Pannolini lavabili: quali i vantaggi e dove comprarli

by MaryPz on 24 giugno 2016

L’uso dei pannolini lavabili ed ecologici è diventato sempre più comune nelle famiglie italiane. Vediamo le ragioni alla base di questo fenomeno.

Pannolini lavabili: sembrerebbero un classico ritorno al passato, vero? In realtà negli ultimi anni sono ridiventati un’opzione per diverse famiglia per almeno tre ragioni.

  1. Per la salute del bambino: in quanto da alcuni studi scientifici, si è scoperto che la temperatura all’interno del pannolino monouso aumenta di un grado ogni ora che è bagnato. Ciò diventa una concausa delle più frequenti malattie dell’apparato urinario e della sterilità soprattutto maschile.
  2. Per l’impatto ambientale: in quanto durante la crescita del bambino servono in media servono 4000 – 5000 pannolini monouso, quindi una tonnellata di rifiuti immessi nel terreno.
  3. Per questioni economiche: nel lungo termine vi è anche un risparmio, in quanto il pannolino può essere comodamente riutilizzato più volte, risparmiando molto e può essere anche riadoperato per più bambini.

Forse non tutti sanno che nei primi due anni e mezzo di vita ogni neonato produce circa 1,5 tonnellate di pannolini che una volta gettati si trasformano in un carico oneroso per l’ambiente. In Italia la media è di 6 milioni di pannolini usa-e-getta al giorno, per un totale di circa 2 miliardi e 190 milioni di rifiuti in plastica. L’impatto ambientale di tutto questo è enorme, considerando che lo stesso ciclo produttivo ha delle ricadute pesantissime sull’ecosistema.

pannolini lavabili

Pannolini lavabili: una scelta valida dal punto di vista economico, ambientale e della salute del bambino

Principi etici a parte, questa scelta potrebbe rivelarsi estremamente conveniente per le tasche dei genitori. Il risparmio può essere notevole per tutto il periodo in cui i bimbi avranno necessità dei pannolini (e generalmente si tratta dei 3 anni di via). La spesa per i pannolini lavabili, infatti, si aggira intorno ai 300-800 euro contro i 2.500-3.000 dei pannolini usa e getta.

Ma vediamo nel dettaglio come scegliere i pannolini lavabili adatti ad ogni fase di crescita ed esigenza del nostro piccoletto.

Pannolini lavabili: che tipologie esistono?

I pannolini lavabili sono disponibili sul mercato in diverse tipologie e modelli, che ben si adattano alle fasi di crescita del neonato e allo stile di vita della famiglia. Ecco i principali:

  • All-in-Two (a due pezzi): sono pannolini composti da una parte interna assorbente e una mutandina impermeabile da sovrapporre esternamente. Questa caratteristica permette al pannolino di asciugare più rapidamente lavaggio dopo lavaggio semplicemente ‘staccando’ l’involucro esterno.
  • All-in-One (ad un unico pezzo): la parte interna assorbente e quella esterna impermeabile sono cucite insieme in modo da formare un unico pezzo. Sono i più simili ai pannolini usa e getta che troviamo al supermercato perché le parti sono assemblate in modo da non richiedere inserti esterni, mutandine o spille. Pratici e funzionali, sono particolarmente confortevoli per il bambino sia da un punto di vista igienico che anatomico.
  • Pocket: la loro caratteristica è la forma a ‘tasca’, appunto. Sono formati da una parte interna in e una esterna in PUL (Poliuretano Laminato) cucite assieme. Nella tasca si inseriscono degli inserti assorbenti di diversa tipologia a seconda delle specifiche necessità. Sono realizzati in materiali naturali o sintetici (pile, cotone, canapa, bambù, microfibra, spugna, flanella). Non si irrigidiscono con i lavaggi e rispettano la pelle del bambino lasciandola perfettamente asciutta.

Per finire, troviamo i classici ciripà (pannolini di stoffa) sono più adattabili come taglie, e sopra ci si mette la mutandina impermeabile.

pannolini lavabili

Come funzionano i pannolini lavabili

Una volta lavati, i pannolini lavabili d’estate asciugano all’aperto in una giornata: d’inverno se stesi su un termosifone anche in un paio d’ore. Il tipo più comodo è secondo noi quello con mutandina impermeabile staccata (sempre con chiusura velcro) con dentro degli inserti di spugna ripiegati. In pratica, quando il bambino si bagna si può tranquillamente cambiare solo l’inserto.

Pannolini lavabili: quanto costano?

Il costo è intorno ai 300 euro per una ventina di pannolini ecologici.

Li si può trovare in negozi sia tradizionali che online (o in farmacia/parafarmacia su ordinazione).

Potete scegliere il punto vendita più vicino, ma sempre meglio farsi visionare dal vivo i pannolini trattati e ricevere tutti i consigli necessari sull’uso ottimale e manutenzione dei pannolini lavabili.

Per i genitori un sacrificio in più, ma che va a vantaggio di bimbi, ambiente e finanze famigliari.

Pannolini lavabili dove comprarli

Ecco come di consueto, alcune offerte online che vi segnaliamo. Fateci sapere la vostra opinione nei commenti!

Pannolini lavabili Coop Viviverde

La Coop ha lanciato sul mercato dal 2008 i pannolini lavabili dopo aver testato l’impatto sul consumatore della Regione Toscana

Il pannolino si compone di tre elementi:

  • una mutandina al 95% in cotone e al 5% in poliuretano per garantire l’impermeabilità.
  • un pannolino assorbente in cotone biologico, lavabile in lavatrice fino a 60°
  • un velo biodegradabile destinato alla raccolta delle feci che può essere gettato tranquillamente nel WC.

Acquistare questo prodotto comporterà un risparmio di circa 1000 euro per ogni bambino in 3 anni.

Approfondimenti vari:

{ 2 comments… read them below or add one }

Veronica novembre 16, 2013 alle 8:27 am

Il risparmio è davvero enorme, soprattutto se si opta per un pannolino taglia unica che va dalla nascita allo spannolinamento – che nei bimbi con i lavabili è facilitato dalla consapevolezza del bagnato e dall’impiccio del patello ripieno. Superconsigliati!

Rispondi

Paola marzo 10, 2011 alle 2:03 pm

Sono d’accordo con quanto riportato nell’articolo ma vorrei precisare che, oltre i due tipi citati, esiste anche un altro tipo di pannolino lavabile ecologico, ed è il pannolino ibrido. E’ fatto con una mutandina lavabile ed un inserto interno usa e getta. In pratica si tratta di una soluzione a metà strada tra un lavabile ed un usa e getta. Certamente si produce un rifiuto seppur minimo costituito dall’inserto interno, tuttavia certamente l’impatto ambientale è inferiore a quello degli usa e getta.

Rispondi

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *