Osteopatia scopriamo cos’è e quali sono i benefici

di La Ica del 30 settembre 2016

L’osteopatia è un metodo terapeutico di cura-prevenzione. Utilizzando le mani come strumento diagnostico, evidenzia le problematiche dell’apparato muscolo-scheletrico. Ristabilendo la mobilità e l’armonia funzionale delle articolazioni, riporta il flusso energetico allo stato ottimale.

Cos’è l’osteopatia

Allo stesso modo della chiropratica, l’osteopatia stimola la naturale capacità di recupero del fisico. Ma a differenza di questa, non interviene sulle ossa bensì sulle articolazioni, allo scopo di ri-ottimizzare i processi fisiologici e fisici dell’individuo.

Alla base della pratica, c’è la convinzione di Andrew Taylor Still, un chirurgo americano della fine dell’Ottocento, secondo cui le alterazioni della mobilità articolare e tessutale possono provocare una serie di disfunzioni fisiche con sintomatologie più o meno dolorose.

Queste, riducendo la performance funzionale del corpo, possono provocare danni organici.

Il perno fondante è l’integrazione tra corpo, mente e spirito. Uno stato di salute ottimale prevede che se i distretti osteo-muscolari sono sofferenti, l’energia necessaria alle altre componenti non fluisca come dovrebbe, provocando così uno squilibrio.

Potrebbe interessarti anche: Chiropratica cos’è e quali benefici

Osteopatia benefici

Attraverso la manipolazione di determinate aree dell’apparato muscolo-scheletrico, l’osteopata calma lombalgie, carvicalgie e fasciti, anche senza l’utilizzo di farmaci e indagini radiologiche. Per questo l’osteopatia viene spesso utilizzata, in complementarietà con la fisioterapia, dagli sportivi.

Studio Osteopata Rimini

L’osteopatia si divide in tre branchie: strutturale, cranio sacrale e viscerale. L’osteopatia viscerale interviene su ernia iatale, dolori mestruali, cefalea, bronchite e stitichezza

L’osteopatia riduce il dolore accelerando la guarigione di torcicollo, sciatica e contratture muscolari dovute a tensione o trauma. È utile altresì a correggere gli errori posturali. Inoltre, intervenendo sui nervi e i vasi sanguigni adiacenti, è in grado di intervenire positivamente nella cura di asma, affezioni polmonari ed otiti. Ma anche coliche addominali, dismenorrea e altre patologie viscerali.

Il massaggio cranio sacrale apporta benefici a chi soffra di cefalea, sinusite, problemi a occhi e orecchie, dislessie e disturbi dell’apprendimento. Ecco perché può essere eseguito senza controindicazioni anche su bambini, donne in stato interessante ed anziani.

Ripristinando una normale mobilità, il corpo rinormalizza la circolazione sanguigna e dunque la sua capacità di autoguarigione. Gli effetti dell’osteopatia sono visibili già dalla prima seduta, ma sono massimizzabili se vi si aggiungono correzioni delle abitudini alimentari, nel comportamento e nello stile di vita.

osteopatia

Alla base dell’osteopatia c’è la necessità di intervenire sulle articolazioni per ripristinare il corretto flusso energetico. Questo, quando alterato da traumi o tensioni articolari, provoca infatti disturbi e patologie organiche

L’osteopatia dunque, a differenza dei diversi approcci appartenenti alla medicina tradizionale, non interviene sulle sintomatologie ma sulle cause. Infatti il trattamento manuale ha lo scopo di eliminare ‘gli ostacoli’ che impediscono al corpo di tornare in salute. Ovviamente si tratta sempre di lesioni articolari reversibili.

Informati anche su Kinesiterapia: tecniche principali e benefici

Il trattamento osteopatico

Negli Stati Uniti, la pratica è entrata a far parte della Sanità Pubblica già nel 1991. Mentre in molti Paesi d’Europa non è ancora stata riconosciuta, se non come parte dei trattamenti di medicina alternativa.
Un osteopata in Italia, oltre dunque a possedere un proprio ambulatorio, può collaborare con altre figure specialistiche della medicina convenzionale.

I settori di intervento sono molteplici, poiché riguardano dall’ortopedia all’otorinolaringoiatria, toccando pediatria, oculistica, urologia, gastro-enterolologia e persino cardiologia e ginecologia.

L’osteopatia neonatale e pediatrica si fondano su approcci gentili e non invasivi. Possono essere utili a risolvere anche problemi posturali, iperattività, irritabilità e pianto eccessivo

Generalmente, la prima visita dura 30 minuti. L’operatore ascolterà la storia del paziente, i disturbi di cui soffre e gli eventuali farmaci che prende o terapie che segue.
Gli rivolgerà domande su stile di vita, hobby ed abitudini. Poi passerà alla manipolazione, fase in cui il soggetto dovrà spogliarsi parzialmente per permettere l’identificazione dei punti deboli o delle tensioni.

In alcuni casi, una diagnosi medica scritta o referti radiografici potrebbero essere utili a identificare eventuali controindicazioni allo svolgimento delle sedute. L’obiettivo è avere un quadro il più possibile completo della situazione, per individuare il trattamento più indicato per il problema in questione.

Eccovi anche alcuni libri per approfondire il tema:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment