Bellezza

Burro di karité puro: un concentrato di idratazione tutto naturale

Scopriamo i diversi gradi di purezza di un prodotto dalle molteplici proprietà

Oggi andiamo alla scoperta dei benefici del burro di karité puro, un prodotto che possiede diverse proprietà per la salute e la cosmesi. Ma non solo, possiamo utilizzarlo anche in cucina: vediamo come.

Burro di karité puro: un concentrato di idratazione tutto naturale

Si tratta di una sostanza prodotta da quello che gli indigeni chiamano ‘albero della giovinezza’, il karité appunto. Presente nei paesi dell’Africa Centrale, assomiglia alla quercia, con fiori bianchi e profumati, mentre il suo frutto carnoso nasconde il nocciolo da cui si ricava questo burro vegetale cosmetico, impiegato da sempre in Africa come farmaco e prodotto di bellezza per le sue proprietà rigeneranti. Oggi, trova largo impiego nelle creme e negli idratanti per corpo e viso, e per nutrire e disciplinare capelli secchi e crespi.

Burro di karitè: il grado di purezza

Forse non tutti sanno che esistono diversi tipi di burro e ciò che li contraddistingue è il grado di purezza della pasta e al momento dell’acquisto non si controlla il tipo di burro con cui si ha a che fare.

Nello specifico, tali livelli di purezza sono 4: crudo (o grezzo), puro (o non raffinato), raffinato ed ultra-raffinato. Per capire la differenza, occorre innanzitutto comprendere come viene lavorato.

Anche se i prodotti cosmetici più glam si avvalgono di campagne pubblicitarie che vantano testimonial famosi, provare l’effetto di una sostanza naturale come il karité può essere il miglior spot per promuovere questo prodotto naturale.

Questa sostanza grassa naturale è dunque consigliabile per il benessere del corpo a tutte le età. Le persone non più giovani, infatti, possono ritrovare l’elasticità e la tonicità della pelle mentre le  donne in attesa approfitteranno dell’effetto anti-smagliature.

Qualsiasi tipo di pelle, inoltre, indebolita e opacizzata dagli agenti atmosferici, come vento e freddo, dall’inquinamento atmosferico o dall’esposizione ai raggi solari può trovare nuova luce e benessere spalmando questa sostanza per almeno due settimane.

Anche la prevenzione dell’invecchiamento cutaneo, quindi, può affidarsi al burro ricavato dai semi della Vitellaria Paradoxa, il suo nome scientifico.

Curiosità, il nome scientifico dell’albero è Butyrospermum Parkii e una stupida leggenda metropolitana parla di sperma di qualche animale come ingrediente dei cosmetici che lo contengono, forse facendo leva sul nome. Ovviamente questo non è altro che burro ricavato dal karité!

burro di karite

La lavorazione del burro

Questo burro è il risultato di una lunga lavorazione che comincia dalla raccolta dei noccioli dell’albero del Karité africano (in inglese Shea).

Tali noccioli, che somigliano molto alle castagne, vengono prima essiccati e poi sottoposti ad una frantumazione manuale, che ne rimuove il guscio esterno per estrarne il dado.

Il dado viene poi macinato in pezzi piccolissimi, tostato e successivamente bollito: la bollitura permette al grasso di separarsi dall’olio, creando una pasta di colore giallo intenso, molto simile al burro.

A partire da questo momento della lavorazione, ulteriori passaggi portano a diversi gradi di purezza del burro finale.

  • Burro di karitè crudo o grezzo. Si tratta di una pasta molto spessa e grumosa, che non è possibile versare in stampi e che viene solitamente conservata in vasi aperti o addirittura in vasche, dai quali viene poi venduta a pezzi. Questo prodotto grezzo è comune solo in Africa ed è impossibile trovarlo in Europa, per il semplice motivo che gli acidi contenuti dal suo grasso crudo portano ad un irrancidimento piuttosto veloce.
  • Burro di karitè puro o non raffinato o unrefined. Per commercializzarlo e utilizzarlo nella creazione di prodotti cosmetici, occorre sottoporlo ad una fase di filtraggio per rimuovere qualsiasi tipo di impurità. Tale fase avviene però nel rispetto dei principi attivi in esso contenuti, ed avviene utilizzando un comunissimo panno da formaggio. Le magnifiche proprietà rimangono invariate a fronte della possibilità di versarlo in stampi e di dargli una forma.
  • Burro di karitè raffinato. Subisce ulteriori trattamenti di filtraggio o depurazione che hanno lo scopo di rendere la pasta più liquida per poterla utilizzare in combinazione con altri prodotti cosmetici. Viene modificata la composizione del burro e viene anche rimosso l’odore tipico dei prodotti affumicati e viene sbiancato, perdendo così il suo caratteristico color giallognolo. Purtroppo, questi procedimenti (che non sono comunque chimici) lo privano di una parte delle sue proprietà benefiche, in quanto implicano una cottura ad alte temperature.
  • Burro di karitè ultra-raffinato. Utilizzato per produrre i cosmetici industriali, implica una serie di passaggi chimici che ne alternano definitivamente la composizione, privandolo di tutte le sue proprietà curative. Questo capita per via dell’utilizzo di esani, solventi petroliferi, anti-ossidanti e conservanti che causano però la perdita totale delle vitamine e dei principi attivi contenuti dallo shea butter.

