Orto e giardino

Orti urbani a Roma, sorgono al posto della tangenziale

Come trasformare una ex-tangenziale in orti urbani a Roma. Questo sembra essere lo slogan perfetto per descrivere quello che si appresta a fare il Comune di Roma aderendo al progetto pilota ‘Coltiviamo la città’ grazie al quale un intero tratto in disuso e ormai dismesso della tangenziale est diventerà un modernissimo giardino agronomico di oltre 2 km di lunghezza per 20 di larghezza. Il progetto, nato nell’ambito di Agenda 21 della Carta di Aalborg, ha come obiettivo principale la riqualificazione delle aree urbane in stato di degrado e abbandono e la loro riconversione in ‘spazi sociali’, in aree sostenibili e verdi utilizzabili come luoghi di aggregazione sociale culturale e di attività agricole in ambito urbano.

Orti urbani a Roma, sorgono al posto della tangenziale

Potrebbe interessarti: Orto diffuso a Roma: orti urbani per rivitalizzare la città

Da Batteria Nomentana fino ad arrivare a via Lorenzo il Magnifico, l’opera di riqualificazione progettata dall’associazione responsabile dell’iniziativa consisterà nella creazione di un giardino pensile di forte impatto estetico, al quale seguiranno attività didattiche, culturali e commerciali connesse e un muro verde ricoperto da piante rampicanti che fungerà da barriera isolante per l’inquinamento atmosferico e acustico.

All’interno del giardino ogni spazio sarà declinato ad attività agricole ben precise: ci sarà un’area dedicata a nonni e bambini, un’area agronomica gestita direttamente ed esclusivamente dalle scuole, il giardino dei meli dove si coltiveranno 16 tipologie di mele del Lazio, un fruttaio e un auditorium. Per arrivare al giardino capitolino più grande della città (52.000 ettari di superficie verde) si potrà utilizzare una nuova pista ciclabile creata ad hoc e un percorso pedonale.

Leggi anche: A Roma si assegnano 33 mila mq per farne orti urbani

Un’occasione unica per la nostra capitale e per tutte le città italiane ed europee di riaffermare il valore delle risorse naturali in ambito urbano. Un passo significativo verso la riconversione delle aree urbane degradate tanto caldeggiata dall’Unione Europea. Si tratta di una chance concreta per rilanciare un modello di urbanizzazione sostenibile e di sviluppo ‘dal basso’ che possa offrire alla comunità un’opportunità di crescita socio-culturale davvero importante.

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close