Chiropratica cos’è e quali benefici

di La Ica del 27 settembre 2016

Secondo la chiropratica, l’equilibrio psicofisico può essere ripristinato manipolando adeguatamente l’apparato muscolo-scheletrico. Particolare attenzione viene data alla relazione tra colonna vertebrale e sistema nervoso.

Chiropratica cos’è

Per la chiropratica, il corpo è rappresentato dalla cosiddetta ‘triade della salute‘, ovvero un triangolo equilatero. Ai vertici, sono presenti tutti gli elementi fondamentali per un completo equilibrio: ovvero l’aspetto strutturale, chimico e mentale. Agendo su di essi, l’operatore è in grado di risolvere lo squilibrio che si è venuto a creare.

Alla base di questa medicina alternativa, ci sono i principi del canadese Daniel David Palmer. Secondo Palmer, ogni malattia è provocata da disturbi del sistema nervoso.

Questi però sono determinati, a loro volta, da alterazioni nella struttura scheletro-muscolare dell’individuo, causando patologie fisiche che possono interessare gli organi. La teoria dichiara dunque che se le vertebre sono ben allineate, l’energia fluisce regolarmente verso apparati e tessuti. Solo così l’individuo è in buona salute.

Potrebbe interessarti anche: Medicina alternativa come funziona quali benefici

Chiropratica a cosa serve

Il chiropratico può trattare le più comuni patologie della colonna come: dolori cervicali, lombari, dorsali, scoliosi, colpo di frusta, ernie del disco e colpo della strega. Ma anche trattare dolori non inerenti come le distorsioni, le fitte intercostali, i dolori di bacino, anche, piedi e ginocchia.

Arriva a curare dalle otiti croniche al mal di testa, e dalle allergie alle nevriti passando per problemi digestivi, artrosi, malesseri da ciclo mestruale, affaticamento, sciatica, infortuni e vertigini.

chiropratica-bambini

Nel bambino, la chiropratica si rivela utile per risolvere infortuni, difetti di postura ed otiti

Il numero dei trattamenti chiropratici dipende dallo stato di salute del soggetto e, naturalmente, dalla gravità del problema. Di norma sono necessarie dalle sei alle sette sedute per la risoluzione dei sintomi, ma i primi benefici si possono ottenere già dopo la terza. Ad ogni incontro, l’esperto effettua correzioni manuali delle articolazioni, a cui segue un rilassamento generale.

Il massaggio chiropratico si fonda su manipolazioni e tecniche di aggiustamento manuale, che, correggendo i disturbi della colonna vertebrale, hanno l’obiettivo di restituire all’intero organismo benessere ed equilibrio. Ecco perché, come l’osteopatia, la chiropratica viene definita ad una disciplina olistica.

triangolo-kinesiologia

La cosiddetta ‘triade della salute’ descrive quali sono i tre elementi fondanti dell’equilibrio psicofisico. Su di essi, agisce il chiropratico, per ripristinare lo stato di salute

Le manipolazioni avvengono dopo un colloquio preliminare volto a conoscere il paziente. Le sue abitudini di vita, gli interventi chirurgici e i traumi subiti, nonché i farmaci che prende. Prima dell’indagine fisica, volta al controllo posturale e della spina dorsale tramite la cosiddetta ‘palpazione dinamica’, avviene una valutazione dello stato fisico, tramite esami medici come radiografie, risonanze magnetiche e TAC.

Ecco due libri che ci possono aiutare a capire meglio cosa sia la chiropratica:

Chiropratica benefici

Poiché il corpo è un unicum, i cui organi e apparati sono tra loro collegati, la chiropratica sostiene che a esso non si debba né togliere (attraverso la chirurgia) né aggiungere (attraverso la farmacologia) nulla. Lo stato di salute dell’individuo è infatti ripristinabile, semplicemente, sollecitando la sua innata capacità di guarigione.

chiropratica

A differenza dell’osteopata, che lavora solo sulle articolazioni, il chiropratico manipola anche altre ossa del corpo, non solo la colonna

Tuttavia, il massaggio chiropratico non serve solo a trattare il mal di schiena, è rivolta a tutti coloro che soffrono di disturbi causati da microtraumi, stress ed errato stile di vita.

Alleviando lo stato di dolore, la chiropratica può consentire infatti l’abbandono delle terapie farmacologiche. È quindi utilizzabile da tutti, anche persone in sovrappeso, donne in stato di gravidanza e bambini, senza controindicazioni.

Potrebbero interessarti anche queste discipline:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment