Alimenti

Tutto sul Wasabi: cos’è e come si prepara

La pasta verde-smeraldo che accompagna il sushi è in realtà la radice grattugiata della Wasabia japonica

Il Wasabi è una pasta verde dal gusto intenso e molto piccante; servito come accompagnamento di pietanze tipiche della cucina nipponica, possiede notevoli proprietà benefiche.

Tutto sul Wasabi: cos’è e come si prepara

Si ricava dalla Wasabia japonica, una pianta di origine giapponese appartenente alla stessa famiglia di ortaggi a noi più familiari, come i ravanelli, il rafano, la rucola e il cavolo rosso. Le radici di questa pianta pregiata e molto antica sono difficili da reperire e costose poiché crescono piuttosto lentamente.

Di cosa è fatto il Wasabi

La radice grattugiata di una pianta giapponese della famiglia delle delle Brassicaceae (Crucifere) ha una consistenza pastosa, è di colore verde brillante ed ha un gusto particolarmente piccante. Tale salsa è ben nota a chi ha provato almeno una volta la cucina nipponica.

Essa è, infatti, utilizzata abitualmente come accompagnamento alle tipiche pietanze della tradizione orientale, come sushi, sashimi, tempura.

Wasabi

Oltre alla salsa originale, che prende il nome dalla pianta, esiste anche una versione meno piccante realizzata utilizzando un ingrediente molto simile, come il rafano, ma dal sapore decisamente meno intenso e piccante.

Qual’è la pianta del Wasabi

Più che una salsa, si tratta semplicemente del rizoma (la parte alta della radice) grattugiato della Wasabia japonica, una pianta, come dice appunto il suo nome botanico, originaria del Giappone.

La polvere grattugiata ha una consistenza densa e pastosa ed è utilizzata come condimento, per il sapore forte e piccante, per accompagnare il sushi e altri piatti giapponesi.

wasabi

Quali sono i benefici per la salute del Wasabi

Questa particolare pasta può vantare proprietà antisettiche e antiossidanti oltre a presentare un’elevata concentrazione di vitamina C.

Questa radice, inoltre, può essere considerata un agente antimicrobico naturale, utile quindi anche durante il consumo di pesce crudo, come avviene nella tradizione gastronomica orientale.

Il suo speciale aroma è riconducibile alla composizione chimica, che vede una prevalenza di isotiocianati, molecole responsabili dell’efficacia antibatterica, delle virtù antiossidanti e delle potenziali virtù antitumorali di questo portentoso vegetale.

Il Wasabi servito nei ristoranti di sushi è vero o è solo rafano colorato?

Spesso la pasta servita nei ristoranti orientali non è la vera radice di Wasabia grattugiata, ma è invece una miscela di rafano, molto più economico, e altri ingredienti come senape, amido di mais e coloranti alimentari.

La pasta originale fatta dal rizoma grattugiato della Wasabia è molto costosa. Infatti questa pianta è rara fuori dal Giappone perché di difficile coltivazione. Si riconosce il vero Wasabi dall’imitazione verdastra, perché ha un gusto molto più delicato, più fresco e meno persistente.

Quanto è piccante il Wasabi rispetto ad altri cibi piccanti

Questo condimento giapponese è considerato piuttosto piccante, ma la sua intensità è comunque inferiore rispetto ad altri cibi piccanti come il peperoncino, la senape o alcune salse piccanti della cucina indiana o messicana.

Inoltre, la sensazione di calore del wasabi non è persistente in bocca, come accade per altri cibi piccanti, e si concentra principalmente nelle narici.

In generale, ha un grado di piccantezza moderata e non dovrebbe causare troppo disagio per la maggior parte delle persone.

La ricetta del Wasabi: come si prepara

Preparare questa salsa è molto semplice, mentre è più complicato reperire la radice della pianta. Occorre comunque scegliere un rizoma abbastanza sodo e privo di grinze, provando ad acquistarla in un negozio specializzato di alimenti asiatici.

Tagliate le foglie (che potranno essere riutilizzate) dalla parte finale della radice, quindi lavate il tubero e lasciate che asciughi all’aria aperta.

Wasabi

Grattugiate la quantità desiderata e formate una piccola palla. Lasciate riposare per una decina di minuti, per intensificare il sapore e servite in tavola.

Non occorre, tuttavia, attendere troppo quando si consuma questa pasta grattugiata fresca. Esso, infatti, rischia rapidamente di disperdere le sue proprietà e il suo aroma piccante. Dopo aver toccato questa radice, è importante ricordarsi di lavare accuratamente le mani e evitare il contatto con gli occhi.

Può essere preparata anche a partire dalla polvere di wasabi pura, più facilmente reperibile: miscelare in parti uguali acqua e polvere. Mescolare bene il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo.

Wasabi in Polvere 50 g - Wasabi Powder
Prezzi aggiornati il 30-01-2023 alle 6:46 PM.

Come si utilizza il Wasabi in cucina

Viene utilizzato principalmente come condimento per il sushi e il sashimi, ma può anche essere impiegato in altri modi in cucina. Vi diamo alcune idee:

  • Per condire il pesce crudo, per esempio la tartare, può essere mescolato con salsa di soia
  • Per marinare carne o pesce, aggiunge una nota di piccantezza e freschezza.
  • Per le insalate: può essere utilizzato come condimento facendo una vinaigrette con olio e sale, aggiungerà una nota piccante e fresca all’insalata.
  • Per le salse: mescolato ad una salsa può accompagnare carne o pesce
  • Per il ramen: assieme alla salsa di soia, regala una nota piccante e fresca al brodo e ai noodles
  • Per il tempura: mescolato con salsa di soia il fritto di pesce o verdure.

Il Wasabi può essere conservato per molto tempo?

Se è fresco va consumato entro 10-15 minuti, poiché perde la sua intensità. Se è ricavato dalla polvere reidratata in acqua, può essere conservato per 2-3 giorni, in un luogo fresco e asciutto, ma anche in questo caso, il suo sapore si attenua nel tempo.

La salsa artificiale, per intenderci quella al rafano servita nei ristoranti, una volta aperto il tubetto o la bustina, non si conserva per più di 1 settimana in frigo e perde freschezza e aroma.

Dove trovare il Wasabi

Si può reperire il rizoma della Wasabia japonica nei fruttivendoli specializzati ijn alimenti etnici ed esotici, per lo più quelli gestiti direttamente da stranieri e destinati al loro consumo. Comunque, vi forniamo alcuni prodotti utili, sia a chi è intenzionato a prepararla in casa che non.

Forse ti potrebbe interessare anche:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button