Guida alle case di legno, libro di Paolo Crivellaro

di Alessandra Mambri del 10 febbraio 2015

Si intitola “Guida alle case in legno” il nuovo libro di Paolo Crivellaro. Volume di 168 pagine, riccamente illustrato, che accompagna il lettore nella realizzazione del proprio sogno di costruire una casa in legno suggerendo le scelte più appropriate per la realizzazione di una casa sostenibile dal punto di vista ambientale ed economico.

Negli ultimi anni è aumentata notevolmente la richiesta di costruzioni abitative realizzate esclusivamente in legno.

Nel settore della prefabbricazione il legno è senza dubbio il numero uno e il grado di prefabbricazione può essere adeguato alle esigenze individuali.

Diffuse principalmente nei paesi nordeuropei ed in quelli nordamericani questa tipologia di case prefabbricate, totalmente costruite in legno, sta prendendo piede anche in Italia.

Nel nostro paese il legno è da sempre apprezzato ed utilizzato come elemento di rifinitura ed abbellimento, oggi invece ci si è resi conto anche degli incredibili vantaggi presentati da questa tipologia di struttura abitativa:

  • basso consumo energetico (circa 90% in meno rispetto alle case tradizionali)
  • alto isolamento termoacustico
  • strutture antisismiche
  • niente umidità
  • meno presenza di polveri e resistenza alle più difficili condizioni atmosferiche
  • alto isolamento termico
  • riduzione delle spese per la climatizzazione
  • minor  costo complessivo degli impianti per il riscaldamento
  • la permeabilità al vapore
  • ambiente sano e naturale
  • rispetto dell’ambiente essendo il legno completamente riciclabile

È ancora molto diffusa l’idea che la casa di legno non abbia la stessa durata, resistenza e stabilità di una in muratura. Come si osserva però nei paesi dove se ne fa largo uso (quali Germania, Austria, Svezia, ma anche Europa dell’est) il legno è un materiale amato e largamente utilizzato da molte generazioni ed il numero di edifici di legno pubblici o privati è enorme.

Il legno, grazie all’ottimo rapporto forza-peso, risulta essere il materiale con la maggior resistenza alla trazione e alla compressione, oltre ad avere delle ottime caratteristiche isolanti sia termiche che acustiche; una casa costruita in legno pesa 1/4 di un immobile realizzato in cemento: questo aspetto la rende meno soggetta a danni causati da terremoti che sono direttamente proporzionali alla massa del manufatto soggetto a queste sollecitazioni.

Importante, per mantenere inalterate le caratteristiche del prefabbricato, è la corretta manutenzione del legno con cui è realizzato. Inoltre, in linea con le normative e disposizioni tecniche, la durata delle case di legno è stata fissata in cinquant’anni. L’esperienza ci dimostra però che una costruzione di legno di cinquant’anni può resistere tranquillamente per ulteriori 50 anni, presentando la stessa stabilità. La velocità del progresso e le ricerche nel settore  delle costruzioni di legno hanno contribuito a scongiurare, con tecniche adeguate, il maggior pericolo per il legno: l’acqua.

In questo modo si garantisce la durabilità nel tempo, oltre gli anni stimati. Altri aspetti da non sottovalutare di questa tipologia di struttura in legno sono: l’ impatto ambientale, quasi nullo e la velocità dell’esecuzione e della programmazione dei lavori. Grazie alla progettazione dettagliata di ogni elemento, occorrono solo alcuni giorni per il montaggio di una casa in legno, incluso il tetto. La lavorazione eseguita totalmente negli stabilimenti è indipendente dalle condizioni climatiche e ciò consente di ottenere livelli di qualità maggiori e un continuo controllo della qualità stessa. In confronto ai materiali a base minerale, le costruzioni di legno non necessitano dei termini per il disarmo e dei tempi di asciugatura. Ciò ha come vantaggio che tutte le case di legno sono immediatamente abitabili!

Scopri tutto su queste due case:

Le pareti non devono essere per forza pesanti e massicce. Le moderne strutture di legno combinano costruzioni multistrato con materiali termoisolanti. Il disaccoppiamento acustico e un accurato studio dei dettagli di connessione consentono persino di rispettare i requisiti acustici più severi. In questo modo le case di legno sono in grado di raggiungere la stessa protezione contro il rumore aereo delle costruzioni in muratura, addirittura con spessori e massa minori.

Se vengono presi in giusta considerazione tutti gli aspetti come l’orientamento dell’edificio, una accurata divisione dello spazio, la separazione di ambienti di quiete da quelli rumorosi, una casa di legno può essere una vera oasi di pace e intimità.

Molti luoghi comuni su questo tipo di costruzioni, unitamente alle scarne notizie reperibili a loro riguardo, ne limitano attualmente la diffusione. Pertanto, una corretta informazione sulle case in legno è il fattore determinante per promuoverne la conoscenza, così da portare gradualmente gli edifici in legno a essere da fenomeno di nicchia a concreta alternativa ai sistemi di costruzioni tradizionali.

L’autore è Paolo Crivellaro – bioarchitetto specializzato nella progettazione di case prefabbricate in legno a basso consumo di energia. Collabora abitualmente con alcune grandi ditte tedesche. Gestisce caseprefabbricate, uno dei primi blog italiani che discute della costruzione e manutenzione delle case in legno.

Dettagli del libro:

Titolo: Guida alle case di legno
Autore: Paolo Crivellaro

  • Casa editrice: Terra Nuova Edizioni.
  • Anno di pubblicazione: 2012
  • Pagine: 168 pagg

E se volete acquistarlo….

Outbrain

{ 4 comments… read them below or add one }

magda gennaio 26, 2015 alle 8:10 pm

Salve consiglio di visitare questo sito http://www.casedilegnosr.it
hanno modelli di case di legno molto belli
lavorano molto bene …

Rispondi

FassLuca gennaio 6, 2015 alle 8:19 pm

Ciao, io ho acquistato una casa in legno da http://www.lignius.it/ e si sono rivelati veramente professionali nel loro lavoro, mi ero indirizzato sul legno perché mio zio ne ha edificata una qualche anno fa, li per li avevo molti dubbi, ma appena l’ho vista realizzata mi sono detto che poteva essere la scelta ideale anche per me e la mia famiglia. I prezzi sono stati veramente bassi e oltretutto non sembrano veramente in legno, esteriormente sfido chiunque a trovare delle differenze. Il risparmio sui consumi sono veramente alti, prima stavamo in affitto in una casa di 60 mq e spendevo molto di più di adesso!

Rispondi

Sara novembre 8, 2013 alle 5:26 pm

La durata delle case in legno è stata fissata in 50 anni? Ma che significa? Dopo va buttata giù e ricostruita per ragioni di sicurezza?
Grazie
Sara

Rispondi

casa in legno marzo 7, 2013 alle 2:28 pm

Super sito!

saluti

Rispondi

Leave a Comment