Risparmio energetico

Termoconvettori: pro e contro di questa soluzione per il riscaldamento domestico

Quali sono le specificità di questi dispositivi simili ai termosifoni

Ad acqua, elettrici o a gas, i termoconvettori sono dispositivi termici a parete o a pavimento adatti per il riscaldamento di ambienti chiusi. I termoconvettori, molto simili ai comuni termosifoni, sono impianti termici utilizzati per il riscaldamento degli ambienti chiusi. Utili per riscaldare rapidamente ed in modo uniforme, si distinguono in base alle tipologie costruttive e al modo con cui funzionano. I vari modelli possono essere selezionati in base alle proprie necessità e tenendo conto dello spazio che si ha a disposizione. Generalmente questi dispositivi sono in grado di garantire delle elevate prestazioni in termini di riscaldamento, a fronte di un ridotto dispendio energetico.

Termoconvettori: pro e contro di questa soluzione per il riscaldamento domestico

Termoconvettori cosa sono

Si tratta di dispositivi adatti per riscaldare i locali domestici e non solo. Si possono distinguere due tipologie di questi impianti in base alle modalità di costruzione e di funzionamento ed alla relativa collocazione.

termoconvettori
I termoconvettori sono utili per riscaldare gli ambienti chiusi in modo rapido ed omogeneo.

Termoconvettori per riscaldamento

A differenza dei termosifoni, questi impianti termici permettono di diffondere il calore in maniera più veloce ed omogenea all’interno di ambienti chiusi come quelli delle abitazioni domestiche. L’uso di questo tipo di impianti è pertanto consigliato quando si ha necessità di riscaldare degli ambienti freddi in una ridotta quantità di tempo.

Termoconvettori a parete

Questi dispositivi rappresentano una delle soluzioni più diffuse e scelte dagli acquirenti. Possono essere sistemati e fissati in qualsiasi punto della casa, eventualmente anche con modalità ad incasso. Grazie al design semplice e funzionale, questi impianti consentono di ottenere il giusto riscaldamento limitando lo spazio occupato. Costituiscono di sicuro una soluzione ideale per chi ha a disposizione uno spazio ridotto in cui sistemare l’impianto termico. Tuttavia, è importante ricordare di non installare l’apparecchio in un ambiente nascosto o in una zona poco frequentata dell’appartamento.

Termoconvettori a pavimento

I dispositivi non incassati sulle pareti di un ambiente chiuso, domestico e non, sono mobili e possono essere facilmente spostati. Molto maneggevoli, rischiano di risultare ingombranti occupando notevole spazio. Si tratta di una tipologia di riscaldamento a pavimento molto particolare, dunque.

Termoconvettori come funzionano

Questi impianti sfruttano il meccanismo della convezione per consentire il riscaldamento di ambienti chiusi. Possono funzionare attraverso diversi tipi di sistemi, alimenti ad acqua, a gas (tra  cui il metano risulta tra i più utilizzati) oppure elettrici.

Termoconvettori a gas

Quelli alimentati a gas sono apparecchi in grado di produrre il riscaldamento per mezzo di un bruciatore di gas ed un sistema di ventilazione. Questi dispositivi sono di solito provvisti di una presa d’aria comunicante con l’esterno e di un tubo per scarica i fumi.

Termoconvettori a metano

I modelli alimentati a metano richiedono sia i costi dei combustibili sia quelli per l’elettrici a causa del collegamento al sistema di ventilazione forzata.

Termoconvettori ad acqua

I dispositivi alimentati ad acqua sono collegati alla caldaia ma tendono a consumare molto meno dei comuni termosifoni. Funzionano grazie al calore prodotto dallo scambio tra l’aria e l’acqua calda in entrata, che possiede una temperatura pari a circa 50°C. Possono essere, inoltre, programmati grazie all’utilizzo di un apposito timer.

Termoconvettori elettrici

Questi dispositivi elettrici producono calore per mezzo di resistenze elettriche presenti all’interno dell’apparecchio. La diffusione dell’aria calda nei locali si realizza grazie al fatto che l’arie calda sale ed al suo posto viene immessa aria fredda, che poi sarà riscaldata. Pratici e comodi da installare, possono essere facilmente utilizzati anche da chi dispone di poco spazio.

termoconvettori
I termoconvettori possono essere elettrici oppure alimentati ad acqua o a gas. Nell’immagine sopra un modello a gas.
La differenza sostanziale è data dal fatto che il termoventilatore riscalda tramite resistenza elettrica di una serpentina, che emana il calore nell’ambiente attraverso una ventola, mentre il termoconvettore non ha un ventilatore che funziona di default. Alcuni modelli di termoconvettori elettrici, specialmente quelli più moderni, possono avere una ventola azionabile a parte per immettere aria calda al massimo della potenza: si parla in questo caso di convettori elettrici ventilati.

Termoconvettori manutenzione

Per effettuare una corretta manutenzione di questi impianti è opportuno assicurarsi di pulire e sanificare con periodicità le condotte. Si consiglia di effettuare queste operazioni almeno due volte l’anno al fine di garantire il buon funzionamento di questi dispositivi di riscaldamento.

Termoconvettori consumo

Di solito questi dispositivi danno la possibilità di ottenere un riscaldamento omogeneo in tutti i locali di un’abitazione senza eccedere nel consumo energetico. A fronte, quindi, di un ridotto dispendio e di un buon risparmio dal punto di vista energetico, si ha una prestazione ottimale sotto il profilo del riscaldamento.

Termoconvettori a basso consumo

Per favorire i bassi consumi in termini di riscaldamento dell’abitazione, è possibile optare per modelli ecologici e con prestazioni ottimali sotto il profilo dell’efficienza energetica.

Termoconvettori costo

Oltre ai costi per l’acquisto di questi dispositivi termici, è necessario calcolare anche i costi per la loro installazione. L’acquisto di un particolare modello potrebbe far variare i prezzi ed i consumi energetici. Nella scelta è opportuno considerare le differenti variabili e fare una preliminare ed attenta valutazione basata sulle proprie esigenze e sulle dimensioni dei locali da riscaldare.

Approfondimenti utili sul tema del riscaldamento della casa

Sulle varie tipologie di riscaldamento domestico e sui consigli utili per risparmiare energia, vi segnaliamo anche:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button