Rospi: come aiutarli a sopravvivere

di Elle del 19 aprile 2016

Il rospo comune (nome scientifico Bufo Bufo) è un anfibio dall’aspetto tozzo e robusto, con la pelle ricoperta da verruche, che popola quasi tutta Europa e si adatta ad un’ampia varietà di habitat, prediligendo i luoghi più umidi soprattutto durante il periodo riproduttivo.

Comuni anche nelle nostre campagne o nei nostri giardini, con un’intensificarsi della loro presenza attiva dopo il tramonto, specialmente durante le serate più umide da marzo a ottobre, i rospi rischiano di mettere a repentaglio la propria vita nel momento in cui si trovano ad attraversare delle strade.

I fenomeni migratori, infatti, sono proprio legati al raggiungimento delle zone più umide e acquatiche, come laghi, stagni o piccoli corsi d’acqua, dove avverrà l’accoppiamento. In effetti, questa è una delle cause all’origine del declino di alcune popolazioni di questa specie, insieme alla deforestazione, alla bonifica di aree umide, all’urbanizzazione e all’introduzione di altre specie animali predatrici.

Di fronte alla mortalità provocata dai mezzi di trasporto durante le migrazioni, i rospi, in grado di coprire distanze che vanno da centinaia di metri fino al chilometro, possono essere tutelati e aiutati a sopravvivere grazie ad alcuni semplici accorgimenti.

Diverse iniziative, infatti, puntano a salvaguardare la sopravvivenza di questi animali, valutati come specie vulnerabile in Italia secondo i criteri dell’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura: una tra tutte è quella dei rospodotti, costituiti da passaggi o sottopassaggi che favoriscono ai rospi e ad altre specie animali uno spostamento privo di rischi automobilistici.

In alcune regioni italiane, inoltre, alcuni gruppi di volontari si sono resi disponibili per aiutare il passaggio di questi animali crepuscolari durante la fase di migrazione, favorendo l’attraversamento della strada senza farli finire schiacciati sotto le ruote di una macchina; per questo è stato necessario utilizzare anche dei teli di nylon lungo il ciglio della strada, per “indirizzare” la migrazione.

D’altra parte occorre tener conto del ruolo determinante che i rospi svolgono nel mantenere un’equilibrio nell’ecosistema anche in termini di biodiversità; pertanto è fondamentale cercare di prevenire il rischio di estinzione a cui questi esemplari sono esposti.

LEGGI ANCHE:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *