Spesa biologica

Guida alla scelta di una caraffa filtrante per l’acqua con anche consigli per la manutenzione

Speciale caraffa filtrante: davvero utile o puro marketing? Le caraffe filtranti sono il classico prodotto su cui si è sviluppa un dibattito molto serrato. Vediamo le cose da sapere per orientarsi correttamente.

Guida alla scelta di una caraffa filtrante per l’acqua con anche consigli per la manutenzione

L’acqua del rubinetto è buona?

Cominciamo scacciando un pregiudizio. L’Italia è uno dei paesi al mondo con il maggior consumo di acqua potabile in bottiglia. Questo perché è diffusa l’opinione che l’acqua del rubinetto non sia adatta ad essere bevuta.

Un’opinione che non risponde a verità in quanto l’acqua degli acquedotti delle nostre città  è controllatissima e spesso anche più sicura di quella imbottigliata.

  • Nelle acque in bottiglie di plastica o vetro infatti è possibile il rilascio di sostanze dannose, sia da parte della stessa plastica stessa, che da parte dei detergenti utilizzati per disinfettare i recipienti di vetro.
  • Inoltre l’acqua di rubinetto è generalmente di buona qualità e ricca di sali minerali quali calcio e magnesio.
  • Per contro potrebbe talvolta risultare poco piacevole al gusto, a causa del tipico sapore di cloro, e comunque contenere percentuali di elementi nocivi.

Al fine di migliorarne ulteriormente la già buona qualità da un lato, e di evitare di ricorrere all’acquisto dall’altro, risparmiando così sia in termini economici, di tempo, fatica fisica (e impatto ambientale) del trasporto, che soprattutto nel consumo di plastica, sono arrivate da alcuni anni sul mercato le caraffe filtranti.

Caraffa filtrante prezzi e modelli: dove acquistarle

Cominciamo subito a presentarvi alcune offerte online di caraffa filtrante Brita, Laica e di altre case.

Brita

Eccovi tre proposte con diverse forme e capacità.


BRITA Fill&Serve Bottiglia filtrante
Prezzo: 29,90 €
Prezzi aggiornati il 3-04-2020 alle 1:15 PM.

Ecco tutti i modelli Brita in vendita su Amazon: https://amzn.to/2NVLdGQ

Laica

Ed ora passiamo in rassegna alcune proposte di questa marca.

Laica J996 Kit 6 filtri + Caraffa Filtrante Stream Line, Colori Assortiti
Prezzo: 34,99 €
Prezzi aggiornati il 3-04-2020 alle 1:15 PM.
Laica J31AB Stream Line Caraffa Filtrante, Verde, filtro Bi-Flux incluso
Prezzo: 9,99 €
Prezzi aggiornati il 3-04-2020 alle 1:15 PM.

Troverete su Amazon tanti altri modelli, eccovi il link: https://amzn.to/2NTvvMk

Bwt

A buon mercato e con buon rapporto qualità prezzo.

BWT Caraffa Filtrante Modello Penguin 2,7 L + 1 cartuccia filtrante
Prezzo: 20,99 €
Risparmi: 1,00 € (5%)
Prezzi aggiornati il 3-04-2020 alle 1:15 PM.
Bwt Easy-Fit Caraffa Filtrante Vida, Blu, 26.4x11.5x28.7 cm
Prezzo: 18,40 €
Risparmi: 1,59 € (8%)
Prezzi aggiornati il 3-04-2020 alle 1:15 PM.

Amazon Basic

La stessa Amazon ne produce una linea.

AmazonBasics - Caraffa filtrante per l'acqua, 2.3 L
Prezzo: 17,84 €
Prezzi aggiornati il 3-04-2020 alle 1:15 PM.

Se avete ancora dubbi ecco tutte le spiegazioni che possono esservi utili alla scelta.

Caraffa filtrante: come funziona

Esistono caraffe filtranti di diversi modelli e marche, ma hanno tutte una fondamentale caratteristica che le accomuna:

  • sono costituite da due parti comunicanti tra loro attraverso un filtro
  • Il filtro deve essere sostituito dopo una certa usura.

Quando si riempie la caraffa l’acqua si sposta, in breve tempo, dalla parte superiore a quella inferiore, passando per il sopraccitato filtro

La presenza in esso di una combinazione di resine a scambio ionico e carbone attivo consente di ridurre la durezza dell’acqua (causa della formazione del calcare).

Per avere un’idea dell’utilità di questo accessorio, è necessario prima di tutto capire ancora meglio come funziona.

La depurazione dell’acqua

Per farlo è necessario analizzare il meccanismo di depurazione dell’acqua.

La caraffa filtrante ha la forma di un “alveare”, ma è dotata all’interno di un filtro a imbuto che rappresenta il componente principale del dispositivo. Il collo della caraffa viene utilizzato per inserire l’acqua del rubinetto.

L’acqua confluisce poi nel filtro per la depurazione e una volta purificata si deposita nella parte inferiore della brocca.

Noterete che il processo di filtrazione non avviene immediatamente, in quanto l’acqua scorre lentamente attraverso il filtro per la rimozione ottimale di rifiuti e impurità.

Un altro vantaggio delle caraffe filtranti è che non hanno bisogno di un alimentatore per funzionare.

I costi aggiuntivi all’acquisto sono solo quelli per la sostituzione periodica del filtro.

Tuttavia, è comunque importante esaminare attentamente le caratteristiche dei diversi tipi di filtri prima dell’acquisto.

I diversi tipi di filtri

Ci sono due diversi sistemi di filtri che possono essere presenti in una caraffa filtrante.

Abbiamo il filtro a carbone attivo e il filtro in resina a scambio ionico. I due filtri hanno caratteristiche organiche diverse e non esercitano la stessa azione depurativa sull’acqua.

Cerchiamo di capire come funzionano e le loro caratteristiche principali.

Filtro a carbone attivo

Questo filtro è dotato di carbone attivo e anche di agenti che permettono l’assorbimento della maggior parte dei contaminanti come i residui di calce e l’eliminazione di sapori e odori indesiderati. Il suo principale svantaggio è che non elimina le sostanze inorganiche presenti nell’acqua.

Ma avete la possibilità di aggiungere comunque degli ioni all’acqua. Gli ioni aumentano l’azione purificante attirando alcuni minerali essenziali.

Inoltre, è meno selettivo del filtro in resina a scambio ionico.

Tuttavia, è molto efficace per la purificazione dell’acqua potabile del rubinetto.

Non è adatto per purificare l’acqua dura.

Filtro in resina a scambio ionico

Si chiama così perché utilizza una resina speciale che permette, attraverso una reazione chimica l’eliminazione delle sostanze inquinanti presenti nell’acqua.

Si distinguono i filtri a scambio anionico e i filtri a scambio cationico.

Come potete immaginare, i primi scambiano principalmente ioni negativi mentre i secondi scambiano ioni positivi. Dato che quasi certamente non conoscerete il tipo di ioni presenti nell’acqua del rubinetto, vi consiglio di optare per un filtro misto che permette sia uno scambio di ioni negativi che positivi.

A differenza di un filtro a carboni attivi, che ha un’azione più generalizzata, un filtro in resina a scambio ionico offre un’azione specifica che agisce solo su alcune molecole.

I produttori di caraffe filtranti con questo tipo di filtro sono obbligati ad indicare nelle istruzioni o sull’etichetta le diverse sostanze che è in grado di eliminare.

Ecco perché sarebbe opportuno testare prima l’acqua del rubinetto per determinare quale modello si adatta meglio alle proprie esigenze.

Qual è il filtro migliore?

Dopo aver analizzato le caratteristiche e le proprietà dei due sistemi di filtraggio, possiamo affermare che non esiste un filtro migliore dell’altro.

Nella scelta, occorre tenere conto delle esigenze specifiche di ciascuno di voi.

Quando si acquista una caraffa, è essenziale considerare i vantaggi e gli svantaggi di entrambi i tipi di filtri.
Se la vostra acqua non è dura, cioè priva di metalli pesanti, vi consiglio di optare per un filtro a carboni attivi. Ha un’azione più generale, ma meno profonda.
Altrimenti, se l’acqua è ricca di sostanze come ferro, calcio o cloro, un filtro in resina a scambio ionico è l’ideale perché è efficace nel rimuoverle.

Perché e ogni quanto cambiare il filtro?

Il cambio del filtro è molto importante quando si utilizza una caraffa filtrante da to che ne assicura l’efficacia.

Infatti, i filtri sono dotati di sostanze specifiche che hanno un’azione depurativa sull’acqua, in quanto rimuovono dall’acqua gli scarti e le impurità. Dopo un certo periodo di utilizzo, queste sostanze si esauriscono e il filtro non è più in grado di svolgere il suo ruolo. Per questo motivo è importante, se non addirittura obbligatorio, sostituirlo.

La domanda che vi sarete già posti a questo punto è quando cambiarli.

Non c’è una regola chiara per sapere quanto dureranno i filtri.

I produttori devono fornire informazioni specifiche e chiare: ad esempio, alcuni includono nel loro modello un indicatore di livello del filtro per indicare che è giunto il momento di sostituirlo.

Si noti che che non è possibile utilizzare filtri di tipo diverso da quelli compatibili con il proprio modello. Pertanto, non è possibile utilizzare un filtro in resina a scambio ionico con una caraffa con filtro a carboni attivi e viceversa.

Costi dei filtri

È quindi necessario valutare anche il costo della sostituzione dei filtri prima di effettuare l’acquisto.

Sebbene il prezzo in generale della caraffa sia piuttosto basso, è importante non trascurare le spese legate alla sostituzione del filtro. Il prezzo varia a seconda delle marche e dei modelli.

È possibile trovare le caraffe da filtro in vendita online e alcuni modelli sono venduti con un numero variabile di cartucce.

Cosa valutare prima di acquistare

Al momento dell’acquisto, è necessario tenere conto di un certo numero di aspetti come la capacità, il materiale, l’estetica e infine il filtro.

La capacità

La capacità varia da un modello all’altro e la vostra scelta sarà basata sulle vostre diverse esigenze. I modelli più compatti hanno una capacità di circa 2 litri e sono adatti all’uso personale. Ma per una famiglia numerosa, l’ideale è optare per un modello più grande con una capacità fino a 3,5 litri. Se state cercando una caraffa più piccola ci sono modelli con capacità di 1 litro, simili alle borracce con filtri.

La scelta della capacità deve essere adattata alle vostre esigenze. Non va dimenticato che la quantità di acqua nella caraffa filtro deve essere consumata al massimo in un giorno.

Quando l’acqua rimane nella caraffa a lungo l’effetto purificante si degrada e si può causare una crescita batterica dannosa. Inoltre, va sottolineato che la caraffa filtrante non ha altra funzione se non quella di filtrare le impurità.

Il materiale di fabbricazione

Si trovano modelli in vetro, plastica e acciaio inox. Alcuni preferiscono il vetro perché è decorativo ed elegante. La maggior parte dei filtri rigidi disponibili sul mercato sono realizzati in plastica SAN, Makrolon o PE. Sono infrangibili e non contengono componenti tossici come il bisfenolo A o gli ftalati.

I modelli più recenti sono realizzati in acciaio inox e hanno la particolarità di essere robusti.

Il design

Sul mercato sono disponibili modelli per tutti i gusti con una grande varietà di opzioni per i colori, le maniglie, le coperture, ecc. Vi consiglio di scegliere un modello pratico, facile da maneggiare e che possa facilmente trovare il suo posto in frigo o sulla tavola di famiglia.

Le dimensioni

Per una maggiore praticità e risparmio, vi consiglio di optare per un modello meno ingombrante e compatto. Scegliete un modello che può essere facilmente riposto nel frigorifero

Manutenzione della caraffa del filtro

Per evitare la proliferazione di microrganismi batterici nocivi all’interno del filtro, è essenziale tener conto di alcune misure igieniche. In questo modo si garantisce che la caraffa sia sempre in condizioni ottimali.

Per prima cosa poiché i batteri proliferano rapidamente, è essenziale evitare di lasciare l’acqua nel decanter per più di un giorno. Per fare questo, è necessario stimare la quantità d’acqua necessaria. Pertanto, non riempite completamente la caraffa se non avete bisogno di una grande quantità d’acqua.

La seconda misura riguarda la pulizia ordinaria dell’apparecchio. La maggior parte dei modelli sono realizzati in plastica dura. Si possono quindi facilmente smontare e lavare sotto l’acqua corrente. Inoltre possono essere messe in lavastoviglie solo se confermato dal produttore. Ma prima di lavarle si raccomanda di rimuovere il filtro.

Ulteriori precauzioni per un utilizzo corretto

Per utilizzarle correttamente, evitate di immergervi acqua calda, in quanto ciò potrebbe danneggiarle. Se avete bisogno di acqua calda, dovete prima filtrare l’acqua e poi farla bollire. Anche l’acqua a temperatura molto bassa non è compatibile con questo tipo di dispositivo. Richiede una manutenzione regolare per prolungarne la durata.

La cartuccia filtro deve essere sostituita regolarmente per garantire una buona qualità dell’acqua ogni giorno. Dopo il filtraggio è importante mettere la caraffa in frigorifero per mantenere l’acqua fresca, evitare i batteri e garantire una buona igiene.

Caraffa filtrante: i dubbi di Altroconsumo

Per completezza di informazione vi riferiamo che un test effettuato da Altroconsumo nel 2007 sostiene però che le caraffe filtranti non siano molto utili

Questo sia in assenza che in presenza -perché sotto i limiti consentiti- di tracce di sostanze indesiderate nell’acqua di partenza.

Lo studio le accusa inoltre di non migliorare la qualità dell’acqua, ma addirittura di rischiare di peggiorarla dal punto di vista microbiologico (carica batterica) e chimico (aumento dei nitriti).

Questo potrebbe accadere in particolare se si tenesse a lungo tempo l’acqua nella caraffa filtrante, per il ristagno. Va detto che non sarebbe comunque un utilizzo corretto della caraffa stessa.

Noi pensiamo che per offrire un quadro chiaro e attendibile, sarebbero necessarie analisi accurate che mettano a confronto i vari tipi di acqua:

  • del rubinetto prima e dopo essere stata filtrata e quella imbottigliata di diversi brand.

Va detto che le aziende produttrici dispongono di certificazione dei propri sistemi di filtraggio, risultati conformi a tutti gli standard.

Le case produttrici delle caraffe filtranti hanno comunque dimostrato attenzione per l’ambiente con forti campagne di comunicazione per incentivare il riciclo dei filtri:

  • lo smaltimento delle cartucce infatti potrebbe generare danni all’ambiente se non effettuato correttamente.

Conclusioni

Le caraffe filtranti sono molto utili per utilizzare con più sicurezza l’acqua del rubinetto tutti i giorni, essendo in grado di ridurre o addirittura eliminare in totale i residui e gli altri elementi potenzialmente presenti nell’acqua del rubinetto come cloro, calcare, metalli pesanti e pesticidi.

Ci sono modelli in vetro, plastica e acciaio inox. Quando si acquista, è necessario prendere in considerazione in primo luogo la loro capacità. La capacità del modello dipenderà dalla quantità di acqua di cui avete bisogno ogni giorno e dal numero di persone nella vostra famiglia. È inoltre necessario assicurarsi che la caraffa possa entrare nel frigorifero.

Va evidenziato che che questi dispositivi non hanno la capacità di agire su microrganismi di natura batterica e questo ne limita il loro uso all’acqua potabile.

Sono una buona alternativa ad un impianto di trattamento delle acque reflue domestiche. Quest’ultimo non solo è costoso, ma richiede anche un’ampia manutenzione e costi di manodopera elevati.
Infine, va notato che l’utilizzo di acqua filtrata per i vostri elettrodomestici come le caffettiere o i bollitori può prolungarne la durata di vita.

A proposito di acqua

Sempre a proposito di acqua, eccovi altri approfondimenti su temi pertinenti:

Articoli correlati

Un commento

  1. Spesso la paura dell’acqua di rubinetto è giustificata. Io abito a lonigo, in provincia di Vicenza, e si è scoperto di recente che l’acqua della nostra falda era inquinata da più di 20 anni da una fabbrica locale, ricca di pfas che hanno provocato parecchi problemi di salute alle persone. Da quando l’ho scoperto, ogni volta che leggo che l’acqua di rubinetto è controllatissima… Insomma, meglio non dirlo alle persone delle mie zone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close