Raccolta differenziata delle lampadine e dei falsi amici del vetro

di Elle del 18 maggio 2017

Il riciclo dovrebbe rientrare tra i doveri di ogni cittadino, ma sappiamo come si fa la raccolta differenziata delle lampadine e de i falsi amici del vetro. Cosa sono questi materiali?

Raccolta differenziata delle lampadine e dei falsi amici del vetro

A volte mancano adeguate campagne informative o delle indicazioni specifiche per far sì che il riciclo abbia successo e distingua efficacemente i vari materiali a cui dare una nuova vita. Per il vetro, materiale altamente riciclabile, ecco la nostra guida su come riciclare il vetro correttamente. Ma per i suoi cosiddetti ‘falsi amici’ come si fa il riciclo?

‘falsi amici’ del vetro’ sono soprattutto le lampadine, ma anche i vetri delle finestre, il vasellame di ceramica e porcellana, stoviglie in pirex e bicchieri di cristallo, e perfino specchi, schermi tv o monitor. Tutti materiali con caratteristiche particolari.

SPECIALE: Come fare correttamente la raccolta differenziata

Questi materiali sembrano di vetro, o comunque lo contengono. Ma sono insidiosi perché vanno necessariamente distinti dal vetro e non riciclati nei cassonetti riservati ad esso.

Vediamo dunque insieme come riciclare nel modo più opportuno questi falsi amici. Innanzitutto un criterio dettato dal buon senso.

La quantità

Primo, occorre distinguere in base alla mole di rifiuti da riciclare. Nel caso di piccole quantità, infatti, è possibile optare per la raccolta indifferenziata riunendo gli oggetti da buttare in un normale sacco nero della spazzatura.

Secondo, se si fa riferimento a materiali più ingombranti, è bene portarli presso riciclerie o isole ecologiche comunali cittadine.

Il Co.Re.Ve. (il consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero dei rifiuti di imballaggio) ci consiglia in modo specifico materiale per materiale.

Raccolta differenziata delle lampadine e dei falsi amici del vetro

Vediamo quali sono le diverse tipologie di falsi amici del vetro, tra cui i più delicati sono probabilmente le lampadine:

Lastre di vetro. I pannelli delle finestre, gli specchi ed i tavoli di cristallo sono considerati rifiuti ingombranti. Si devono quindi portare alle riciclerie presenti sul territorio oppure si può prenotare (in alcune città via internet) un appuntamento per far recuperare a domicilio e poi smaltire dalla stessa azienda municipale dei rifiuti.

Ceramica. I piccoli oggetti di uso quotidiano in ceramica e porcellana (tazze, piatti, tazzine, piatti e vasellame) si gettano nel sacco dei rifiuti indifferenziati. In alternativa (o per dimensioni ingombranti) vanno portati alle riciclerie.

Pirex e cristalli. I tegami in pirex, che pur è un derivato del vetro ma subisce un trattamento per renderlo resistente al calore non sono riciclabili come il vetro. Questo perché diventano veri e propri prodotti ceramici e come tali devo essere essere gettati nel sacco nero dell’indifferenziata o portati alle riciclerie.

FOCUS:

Riciclo delle lampadine

Tutti conosciamo i vantaggi di lampade fluorescenti, a LED o alogene, note non solo per la loro durata ed efficienza, ma anche per il fatto che, a parità di emissione luminosa, consumano fino all’80% di energia in meno rispetto alle tradizionali a incandescenza, durando dalle 5 alle 10 volte in più.

Ma non tutti sanno come riciclarle, una volta esauste, per non inquinare anche di più delle lampadine a incandescenza.

A differenza delle vecchie lampadine a filamento, quelle a incandescenza, sono rifiuti pericolosi, perchè contenegono un quantitativo di mercurio da 1 a 5 mg, altamente nocivo per l’ambiente e la nostra salute.

Questi rifiuti sono raggruppati nella categoria delle apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). La nuova direttiva europea sui RAEE ha introdotto l’obbligo per i negozi e per la grande distribuzione di restituire al negoziante le lampadine esauste senza fare nuovi acquisti. Per questo dovranno ospitare gli opportuni contenitori per la raccolta.

Per fare la raccolta differenziata delle lampadine correttamente bisogna distinguerne il tipo, se sono a incandescenza, a fluorescenza oppure al neon.

