Spesa biologica

Come vestirsi cruelty-free: consigli pratici

Eccovi alcuni consigli pratici su come vestirsi cruelty-free, per uno stile di vita che sia sempre più sostenibile.

Come vestirsi cruelty-free: consigli pratici

La scelta di vivere in modo cruelty-free sta ‘contagiando’ sempre più persone in tutto mondo.

Grazie anche ad internet, infatti, si sta spostando il focus da una prospettiva ‘antropocentrica’ ad una ‘biocentrica’ che tende a salvaguardare le varie forme di vita presenti sul nostro pianeta, con particolare riguardo ad esseri senzienti come gli animali non umani.

Oltre ad intraprendere una dieta vegetariana o vegana, però si può contribuire alla realizzazione di un mondo meno piegato dalla logica dello sfruttamento animale anche attraverso un’attenta scelta dei capi di vestiario.
Bandite, per ovvi motivi, le pellicce e gli inserti di cui sono spesso corredati i vari capi di abbigliamento, è bene fare attenzione anche alla scelta di calzature e accessori come borse o guanti, andiamo per ordine con i nostri consigli.

Come vestirsi cruelty-free: alcuni suggerimenti

Ma quali sono le regole e le soluzioni pratiche che possiamo mettere sul tavolo per un modo di vestire che sia a minimo impatto anche etico? Vediamo alcuni spunti di seguito:

Le scarpe vegan

Nel caso delle scarpe, si possono cercare articoli realizzati in materiali sintetici come la Lorica o il Vegetan, disponibili in negozi come Il gatto con gli stivali a Roma, già citato in questo articolo; meno problemi si pongono, invece, in estate, periodo in cui è di gran lunga più semplice trovare scarpe in tela.

Le borse vegan

Ne abbiamo scritto in un apposito articolo.. e anche online si trovano diverse proposte, griffate e non:

Stella McCartney borsa a spalla falabella small donna grigio
Prezzi aggiornati il 26-10-2020 alle 10:38 PM.
Roxy Vegan Brownie Crossbody Bag, Camel
Prezzo: 62,48 €
Prezzi aggiornati il 26-10-2020 alle 10:38 PM.
Stella McCartney borsa a mano Falabella tiny donna beige
Prezzi aggiornati il 26-10-2020 alle 10:38 PM.

Alternative alla lana

Meno nota è la crudeltà sottesa alla produzione di lana, realizzata per mezzo della tosatura spesso praticata con mezzi meccanici, dolorosi e cruenti per gli animali, esponendoli alle intemperie anche in pieno inverno.

D’altra parte, le pecore meno produttive e redditizie vengono sostituite con capi più giovani e mandate al macello.

In sostituzione alla lana esistono numerosi tessuti alternativi ed altrettanto caldi e comodi da indossare come il velluto, la flanella, il pile, o la ciniglia.

Al bando i piumini

Un’altra fonte di atroci sofferenze per esseri senzienti come le oche è rappresentata dallo spiumaggio finalizzato a riempire piumini e trapunte.

Questa pratica viene eseguita a partire dalle otto settimane di vita del pulcino e replicata a distanza di due mesi, fino a che la qualità delle piume decresce: a questo punto il destino delle oche è segnato dalla morte che avviene nell’immediato attraverso l’invio al macello o lentamente dopo un’altra orribile tortura come il gavage.

Niente seta

Perfino un tessuto simbolo di eleganza come la seta è l’esito di un processo di sfruttamento cruento dei bachi da seta: i piccoli bachi sono bolliti vivi per poter estrarre il pregiato materiale dal loro bozzo.

Quando si parla di sfruttamento animale, purtroppo, le insidie sono nascoste dove meno ci si aspetta: tocca a noi scovarle e adeguare il nostro stile di vita in una direzione il più possibile priva di crudeltà.

Ce lo mettiamo come buon proposito per l’anno nuovo, che ne dite?

Altri spunti utili

Eccovi altri articoli correlati al tema della moda Cruelty Free che vi consiglio di leggere:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close