Orto e giardino

Orti urbani: una mania moderna che viene dalla seconda guerra mondiale

Che si faccia sul balcone, sul terrazzo, in un fazzoletto di terra, pubblico o ricavato in un’area condominiale, nelle città italiane continua a crescere il numero di cittadini che si improvvisa urban farmer, non solo per avvicinarsi ad un modo più ecologico e sostenibile di provvedere al fabbisogno alimentare domestico, ma anche per tagliare i costi relativi alla spesa alimentare che, come testimoniano le cronache e il crollo dei consumi, è una delle voci di costo che abbiamo dovuto ridimensionare per via della crisi economica.

Orti urbani: una mania moderna che viene dalla seconda guerra mondiale

COME FARE: Un orto domestico coinvolgendo i bimbi. Ecco alcuni trucchi

Secondo la Confederazione italiana agricoltori gli italiani che hanno abbracciato questa pratica riescono a risparmiare il 10% del costo complessivo destinato ai prodotti alimentari vegetali: tradotto in termini pratici, vuol dire che sempre più connazionali raccolgono frutta, ortaggi, legumi ed erbe aromatiche  direttamente dal balcone di casa propria, meglio se orientato a sud-ovest dove l’esposizione solare è generalmente ottimale per la crescita di fragole, zucchine, pomodori, basilico e ogni altro tipo di varietà tipica del ‘fai-da-te’ agricolo.

Nel 2012 in particolare, il numero dei coltivatori dilettanti nel Bel Paese è cresciuto del 9% arrivando a quasi 5 milioni di italiani. Ciò significa che una famiglia di italiani su tre ha iniziato a dedicarsi al ‘caro vecchio orticello’ coniugandolo, in molti casi, alla classica attività di giardinaggio.

LO CONOSCI? Orti urbani: ecco l‘identikit del contadino di città

Ma cos’è che si coltiva maggiormente? Le prime posizioni della speciale classifica sono occupate da pomodori e insalate (36%), seguono le erbe aromatiche (29%), la frutta (18%), e tra le verdure spiccano zucchine, melanzane e piselli (17%).

Il fenomeno, come detto, trova origine in fattori economici e sociali piuttosto marcati: basti pensare che con gli odierni 1,8 milioni di ettari destinati agli orti urbani, nel 2012 si è superata la superficie coltivata durante la Seconda Guerra Mondiale, quando le necessità – sebbene faccia un po’ specie pensarlo – erano più o meno analoghe.

Leggi anche su queste esperienze di orti urbani in Italia:

Le aree del paese in cui si coltiva di più sono il Nord Ovest e il Nord Est (rispettivamente 72% e 60%) dove quasi metà delle città è dotato di orti urbani. Al Sud, invece, le uniche città attive in tal senso sono Napoli, Palermo, Andria e Barletta.

Insomma, che si tratti di bisogno indotto dalla crisi, di una ritrovata sensibilità ecologista, della semplice  voglia di ritagliarsi un ‘angolo di serenità’ lontano dalla routine quotidiana o di una vera e propria ‘mania’,  la filiera dei prodotti agricoli destinati al consumo alimentare non è mai stata più corta di così…

SCOPRI COME Coltivare l’orto in casa: ecco come fare

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close