Raccolta differenziata delle lampadine a incandescenza

Anche se oramai fuori mercato, si possono consegnare ai negozi di materiale elettrico, di elettrodomestici o al supermercato che abbia un punto di raccolta specifico, anche senza averne acquistate delle nuove. Si possono anche cercare i contenitori specifici o consegnarle alle riciclerie.

Raccolta differenziata delle lampade a fluorescenza o a neon

Una volta esauste, le lampadine al neon e a fluorescenza vanno portate nei negozi di illuminotecnica o all’isola ecologica dove sono presenti dei box specifici.

Possono essere conferite nel cassonetto Ecolamp presso le isole ecologiche delle vostre città.

Raccolta differenziata di monitor PC e TV

Sono sempre i negozi di materiale elettrico che devono farsi carico del loro ritiro e smaltimento. Possono comunque essere portati nelle riciclerie e conferiti in appositi contenitori.

  • Usufruire del servizio gratuito di ritiro di Ecolamp, se siete installatori di illuminotecnica, che provvede a prenderle in consegna direttamente presso i vostri magazzini, purché ci siano almeno 100 Kg di sorgenti luminose esauste

Confezioni in vetro di farmaci usati

Come per tutti i medicinali, sono rifiuti speciali e come tali devono essere riportati in farmacia. Qui vanno buttati nei cilindri ad hoc per i medicinali scaduti presenti anche nelle parafarmacie.

Per ogni chiarimento e dubbio sul tipo di raccolta differenziata delle lampadine e dei materiali simili al vetro ma non di vetro, vi suggeriamo di visitare il sito dell’azienda della nettezza urbana della vostra città.

Raccolta differenziata delle lampadine

Raccolta differenziata delle lampadine: bisogna sempre fare attenzione al tipo di lampada che si sta differenziando. Per quanto le lampade fluorescenti è sempre necessario conferirle all’isola ecologica.

Ecolamp

Ecolamp è il consorzio senza fini di lucro, leader in Italia, che opera su tutto il territorio nazionale per il recupero e lo smaltimento delle apparecchiature per l’illuminazione, provvedendo a tutte le varie fasi, dal ritiro, al trasporto fino al recupero e al trattamento.

Le isole ecologiche Ecolamp sono circa 1.700 in tutta Italia e per sapere la loro localizzazione e i giorni e gli orari di servizio basta consultare il sito www.ecolamp.it. Dal sito stesso è possibile inoltre scaricare gratuitamente l’app per smartphone e tablet, che indica in tempo reale l’isola ecologica più vicina per soddisfare le vostre esigenze.

Per gli installatori e i rivenditori di illuminotecnica, il consorzio mette a disposizione un servizio gratuito di ritiro, che provvede al loro riciclo, purché ci siano almeno 100 Kg di sorgenti luminose esauste.

 

Altre guide sulla raccolta differenziata che ti segnaliamo:

{ 2 comments… read them below or add one }

Luca settembre 12, 2012 alle 3:54 pm

Complimenti per l’articolo perchè tratta un argomento che in diverse città sta diventando o era stato un problema(per esempio Roma e Napoli). Purtroppo alla base della questione rifiuti secondo me c’è poca coscienza civile da parte della popolazione e grandissime negligenze da parte delle amministrazioni locali, che trattano il tema con troppa superficialità. Per quanto riguarda il primo punto, se posso, vorrei approfondire l’argomento con questo pezzo sulla raccolta differenziata, per aumentare la conoscenza da parte dei cittadini che spesso non sanno come devono essere gestiti i diversi tipi di rifiuti.

Rispondi

susanna ragni alunni luglio 25, 2012 alle 11:37 am

Non è sempre facile fare la raccolta differenziata, devo dire che le amministrazioni locali ci complicano notevolemente la vita: ogni comune ha regole diverse anche se si tratta di comuni vicini, i colori sono diversi, i giorni diversi , le modalità diverse. Io giro la città in cerca di bidoni giusti per buttare l’immondizia, mai una volta che trovo i diversi colori nello stesso posto, era troppo facile fare come fanno in trentino che mettono nei parcheggi dei simpatici contenitori di diversi colori anche con la scritta nel caso non si sapessero i colori.

Rispondi

Leave a Comment