Parco Naturale dei Monti Simbruini – Lazio

di Claudio Riccardi del 6 maggio 2012

Basta percorrere pochi chilometri da Roma, ed ecco che si viene catapultati in uno scenario incontaminato, dove a farla da padrone sono i colori della natura e i crinali montuosi.

Parco Naturale dei Monti Simbruini – Lazio

Con i suoi 30 mila ettari di estensione, a cavallo tra la valle dell’Aniene, la provincia di Frosinone e il confine con l’Abruzzo, il Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini rappresenta la più vasta area protetta del Lazio.

FOTO: scopri le immagini del Parco Naturale dei Monti Simbruini

Sette sono i Comuni interessati: Jenne, sede dell’Ente, Subiaco, Camerata Nuova, Cervara di Roma, Filettino, Trevi nel Lazio e Vallepietra. Elemento dominante di questo scenario è l’acqua, presente in abbondanza con le sue fonti sorgive, il fiume Aniene, il torrente Simbribio e tre laghi artificiali.

Intorno stanno le montagne del sistema orografico dei Simbruini: le vette del Monte Viglio,  del Monte Cotento, del Tarino e del Monte Autore, tutte intorno ai 2000 metri, offrono visuali suggestive. La catena è interrotta da pianori e grotte di origine carsica, faggete che delimitano distese pianeggianti, doline ed inghiottitoi che testimoniano il lavoro secolare dell’acqua sulla matrice rocciosa..

FOTO: scopri le immagini del Parco Naturale dei Monti Simbruini

Il Parco può essere visitato anche con l’occhio rivolto alle testimonianze di epoche passate, in un excursus storico che abbraccia millenni. Si va dalle mura “saracene” di Filettino, risalenti al IV – V secolo a.C., ai ruderi dell’antico abitato di Camerata, passando per  il Santuario della SS. Trinità a Vallepietra ed il centro abitato di Subiaco, dove ogni angolo è intriso di storia: il Convento di San Francesco  con il vicino ponte medievale, l’arco trionfale, la concattredale di Sant’Andrea  e tutto il caratteristico rione intorno alla Rocca dove nacquero Cesare e Lucrezia Borgia.

Un altro borgo, Cervara, si presenta invece come un museo all’aperto, con le sue numerose sculture incise nella roccia, le poesie che possono leggersi nel percorrere il dedalo di vicoli e scalinate che caratterizzano il centro storico.

Seppur nelle vicinanze della Capitale, l’area protetta ospita una ricca fauna: popolazioni di ungulati selvatici, come il cinghiale e il capriolo, che permettono la sopravvivenza di almeno due branchi di lupi. A volte sui Simbruini si trovano anche impronte del rarissimo orso marsicano, una razza sull’orlo dell’estinzione.

Per favorire il ritorno dei due grandi carnivori, líente di gestione ha così avviato un programma di reintroduzione dei cervi. Numerose d’altra parte sono le specie di uccelli che nidificano nel Parco, in totale 105, di cui 12 rapaci. Nelle zone umide proliferano invece rettili e anfibi, come la salamandrina degli occhiali, vero e proprio endemismo dell’Italia Centrale.

Un unicum anche la vegetazione, in grado di far convivere caratteri delle regioni mitteleuropee, mediterranei,  e persino subalpini sui crinali più elevati. La formazione più estesa è sicuramente la faggeta che vegeta dai 900 ai 1900 metri. Al suo fianco crescono il frassino, l’acero montano e l’acero riccio, il sempreverde tasso e l’agrifoglio.

FOTO: scopri le immagini del Parco Naturale dei Monti Simbruini

Più in basso si osservano i boschi semplici o misti di specie quercine caducifoglie, come il cerro o la roverella, oppure di carpino nero.

Sulle pendici ripide e assolate prolifera un altro sempreverde, il leccio.
Per il 30% della loro estensione i territori del Parco sono invece occupati da attività agro-pastorali. Fiorenti l’allevamento, bovino, ovino ed equino, la trasformazione casearia e la coltivazione di specie alimentari tipiche, come i legumi della media valle dell’Aniene e il tartufo.

I boschi sono ricchi di funghi e di selvaggina mentre i corsi d’acqua ospitano una notevole popolazione ittica.

Il Parco dei Simbruini dispone di una fitta rete di sentieri, ben 40, che permettono di conoscere a fondo le meraviglie dell’eco-sistema, e nel contempo lo splendore dei centri abitati.

FOTO: scopri le immagini del Parco Naturale dei Monti Simbruini

Si può scegliere tra itinerari a media e lunga percorrenza, adatti al trekking, alla mountain bike, escursionismo equestre e anche sentieri locali che consentono uscite di una giornata o piacevoli brevi camminate anche solo della durata di alcune ore.

Considerando la vicinanza della Capitale, visitare il Parco Naturale dei Monti Simbruini è un’occasione da non perdere per ammirare le bellezze della natura, e nel contempo ritemprarsi dallo stress cittadino.

Leggi anche:

 

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment