Piante e fiori

Quadrifoglio e Oxalis tetraphylla: come riconoscerli e che differenze esistono

Scopriamo quello che c'è da sapere sulla pianta portafortuna per eccellenza e un suo popolare "sosia"

Cercare un quadrifoglio mentre ci si rilassa su un prato o si passeggia in mezzo alla natura è un’attività molto comune, ma trovarlo non è affatto semplice. Questo universale simbolo di buona fortuna è, infatti, un’anomalia del trifoglio e si stima che la sua incidenza si estremamente rara.

Quadrifoglio e Oxalis tetraphylla: come riconoscerli e che differenze esistono

Scoprite, allora, tutto su questo simbolo di buon auspicio e su una straordinaria pianta che ha delle bellissime foglie a forma di quadrifoglio.

Cos’è il quadrifoglio

Il quadrifoglio rappresenta un’anomalia rara del trifoglio bianco, una pianta erbacea estremamente diffusa in tutto il mondo che costituisce uno degli ingredienti principali del miele millefiori.

L’anomalia del quadrifoglio è data dalla presenza di quattro foglie, invece, che tre. In genere, la foglia supplementare è molto più piccola rispetto alle altre.

Quadrifoglio significato

Da sempre nella cultura occidentale, il quadrifoglio simboleggia la fortuna per la sua rarità. Si stima, infatti, che si trovi un quadrifoglio ogni 10.000 trifogli. Ecco perché nella stragrande maggioranza dei casi, quando si pensa di avere trovato un quadrifoglio, in realtà è stata trovata un’altra piantina di cui parleremo in seguito: è un evento estremamente raro!

Nella credenza popolare a ogni foglia del quadrifoglio corrisponde un elemento, ovvero, speranza, fede, fortuna e amore. Trovare un quadrifoglio è, quindi, di buon auspicio per tutti gli ambiti della vita.

Secondo la tradizione celtica, invece, il quadrifoglio è un amuleto capace di proteggere dalle energie negative e dalle influenze maligne. In Irlanda e in Gran Bretagna questa pianta ha quindi un significato simile a quello del cornetto portafortuna.

Quadrifoglio portafortuna

Il quadrifoglio è simbolo portafortuna per eccellenza e si regalano ciondoli o oggetti con la sua forma per augurare prosperità e felicità.

quadrifoglio
Sarà davvero un quadrifoglio? La nostra guida ti aiuta a riconoscerlo…

Pianta

Il quadrifoglio spesso viene confuso con la Oxalis tetraphylla o Oxalis deppei Iron Cross, pianta perenne appartiene alla famiglia delle Oxalidaceae che comprende arbusti e piccoli alberi originari delle regioni temperate e tropicali. Tra le circa 900 specie di piante appartenenti a questa famiglia, la più conosciuta è l’Oxalis acetosella o acetosella.

L’ Oxalis tetraphylla è una pianta perenne tetrafogliata le cui foglie dalla forma tondeggiante simile a un cuore possono essere facilmente scambiate per un quadrifoglio.

Caratteristiche

L’Oxalis tetraphylla è facilmente riconoscibile per le sue foglie a forma di quadrifoglio e per i suoi piccoli e incantevoli fiori rosa che possono assumere molteplici sfumature.

Questa pianta raggiunge un’altezza massima di 30 cm e la sua fioritura è molto abbondante, caratteristica che la rende perfetta per essere inserita con successo in aiuole o in un giardino roccioso.

Coltivazione e cura

Scoprite come coltivare l’Oxalis tetraphylla per godere delle sue belle foglie a forma di quadrifoglio e dei suoi vivaci fiori.

Semina

Il periodo migliore per piantare i bulbi è la primavera, ma si possono ottenere buoni risultati anche in autunno.

Il consiglio è di piantarli a una profondità almeno doppia della loro altezza e di disporli in cerchio in modo da creare dei cuscini fioriti.

Esposizione

L’Oxalis tetraphylla predilige terreni posti in pieno sole o parzialmente soleggiati ma riparati dai venti.

È bene evitare di piantarle in zone umide o poco soleggiate, proprio la muffa e l’eccessiva umidità sono i peggiori nemici dell’Oxalis tetraphylla.

Oxalis tetraphylla
Sembra un quadrifoglio, ma in realtà la forma delle foglie ci dice che si tratta di Oxalis tetraphylla

Coltivazione

La coltivazione dell’Oxalis tetraphylla è piuttosto semplice in quanto questa pianta sopporta bene notevoli escursioni termiche e può resistere anche a temperature leggermente inferiori allo zero.

L’Oxalis tetraphylla cresce bene in terreni sabbiosi e ben drenati mentre i terreni argillosi possono bloccarne lo sviluppo. Questa pianta può essere facilmente coltivata anche in vaso e per la forma particolare delle sue foglie può rappresentare un gradito e beneaugurante regalo.

Fioritura

L’Oxalis tetraphylla fiorisce da aprile a maggio, in base al clima, fino a luglio e agosto.

I fiori sono di colore rosa intenso ma possono assumere sfumature che vanno dal cipria al fucsia.

Concimazione

La fibra robusta di questa pianta e il clima italiano non ne rendono necessaria la concimazione.

Questa pianta cresce e fiorisce senza bisogno di particolare cura, a patto di aver scelto una buona posizione soleggiata per la sua semina.

Annaffiatura

Durante il periodo della fioritura è necessario annaffiare l’Oxalis tetraphylla  abbondantemente evitando però che l’acqua formi dei ristagni. Durante il resto dell’anno, questa pianta sopporta bene anche periodi di siccità prolungata.

Acquisto

Fino a qualche decennio fa non era facile trovare l’Oxalis tetraphylla ma oggi è in vendita in qualunque negozio di giardinaggio ben fornito.

È possibile acquistare i bulbi di questa piante anche online su siti di garden.

Come distinguere il quadrifoglio dall’Oxalis tetraphylla

Infine, distinguere il quadrifoglio dalla Oxalis tetraphylla è piuttosto semplice.

  1. L’Oxalis tetraphylla ha delle foglie tondeggianti a forma di cuore che si caratterizzano per una colorazione bruna tendente al rosso nella sua parte interna.
  2. Un’altra differenza tra il quadrifoglio e l’Oxalis tetraphylla è che quest’ultima da maggio a ottobre produce piccoli fiori di colore rosa intenso.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close