Vacanze scolastiche in fattoria: la proposta del Veneto

di Claudio Riccardi del 28 giugno 2012

Centri estivi, colonie e settimane verdi, campus per ragazzi all’interno di fattorie e agriturismi per vivere davvero la natura, stabilendo un contatto diretto e non mediato da televisione, computer o libri.

Vacanze scolastiche in fattoria: la proposta del Veneto

La proposta arriva dall’iniziativa “Campagna Amica“, sostenuta dalla Coldiretti Veneto, che, in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole, il Ministero dell’Istruzione e l’associazione Libera, ha deciso di proporre ai giovani in età scolare un’idea alternativa di vacanza.

Il concetto è quello della fattoria didattica ma declinato in un laboratorio vivo per fare esperienze dirette di osservazione, studio, manipolazione, raccolta materiale, partecipando alle fasi di lavorazione e trasformazione dei prodotti agricoli, alla costruzione di piccoli oggetti, e degustando direttamente i prodotti della terra e ciò che ci offrono gli animali. La vacanza diventa così uno svago ma con finalità “educative” e si trasforma in un luogo di incontro tra generazioni di persone, di saperi, di tradizioni. E un’occasione per apprendere anche i principi della corretta alimentazione.

Coldiretti mette a disposizione in Veneto una rete di 122 strutture. Veniamo a qualche esempio concreto. A Padova l’agriturismo didattico “La Primizia” organizza da giugno sino all’inizio di settembre esperienze reali di vita rurale: per imparare ad accudire gli animali, pescare e seguire corsi di cucina diventando cuochi provetti.

Nei ranch dell’azienda “La Dolza” di Cison di Valmarino (Treviso) i giovani vengono invece avvicinati al mondo del cavallo, mentre a Pescantina, nel veronese, segnaliamo il primo e unico agrinido d’Italia. Si tratta di un asilo nido ritagliato tra gli spazi di un agriturismo, dedicato ai bambini da 0 a 3 anni, che vengono avvicinati alla natura attraverso semplici attività, coltivando le piante, socializzando con gli animali e osservando il lavoro dei contadini.

I numeri delle adesioni confermano l’interesse verso l’agricoltura e il bisogno di conoscenza nelle nuove generazioni. La formazione sul campo consente – sottolinea la Coldiretti – l’approccio verso uno sviluppo sostenibile e fa maturare una nuova consapevolezza dell’ambiente che ci circonda e delle sue potenzialità.

Ai genitori interessati, ricordiamo che sul sito web di coldiretti.it è possibile consultare la mappa delle fattorie didattiche presenti in Veneto e anche nelle altre regioni italiane. Un totale di 1.300 aziende in grado di accogliere migliaia di ragazzi per farli vivere una vacanza diversa che non sarà, ne siamo sicuri, solo un bel ricordo!

Leggi altri articoli sulle eco-vacanze per i nostri bambini e ragazzi:

{ 2 comments… read them below or add one }

Affitto Appartamenti Jesolo novembre 9, 2012 alle 5:34 pm

I bambini piace molto questo tipo di vacanza, perché ci sono un sacco di cose divertenti da fare, ad esempio, giocare con gli animali domestici.

Rispondi

anonymus luglio 7, 2012 alle 10:48 am

Non è per nulla educativo portare i bambini in luoghi di tortura e morte quali sono le fattorie. Gli animali non ci “offrono” proprio nulla,siamo noi che ce lo prendiamo. La mucca fa il latte per il proprio vitello,non per bambini e adulti umani. Il vitello viene strappato alla propria madre per produrre carne e la madre viene usata come macchina da latte,salvo poi essere uccisa brutalmente dopo innumerevoli gravidanze forzate. Tutto questo non è green.

Rispondi

Leave a Comment