Notizie

Tornano le tartarughe Caretta sulle coste calabresi

Il paradiso della tartarughe marine in Italia? Si trova in Calabria e precisamente in un lembo di costa incontaminata del litorale ionico reggino dove, evidentemente, l’abusivismo edilizio, la criminalità organizzata e l’inquinamento ambientale – di cui tanto si è parlato nel chiacchierato (e contestato) rapporto di Legambiente e Goletta Verde –  non scoraggiano le femmine di tartaruga Caretta-Caretta che hanno scelto le spiagge calabresi come luogo ideale per nidificare.

Tornano le tartarughe Caretta sulle coste calabresi

LO SAPEVI? No dei calabresi alle trivelle di Shell nel mar Jonio

Una specie, la Caretta, tra le più vulnerabili del Mediterraneo e a forte rischio estinzione, che per deporre le proprie uova affronta viaggi estenuanti e pericoli di ogni sorta, legati soprattutto all’ inquinamento, al ‘traffico’ del mare e alla crudeltà degli essere umani.

Eppure, contro ogni pronostico, questa piccola abitante del Mediterraneo è una visitatrice abituale del basso Ionio calabrese che adesso è al centro di un interessante progetto di salvaguardia promosso dall’ Università della Calabria per monitorare e tutelare la specie e rilanciare l’immagine della regione con politiche locali mirate.

I responsabili del progetto ‘Tarta-Care’ sono i primi ad essere sbalorditi dalla scoperta: dai dati rilevati dal 2000 ad oggi, si è stabilito che il 70% dei nidi registrati in Italia si trova proprio qui, in questo angolo di costa della provincia di Reggio Calabria lungo appena 30 km ma così prezioso da essere considerato oggi larea di nidificazione della tartaruga marina più importante d’Italia.

LEGGI ANCHE: Animali a rischio. Tartaruga Caretta torna in Sicilia

E così, l’immagine rassicurante e tenera della Caretta è diventata il volto nuovo di una Calabria che si riscopre custode di un tesoro naturalistico di straordinaria importanza dove ogni anno si compie un piccolo, grande miracolo essenziale per la conservazione della biodiversità e per l’equilibrio dell’habitat marino.

La sfida è dunque iniziata: ai calabresi il compito di dimostrarsi all’altezza dell’impegno.

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close