Gambe pesanti e stanche: cause, sintomi, rimedi

di Giulia Martensini del 15 maggio 2017

Il disturbo delle gambe pesanti è un problema che affligge moltissime persone che quotidianamente si trovano a fare i conti con gonfiore, intorpidimento e formicolii. Il più delle volte è legato a un problema di circolazione piuttosto che dell’apparato muscolare.

Nel nostro corpo il sangue tende a scendere verso il basso per forza di gravità. È solo grazie al tono delle vene e alla spinta muscolare dei polpacci e dei piedi che permette la risalita del flusso sanguigno verso il cuore.

Quando però il sangue non riesce a risalire, tende ad accumularsi all’interno dei vasi venosi. Questi ultimi, sottoposti ad una tensione eccessiva tendono a dilatarsi, non riuscendo più a contenere il sangue e ponendo le basi per i disturbi micro circolatori.

Si tratta di un problema comune. È stato calcolato che circa il 60% degli europei è affetto da disturbi circolatori alle gambe.

Come per le gambe gonfie, le donne sono la categoria più colpita dai fastidi delle gambe pesanti e stanche. Quasi la metà lamenta problemi già intorno ai trent’anni. Ciò è dovuto delle oscillazioni di ormoni che occorrono in certe fasi del ciclo mestruale, soprattutto nel periodo pre-ciclo.

Gambe pesanti: quali sono le cause?

Le principali categorie di persone a rischio di gambe pesanti sono:

  • Chi ha familiarità con disturbi micro circolatori. E’ risaputo che spesso questi problemi si sviluppano a causa di una predisposizione genetica che può manifestarsi nel corso degli anni in seguito ad episodi specifici. Tra questi, gravidanza, sovrappeso o eventi traumatici.
  • Chi segue una cattiva alimentazione. Un’alimentazione ricca di grassi e povera di fibre (fast-food, alimenti in scatola, cibi surgelati o precotti) può causare sovrappeso. L’inevitabile affaticamento provoca gambe pesanti. La carenza di fibre, inoltre, rallentando il transito intestinale può contribuire alla sensazione di pesantezza agli arti inferiori.
  • Chi svolge lavori sedentari, o viceversa, chi passa molto tempo in piedi. In entrambi i casi si favorisce la stasi del sangue nelle vene delle gambe che conduce allo sviluppo di disturbi venosi.
  • Chi viaggia spesso. Persino viaggiare tutti i giorni può portare all’insorgere di questo problema, a causa delle posizioni scomode o errate. Posizioni non corrette ad esempio in macchina, in treno o in aereo causano gonfiori, specialmente ai piedi.
  • Chi pratica sport a livello agonistico. In particolare chi pratica ciclismo, corsa o calcio può soffrire di contratture muscolari e di acido lattico nei muscoli. Ciò provoca infiammazioni e crampi che però di solito spariscono nel giro di 24/48 ore.
  • Chi soffre di trombosi venosa profonda: quando accade che una delle vene in profondità sia bloccata da un coagulo questo rende la gamba gonfia e dura, oltre a causare dolori intensi.

È importante aggiungere che le persone che soffrono di diabete, i fumatori e chi indossa vestiti stretti spesso hanno problemi di circolazione nelle gambe

I sintomi delle gambe pesanti

Tra i segnali che indicano un disturbo al micro circolo troviamo:

  • Gonfiore localizzato sotto le caviglie.
  • Presenza di vene varicose: affiorano formando rilievi visibili sulla superficie delle gambe e, quando non trattate, possono diventare croniche.
  • Bruciore e formicolii.
gambe pesanti

L’importanza di liberarsi dalla sensazione fastidiosa e persistente delle gambe pesanti

Gambe pesanti, i rimedi naturali

Vediamo di separare i consigli generali dai rimedi specifici.

Consigli generali

Ci sono diverse maniere in cui possiamo ritardare o alleviare i sintomi da gambe pesanti.

In linea generale è importante avere uno stile di vita sano. Mangiare in maniera equilibrata e varia, cercando di ridurre il peso in eccesso e praticare esercizio fisico. Analogamente, è importante vestirsi con pantaloni comodi, preferendo i tessuti naturali a quelli sintetici e avere delle scarpe che offrano un sostegno alla colonna vertebrale. Questi piccoli accorgimenti miglioreranno certamente la salute delle gambe.

SPECIALE: Camminare benefici: tutti i perché di una bella camminata

I rimedi della nonna

I consigli della nonna che si tramandano da madre in figlia sono spesso quelli più semplici, ma efficaci.

Nello specifico, uno dei più facili è passare, meglio se tutti i giorni, un getto di acqua fredda sulle gambe, dal basso verso l’alto per favorire la circolazione .

Alla fine della giornata è utile sdraiarsi tenendo le gambe in verticale appoggiate al muro per almeno un minuto.

Un altro rimedio classico per le gambe gonfie e stanche consiste nel dormire con le caviglie sopra un cuscino. In questo modo, avremo i piedi sopra il livello del cuore. Questo consente di ridurre la ritenzione idrica o l’infiammazione delle gambe accumulata nella giornata

Stile di vita

A scopo preventivo è importante non diventare schiavi della sedentarietà ma svolgere delle sessioni di ginnastica dolce (bastano anche 30/40 minuti di camminata al giorno) per riattivare la circolazione sanguigna e rafforzare la muscolatura in maniera soft. Al contrario, un’attività fisica troppo intensa potrebbe risultare traumatica e portare alla rottura dei capillari.

FOCUS: Ginnastica in gravidanza, gli esercizi da fare

Anche una corretta postura può risultare efficace. Spesso una cattiva postura può essere causata da calzature scorrette che aumentano lo stress sul sistema muscolo-scheletrico di schiena, fianchi e gambe.

Rimedi naturali per le gambe pesanti e stanche

Se siamo alla ricerca di un aiuto extra, in campo erboristico si trovano moltissimi prodotti in grado di risolvere questi disturbi.

Tra gli altri troviamo la vite rossa. Possiede notevoli proprietà antiossidanti e vaso-protettrici ed è spesso usata per riattivare la circolazione del sangue.

La centella asiatica serve per dare sollievo contro l’insufficienza venosa, mentre il ginkgo biloba è utile per ridurre il gonfiore delle gambe e dare un nuovo tono ai vasi sanguigni.

Il mirtillo nero favorisce la protezione dei vasi sanguigni, con un’azione benefica che va a ridurre la pesantezza delle gambe. L’ippocastano è efficace nel ridurre edemi e gonfiori alle gambe, mentre la radice di rusco può tornare utile per rafforzare le pareti dei vasi sanguigni.

Ti potrebbero interessare anche questi articoli:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment