Piante e fiori

Scopriamo la Parrotia persica dal fogliame rosso e giallo acceso

Alberello decorativo per il giardino di casa e per i parchi pubblici

La Parrotia persica è un alberello che viene coltivato nei giardini privati e anche in aiuole pubbliche e parchi cittadini a scopo ornamentale grazie al colore acceso del suo fogliame, che in autunno assume dei bellissimi colori dal rosso, al giallo all’arancio. Insomma, è una pianta che si fa notare! Non è particolarmente diffusa, ma chi la sceglie, non se ne pentirà. Scopriamo come prendercene cura.

Scopriamo la Parrotia persica dal fogliame rosso e giallo acceso

Parrotia persica: descrizione della pianta

La chioma ha forma arrotondata con delle belle foglie accese e il fusto ricoperto di corteccia liscia. Anche in inverno rallegra il giardino grazie alla fioritura a partire già da febbraio.

Di grandi dimensioni, circa 10-15 m di altezza e 10 m di larghezza, il suo tronco può arrivare a superare il metro di diametro.

  • La corteccia liscia si sfoglia e lascia intravedere un intreccio di colori dal verde al grigio al bianco
  • Le foglie con margini ondulati di colore verde lucido che arrivano ad avere in autunno colori dal rosso al viola, dall’arancio al giallo
  • I fiori, simili a quelli dell’amamelide, ma di un bel rosso acceso, sono riuniti in mazzetti. Fioriscono già a fine febbraio e si aprono in un’ampia fioritura fino a marzo.

Si tratta di un bel albero decorativo, utilizzato nei giardini pubblici preferibilmente come pianta isolata o in aiuole ornate da altre piante perenni, per rallegrare e dare colore alla composizione.

Il fogliame della Parrotia

La principale caratteristica è il colore che non è determinato solo del fogliame, ma anche da fiori e frutti, e varia secondo la stagione.

Parrotia persica

  • In autunno le sue foglie diventeranno di un bel colore rosso, che diventa ancora più acceso se esposta bene al sole.
  • In inverno, tra novembre e dicembre, inizia a produrre i fiori che poi sbocceranno a fine febbraio inizio marzo.
  • In primavera sbocciano splendidi fiori rossi fatti solo di stami, senza petali
  • In estate i suoi piccoli frutti di colore marrone-rossiccio abbelliscono la chioma.

Insomma, un alternarsi di colori che rendono questo albero perfetto per il giardino ed i parchi cittadini. L’unica limitazione è la sua dimensione imponente, che la rende difficile da inserire negli spazi ristretti.

Origini della Parrotia

Appartiene alla famiglia delle Hamamellidaceae, alla quale appartengono varie specie di piante latifoglie di origine asiatica.

La più nota in Europa è appunto la pianta caducifoglia chiamata Parrotia persica, chiamata anche ironwood persiano. Difatti è originario dell’Iran settentrionale e dell’Arzerbaijan meridionale, ed è un autoctono di quei territori.

Parrotia persica

La specie arrivò in Europa dopo una spedizione alpinistica avvenuta intorno al 1830 in Arzerbaijan. In quell’occasione furono scoperte nuove specie di flora e fauna di un territorio fino ad allora semi-sconosciuto.

Parrotia persica: tutte le specie

Esistono varie specie:

  • P. subaequalis, comunemente chiamata ironwood cinese perché originaria della Cina orientale, considerata in pericolo di estinzione (non esistono infatti più di 100 individui riproduttivi).
  • P. horizontalis con ramificazione orizzontale semi-piangente e ad ampia diffusione.
  • P. pendula o kew form dalla forma compatta e leggermente piangente.
  • P. seleziona: con foglie dai margini viola.
  • P. vanessa dalla crescita verticale, è forse la specie più diffusa perché più aggraziata, caratterizzata da fusto dritto e chioma ovale.

Come si coltiva la Parrotia persica

La Parrotia Persica si coltiva sia in giardino sia nel parchi per un unico scopo, quello ornamentale.
Ma oltre ad essere decorativa, questa pianta rustica è davvero facile da coltivare e mantenere in salute a lungo.

Parrotia persica

Ecco alcuni consigli per la sua coltivazione.

Habitat e terreno della Parrotia

La pianta vive in tutti i terreni, anche se predilige terreni freschi e leggermente acidi che esaltano i suoi colori autunnali. Cresce bene anche nei terreni calcarei ma in questo caso il fogliame tenderà ad avere colori più usuali.

Per garantire una crescita rigogliosa si consiglia di preparare un terreno ricco di materia organica, di medio impasto e drenante. Non teme il gelo, ma interrarla al riparo dalle correnti d’aria fredda.

Non è particolarmente diffusa, ma è consigliata come pianta decorativa in tutti quei giardini dove la manutenzione non è frequente.

Infatti viene venduta a zolle, una volta interrata in posizione soleggiata, ha veramente bisogno di pochissime cure. Il sole le favorirà una colorazione vivace del fogliame.

Irrigazione della Parrotia

Resiste a lunghi periodi di siccità accontentandosi della sola acqua piovana. In estate però se il clima è particolarmente secco meglio annaffiarla almeno ogni 15 giorni.

In inverno, non ha bisogno di essere bagnata in quanto è in grado di accontentarsi dell’acqua piovana.

Parrotia persica

Attenzione prima di annaffiare controllare se il terreno è umido: se così fosse, non sarebbe necessario dare altra acqua, perché teme il marciume radicale.

Concimazione della Parrotia

Se la pianta necessità si può concimare concime organico specifico per piante verdi, due volte all’anno, in primavera e in autunno.

Il concime deve essere applicato alla base della pianta e deve contenere i tre elementi chimici fondamentali:

Potatura della Parrotia

Il suo portamento è cespuglioso. Non raggiunge dimensioni superiori ai 15 m e di solito di espande sia in larghezza che in lunghezza in egual misura.

La potatura ha la funzione di controllarne le dimensioni. Va eseguita prima della comparsa delle foglie, per definire una forma arrotondata della chioma e far crescere più foglie nuove.

Bisogna inoltre eliminare i rami secchi e quelli spezzati dal vento.

Moltiplicazione della Parrotia

La moltiplicazione avviene per seme all’inizio della primavera. In questo periodo viene messa a dimora in una bella buca larga e profonda, in terreno ben drenato e lavorato a fondo.

Parrotia persica

Parrotia Persica: cosa teme

La pianta rustica è forte e resistente. Non soffre gli attacchi di insetti e parassiti o l’infestazione di specie fungine.

Il vero timore arriva invece dall’umidità del terreno. Teme il marciume radicale dovuto ad eccessiva irrigazione del terreno, che può portare alla sua morte.

Soffre anche i venti invernali, che possono far seccare le sue foglie e rendere la chioma sofferente.

ScriBio

Siciliana di nascita (1970) e milanese di adozione dal 1988. Ha svolto tanti lavori e per ognuno di essi ha dato il meglio con passione e voglia di imparare. Fino al 2011: licenziata, separata, due figli. Anno della svolta: seguire la sua attitudine, la scrittura. Inizia per caso a lavorare come free lance per una casa editrice milanese specializzata in riviste tecniche. Scrive di edilizia e architettura per Imprese Edili e viene attirata dal mondo della bioedilizia e dell’architettura sostenibile (collabora anche con architetturaecosostenibile.it). Arriva la digitalizzazione, le riviste sono quasi totalmente online: si specializza e anche oggi continua a tenersi aggiornata, non smettendo mai di ascoltare, guardare e imparare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close