Mangiare sano

Da Harvard il piatto del mangiare sano, un metodo empirico molto semplice per mangiare meglio

Conoscete il piatto del mangiare sano? Scopriamo come mangiare in maniera equilibrata e corretta con pochi accorgimenti grazie a un modello molto semplice sviluppato dagli esperti della celebre università di Harvard.

Da Harvard il piatto del mangiare sano, un metodo empirico molto semplice per mangiare meglio

Mangiare sano ed equilibrato è il primo passo per prendersi cura di sé, non solo per dimagrire e raggiungere un peso ideale, ma anche per tenere sotto controllo la propria salute.
Spesso si saltano i pasti, si trasgredisce con qualche spuntino di troppo e subito i sensi di colpa ci assalgono. Ma è davvero così difficile imparare a mangiare in maniera corretta?

La piramide alimentare e il piatto del mangiare sano

Vi abbiamo già spiegato il concetto di piramide alimentare ma vogliamo presentarvi un modello molto semplice che gli esperti della Harvard School of Public Health hanno realizzato per render semplice ed intuitivo questo tipo di organizzazione dei pasti: il piatto del mangiare sano. Si tratta della composizione ideale di un piatto per un pasto.

alimenti vegani mangiare sano
Frutta, verdura, cereali e semi in abbondanza: non si sbaglia mai!

Suddividendo un piatto in diverse sezioni dedicate ai vari alimenti, possiamo essere certi di impostare il pasto in maniera equilibrata.

Il piatto del mangiar sano: un metodo empirico facilissimo

Vediamo come applicarlo:

  • Metà piatto è riempito con frutta e verdura, variando in colori e tipologie. Patate e patatine fritte non devono essere considerate.
  • Un quarto di piatto è dedicato ai cereali integrali: frumento integrale, riso, avena, orzo e simili. I cereali integrali essendo meno raffinati non vanno ad influire troppo sui valori della glicemia.
  • Il restante quarto è per le proteine: attenzione alla carne rossa e alle carni lavorate (come gli hamburger); preferite piuttosto carni bianche, pesce, fagioli, noci.

Inoltre:

  • Usate solo i grassi sani: preferite sempre l’olio d’oliva sia per il condimento che per la cottura dei cibi, mentre evitate il più possibile il burro.
  • Bevete acqua o una tazza di caffè o tè: quindi escluse le bevande zuccherate o gassate.

Copyright foto © 2011 Harvard University, per maggiori informazioni sul piatto del mangiar sano, per favore consulta The Nutrition Source, Department of Nutrition, Harvard T.H. Chan School of Public Health, e Harvard Health Publications, harvard.edu

E ricordate l’ultima massima: muovetevi! L’immagine dell’omino che corre in basso è un monito a mantenersi sempre attivi, cercando di fare attività fisica e di preferire lunghe passeggiate all’utilizzo dell’auto.

Solo unendo il movimento ad un’alimentazione adeguata, che risponda al reale fabbisogno calorico, si potranno ottenere benefici per il nostro organismo.

Il piatto del mangiare sano è un promemoria da stampare e portare sempre con sè, magari lo potete appendere in cucina per ricordarvi ogni giorno come organizzare i pasti.

Alcuni studi portati avanti dalla stessa Harvard School of Public Health hanno dimostrato come seguire un’alimentazione di questo tipo riesca a diminuire i rischi di malattie cardiache e morte prematura.

Perché allora rinunciare al proprio benessere quando basta così poco?

Qualche altro approfondimento utile

A proposito di mangiare sano ed alimentazione, eccovi altri articoli molto pertinenti da leggere:

Alessia

Nata in Abruzzo nel 1982, si trasferisce a Roma per conseguire una laurea e un master in psicologia, ma dopo una decina d'anni rientra nel suo piccolo paese ai piedi della Majella, fuggendo dalla vita metropolitana. Attualmente coniuga l'attività di psicologa libero professionista con la passione per la scrittura, un hobby coltivato sin dalle scuole superiori. Collabora con la redazione di Tuttogreen dal 2011, cura un blog personale di taglio psicologico e scrive articoli per un mensile locale. Nel tempo libero ama passeggiare nei boschi e visitare i piccoli borghi, riscoprendo le antiche tradizioni d'un tempo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close