burro di karitè puro

Burro di karitè puro o non raffinato: il grado di qualità

Spesso capita che nelle confezioni dei prodotti non si parli di burro puro raffinato o meno (refined o unrefined), ma semplicemente di gradi di qualità.

Se volete imparare ad orientarvi, per acquistare il prodotto migliore è bene imparare che esistono diversi gradi di purezza:

  • grado Premium corrisponde al burro grezzo o crudo
  • grado A corrisponde al burro puro
  • grado B corrisponde a quello raffinato

I gradi successivi (C, D ed E) indicano invece la presenza più o meno massiccia di elementi contaminanti e solventi chimici e sono, nella quasi totalità dei casi, privi di qualsiasi effetto benefico.

Burro di karitè puro: come usarlo

La cosmesi contemporanea ha da tempo scoperto le notevoli e molteplici proprietà di questa sostanza:

  • cicatrizzante
  • emolliente
  • elasticizzante
  • antiossidante
  • antirughe
  • lenitivo
  • idratante

Infatti, grazie all’alto contenuto di sostanze indispensabili e fondamentali per la naturale elasticità della pelle, il karité forma come un film protettivo sulla pelle, schermandola dalle aggressioni esterne e contemporaneamente la reidrata.

burro di karitè puro

Si consiglia di spalmarlo sul corpo e sul viso a tutte le età per almeno 2 settimane. Le persone non più giovani, infatti, possono ritrovare l’elasticità e la tonicità della pelle.

Qualsiasi tipo di pelle indebolita e opacizzata dagli agenti atmosferici, come vento e freddo, dall’inquinamento atmosferico o dall’esposizione ai raggi solari, può trovare nuova luce e benessere grazie a questa sostanza.

Massaggiato sulle cosce e sul ventre ed il seno, ha un effetto anti-smagliature, ideale per le donne in dolce attesa.

Burro di karité puro in cucina

Non tutti sanno che il burro di karité si può… mangiare! Già, è vero, non di tratta “solo” di una lozione naturale, ma anche un alimento con una lunga storia alle spalle.

Per esempio, in Africa viene tradizionalmente usato come grasso di cottura al posto dell’olio di palma. Ma non solo: viene usato anche per preparare alcuni tipi di cioccolato.

Ricco di antiossidanti, acidi grassi essenziali e vitamina E, è un alimento a tutti gli effetti, anche se usato principalmente per la bellezza.

Ma come possiamo consumarlo? Per esempio, avete mai provato un pizzico di questo burro in un frullato fatto in casa?

Soprattutto se si tratta di frullati per la pelle si tratta del classico tocco etnico, col suo sapore intenso e aromatico.

Qualcuno ha provato anche a sostituirlo all’olio di oliva come condimento, ma non sempre si tratta di una cosa che va incontro ai nostri gusti.

Burro di karitè puro migliore

Dunque, è superfluo sottolineare che il prodotto puro rappresenta la prima scelta quando si tratta di doverlo acquistare sul web.

State dunque attenti all’etichetta dei prodotti che acquistate, e controllate sempre il grado di qualità e la dicitura dell’INCI, che deve contenere solo l’ingrediente Butyrospermum Parkii Butter.

Il nostro consiglio è di comprarlo rivolgendosi allo shop online di burrokarite.com, che ha una sezione dedicata interamente a questo prodotto puro al 100% e non raffinato.

Burro di karitè puro in farmacia

In farmacia si trovano diversi prodotti che usano il karité puro, sia cosmetici per la cura della pelle che farmaci specifici per trattare dermatiti, eczemi e scottature.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti suggeriamo anche:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button