Un intero quartiere di Copenhagen riprogettato per adattarsi ai cambiamenti climatici

di Claudio Riccardi il 19 gennaio 2013

Per secoli il concetto di centro abitato ha posto l’uomo e i suoi bisogni al centro, e la natura come contorno, via via modellato – spesso con interventi scriteriati – per assolvere allo scopo.

Un rapporto squilibrato, dove il soggetto pensate – l’uomo – ha di prassi piegato ai suoi voleri l’ambiente esterno. Senza rispetto per le sue regole, i suoi ritmi ed equilibri. Di fronte a colate di asfalto e cemento, boschi rasi al suolo e corsi d’acqua deviati, la natura però non è rimasta a guardare, rispondendo alle “violenze” con catastrofi, disastri ed eventi eccezionali ormai sempre più frequenti.

Eventi dannosi e cambiamenti che hanno tutti i caratteri di campanelli d’allarme, segnali che la tendenza nei rapporti tra il soggetto pensante e la natura va cambiata. Uno spazio cittadino può essere riprogettato per assecondare le evoluzioni del clima, così per esempio suggeriscono dalla Danimarca.

Nella capitale Copenhagen, le piogge negli ultimi anni sono divenute sempre più abbondanti, diventando un problema  per l’incolumità dei residenti, ed un costo insostenibile per le autorità locali. Per la precisione, i danni causati dal fenomeno hanno richiesto spese di 5 miliardi di corone, quasi un miliardo di euro.

Speciale Copenhagen, leggi anche:

Nell’ottica di risolvere il problema, uno studio di architettura ha proposto di riorganizzare ex novo un quartiere della città, Saint Kjeld. Punto di partenza:  rivedere il piano di gestione delle acque, per limitare il formarsi di perturbazioni “oceaniche”. La soluzione: un quartiere più verde, intelligente e aperto verso soluzioni di mobilità pulita.

Il progetto redatto dai professionisti di Trejde Natur prevede piste ciclabili che fungono anche da canali per la raccolta dell’acqua piovana, collegati al porto, tetti verdi per assorbire l’acqua piovana e giardini rigogliosi. Obiettivo del progetto quello di dare respiro a fognature sovraccariche e incrementare la diversità biologica del territorio. A ciò si aggiunge l’intenzione di convogliare l’acqua scaricata dal cielo nei parchi e nelle piazze per dare forma ad aree ricreative.

Guarda le foto

Nella piazza principale del quartiere verrà inoltre posizionato, ad alcuni metri d’altezza, un anello deputato a spruzzare una nebbia di raffreddamento durante le giornate più calde. Nei piani si inserisce infine il recupero di un’area da 500 mila metri quadri al momento ricoperta da asfalto, per ricreare in maniera intelligente e climate-friendly lo spazio urbano. I lavori prenderanno avvio nel 2013, la consegna è prevista entro il 2016. Un esempio che anche le nostre città più trafficate dovrebbero prendere in considerazione.

Clicca sull'immagine per vedere gli altri rendering del progetto

Leggi anche:

Ti è piaciuto questo articolo?
           

Lascia un Commento

{ 0 commenti… aggiungine uno adesso }

Lascia un commento


sette + 4 =