla presenza, a nord, delle due città medievali di Laufen sul Salzach e di Wasserburg sull’Inn, entrambe racchiuse in un ansa fluviale. A separarle una campagna morbida e sinuosa con piccoli specchi d’acqua lacustre, qualche macchia boschiva e la grande distesa del lago Chiemsee, il “mare della Baviera”.
Da non mancare la visita alle due isole maggiori di Fraueninsel e di Herreninsel, impreziosita, quest’ultima, da una delle lussuose e impressionanti residenze dell’estroso Ludwig II (1845-1886), re di Baviera.

La Ciclabile del Salzkammergut
Fra laghi, trenini e battelli, la pista ciclabile del Salzkammergut si muove tra più di dieci laghi del Salzkammergut, a est di Salisburgo, lungo un itinerario variegato e divertente che tocca tre regioni (Salisburghese, Stiria e Alta Austria). Da Salisburgo, il primo tratto della ciclabile ripercorre quello della vecchia linea ferroviaria per Bad Ischl, dismessa nel 1957. A Thalgau, si può godere della vista del lago Fuschlsee, dove furono ambientate alcune scene dei film con Romy Schneider nelle vesti dell’imperatrice Sissi, mentre, superato il caratteristico paese di St. Gilgen con il lago Wolfgangsee, s’incontra Bad Ischl, sede di una delle residenze di caccia dell’imperatore Francesco Giuseppe e nel cui centro storico si respira ancora un’elegante atmosfera di fine secolo.

Da qui ha inizio il tratto più emozionante del percorso, che raggiunge Hallstatt, (in lingua celtica significa “il posto del sale”), sull’omonimo lago. Il tracciato scorre sopra la conduttura del sale, l’oro bianco nascosto nelle viscere di questa terra e che i Celti, per primi, cominciarono a sfruttare.
Dal paesino  una funicolare conduce sino alle miniere e alla terrazza Rudolfsturm, che offre un panorama unico sul lago e sull’anfiteatro roccioso del Dachstein. Ed ancora, pedalando tra boschi e prati, paesini e paesaggi che sono un trionfo  di fiori e colori, si toccano i laghi di Altaussee l’alpe Blaa Alm, di Attersee a Weissenbach e quelli minori, ma altrettanto ricchi di  fascino come  Mondsee, Irrsee, Mattsee, Grabensee e Obertrumer See.

Forse ti potrebbero interessare anche:

 

Outbrain

{ 1 comment… read it below or add one }

Mich luglio 30, 2012 alle 9:02 am

Sì, ma se io mi prendo con la mia bici per girare tutta l’austria, la notte, dove dormo? Esistono camping GRATIS o estremamente economici lungo il percorso? L’articolo non può solo offrire un percorso ideale senza le considerazioni pratiche che vi sono dietro…

Rispondi

Leave a Comment