Agricoltura biologica

La carta che mantiene frutta e verdura bio fresche più a lungo e… senza chimica!

Vivendo da sola, spesso mi capita di non riuscire a consumare tutta la frutta e verdura che compro, prima che sia troppo tardi… Per evitare spiacevoli inconvenienti e sprechi di cibo, Kavita Shukla ha creato FreshPaper; un foglio di spezie organiche avvolto in carta assorbente, che mantiene intatti i cibi freschi fino a quattro volte in più che al naturale!

La carta che mantiene frutta e verdura bio fresche più a lungo e… senza chimica!

Partita come una ricerca scolastica, l’idea venne durante una visita in India della ragazza. Shukla bevve dell’acqua cattiva e la nonna le diede un infuso di spezie per calmarle il mal di stomaco. Ed ecco che FreshPaper divenne, nel giro di poco tempo, una realtà.

SCOPRI ANCHE: Come purificare l’organismo: ecco alcune diete detox

Considerando che circa il 50% delle scorte di cibo nel mondo finiscono nella spazzatura, non sorprende che Shukla sia stata premiata con il prestigioso INDEX Award, conosciuto come il riconoscimento più importante nell’ambito del design sostenibile.

FreshPaper è un’idea semplice, economica ed eco-sostenibile” ha dichiarato il Presidente della Giuria di Index Award, Mikal Hallstrup. “Il suo potenziale è quello di migliorare la vita delle persone, incluse quelle che vivono sotto la soglia di povertà, laddove l’accesso ai frigoriferi è limitato. E il suo, è il tipico esempio di ciò che significa design sostenibile. Ad oggi non è importante produrre di più, ma prevenire gli sprechi”.

FreshPaper è per ora venduto nella catena americana di cibo bio ‘Whole Foods’ degli Stati Uniti, Canada e Australia. Ma se siete interessati all’idea, potete sempre prendere spunto o tenere sott’occhio il sito ufficiale di Fenugreen in attesa di nuovi sviluppi (ed è certo che ce ne saranno!)

Potrebbe interessarti anche:

La Ica

Web editor freelance per portali e siti che si occupano di viaggi, lifestyle, moda e tecnologia. Districatrice di parole verdi per TuttoGreen dal maggio 2012, nello stesso anno ha dattiloscritto anche per ScreenWeek. Oggi, pontifica su Il Ruggito della Moda, scribacchia di cinema su La Vie En Lumière, tiene traccia delle sue trasvolate artistiche su she)art. e crea Le Maglie di Tea, una linea di magliette ecologiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close