La metro di Stoccolma viaggia sul mare

di Luca Scialò del 7 settembre 2014

La metro di Stoccolma, oltre alla bici ed i bus e taxi alimentati a carburanti ecologici o biogas fanno della città sveedese una delle capitali della mobilità green. Si pensi che per disincentivare l’uso delle auto, si deve pagare un dazio qualora la si voglia utilizzare in città.
Ma gli svedesi non si accontentano e si sono pure inventati una sorta di metropolitana sull’acqua.

A realizzare questo curioso mezzo di trasporto i ricercatori del KTH Royal Institute of Technology, con il progetto 365 Waterway. Facilitati anche dalla conformazione di Stoccolma fatta di isole e isolotti.

Per intenderci, funziona come i traghetti sullo stretto di Messina, che si prendono in carico i treni e le auto trasportandoli fino all’altra costa. Così sarà per i mezzi pubblici o per le bici nella capitale svedese. Naturalmente i traghetti dovranno avere dimensioni e funzionalità diverse, a seconda delle esigenze dei passeggeri e del tipo di mezzo trasportato.

Per realizzare un’efficiente sistema di interconnessione tra il trasporto via mare e via terra, occorrerà creare stazioni apposite di interscambio, e renderlo operativo pure d’inverno, quando l’acqua ghiaccia. Inoltre, devono essere previsti tempi veloci per imbarcarsi e sbarcare, come nei vaporetti di Venezia.

Per aumentare la portata di passeggeri si è progettato una specie di treno modulare fatto di navicelle galleggianti, come se fosse un a’metro galleggiante’.

Diversi sono i vincoli e le necessità presi in esame per sviluppare il progetto.

La metro di Stoccolma viaggia sul mare

La metro di Stoccolma viaggia sul mare

Riuscirà la Svezia con questa nuova metro di Stoccolma che letteralemnte ‘corre sul mare’, a vincere anche questa sfida? Visti i precedenti, supponiamo proprio di sì.

Leggi anche:

{ 1 comment… read it below or add one }

anonimo settembre 8, 2014 alle 8:37 pm

sono stato a stoccolma e non si deve pagare nessun dazio per circolare in centro… forse per parcheggiare ma come in ogni altro posto nel mondo!

Rispondi

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *