Notizie

Animali trasparenti: quando la Natura ci sorprende

Madre Natura riesce sempre a sorprenderci. Avete mai osservato da vicino una medusa con la sua pelle traslucida? Vi siete mai chiesti come sia possibile? E sapete che non sono solo le meduse ad essere trasparenti nel mondo degli animali?

Animali trasparenti: quando la Natura ci sorprende

Rendering of template gallery-filmstrip.php failed

Sicuramente molti di voi sapranno che i colori altro non sono che il modo in cui lo spettro riflette la luce a determinare frequenze. Se vedete una palla rossa, non è perchè la palla ha assorbito il colore rosso ma perchè il rosso viene fuori da una particolare rifrazione che il nostro occhio è capace di cogliere. Quando ci troviamo di fronte a qualcosa di traslucido vuol dire che la luce riesce a passare attraverso quell’oggetto o quell’animale e sembra quasi che la trasparenza renda inconsistente la materia di cui sono fatti, come se fossero ‘vuoti’ dentro.

In natura abbiamo diversi esempi, dalle farfalle Greta Oto alle meduse e alcune rane e calamari che sembrano fatti di vetro. In realtà, se analizzassimo il corpo di una medusa troveremmo per il 95% acqua, mentre l’organismo umano ne contiene il 70%. Vuol dire che se avessimo anche noi un 15% in più di acqua potremmo essere trasparenti? Non funziona propriamente così. Le meduse contengono una parte gelatinosa chiamata mesoglea.

GUARDA: Tutte le foto di questi animali trasparenti!

La mesoglea è avvolta da due strati di pelle protettivi, quello più interno è chiamato gastrodermis e avvolge l’intestino, quello più esterno è l’epidermide. Anche noi esseri umani e ad altre specie animali fatte di acqua abbiamo questi strati protettivi ma l’invisibilità non è di certo una delle nostre caratteristiche…

La spiegazione scientifica di questa trasparenza risiede unicamente nella necessità di dover sopravvivere in ambienti pericolosi. Pensate quanto sia importante in un habitat come l’oceano, dove le vie di fuga sono praticamente inesistenti, poter essere quasi invisibili e camuffarsi nell’acqua per evitare l’attacco dei grandi predatori.

Quanto a inventiva, abbiamo ancora molto da imparare dalla natura, guardate anche questo video per capirlo:

Leggi anche:

Alessia

Nata in Abruzzo nel 1982, si trasferisce a Roma per conseguire una laurea e un master in psicologia, ma dopo una decina d'anni rientra nel suo piccolo paese ai piedi della Majella, fuggendo dalla vita metropolitana. Attualmente coniuga l'attività di psicologa libero professionista con la passione per la scrittura, un hobby coltivato sin dalle scuole superiori. Collabora con la redazione di Tuttogreen dal 2011, cura un blog personale di taglio psicologico e scrive articoli per un mensile locale. Nel tempo libero ama passeggiare nei boschi e visitare i piccoli borghi, riscoprendo le antiche tradizioni d'un tempo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close