Come funziona la raccolta differenziata dei farmaci scaduti

di Roberta del 20 marzo 2017

Non tutti sanno come funziona la raccolta differenziata dei farmaci scaduti, cosa che è invece molto importante dal punto di vista della sostenibilità ambientale e della salute pubblica.

Avete trovato dentro l’armadietto dei medicinali un farmaco scaduto. Che fare? Innanzitutto, non buttatelo nel cestino e nemmeno nello scarico del water: se non smaltita correttamente, qualsiasi tipo di medicina è infatti potenzialmente velenosa per l’ambiente.

I principi attivi in essa contenuti possono per esempio danneggiare il sottosuolo, inquinare i pozzi di acqua potabile o compromettere il funzionamento dei depuratori collocati nelle reti fognarie.

Nel nostro Paese la raccolta differenziata dei farmaci, scaduti o non più utilizzabili, è obbligatoria e si svolge con modalità differenti che variano da regione in regione. E’ quindi necessario consultare il sito del proprio Comune o della Regione di appartenenza per prendere visione dei regolamenti sulla raccolta differenziata dei medicinali scaduti.

UN’ALTRA RACCOLTA DIFFERENZIATA: Tetrapak raccolta differenziata

In linea generale, la raccolta si svolge attraverso appositi contenitori situati nelle farmacie e/o in specifiche strutture sanitarie in cui gettare il farmaco (pastiglie, creme, ecc.) privo di scatola e foglietto informativo: questi ultimi devono infatti essere buttati nei contenitori riservati al riciclo della carta.

Se il medicinale è un liquido contenuto in una boccetta o flacone, va conferito tutto il contenitore, chiuso ermeticamente.

I blister in plastica possono essere invece riciclati nel contenitore della raccolta differenziata della plastica.

Un po’ diverso il discorso per quanto riguarda termometri, siringhe, bisturi o cannule per flebo e altri strumenti medici, che vanno conferiti presso un’isola ecologica o un ospedale che sia attrezzato per la raccolta dello specifico materiale.

E soprattutto ricordate: mai e poi mai lasciare i farmaci accanto ai normali cassonetti dei rifiuti.

raccolta differenziata dei farmaci scaduti

Sono tanti e potenzialmente molto dannosi i farmaci scaduti nelle nostre cassettiere: è quindi fondamentale per il cittadino di oggi sapere come fare la raccolta differenziata dei farmaci scaduti

Ma che fine fanno i medicinali scaduti?

Siamo arrivati all’ultimo passaggio relativo alla raccolta differenziata dei farmaci scaduti. Una volta ritirati dal servizio di igiene ambientale, i farmaci non vengono riciclati, ma bruciati nei termovalorizzatori a temperature altissime: la combustione controllata, eseguita a specifiche temperature, scompone i principi attivi dei farmaci nelle loro componenti di base che non inquinano l’ecosistema. I filtri delle ciminiere impediscono invece alle sostanze inquinanti di diffondersi nell’ambiente.

Quanti farmaci tenere in casa, come conservarli e smaltirli?

Abbiamo visto che il problema dello smaltimento deriva anche dalla tendenza a tenere scorte di farmaci eccessive. Ma quali sono i medicinali essenziali tenere veramente in casa? Come e dove conservarli? Queste sono cose da sapere prima ancora di sapere come smaltirli in maniera responsabile senza arrecare danni all’ambiente.

A questo proposito, vi segnaliamo questo interessante video di Altroconsumo. Risponde chiaramente alle domande che vi abbiamo posto in precedenza. Piccolo spoiler, vi anticipiamo la conclusione, ne servono solo 5 o 6…

E aggiungiamo noi che molti acciacchi di stagione possono essere tranquillamente indirizzati anche con la medicina naturale. Buona visione!

Forse ti potrebbe interessare anche:

Outbrain

{ 1 comment… read it below or add one }

Giuseppe dicembre 7, 2010 alle 11:44 am

Ma se vanno a finire nell’inceneritore come l’indifferenziato perché dovrei preoccuparmi di cercare un contenitore ad-hoc? tanto vale gettarli nel secchio del tal-quale!
Che poi bruciando non inquinino l’ecosistema perché preventivamente filtrati è da dimostrare. “Tutto si crea e nulla si distrugge” diceva Albert Heinstein.
Potreste fare un giorno un articolo su come vengono smaltiti i filtri degli inceneritori (che raccolgono solo le parti più grandi derivanti dalla combustione)?

Rispondi

Leave a Comment