Risparmio energetico

Scopriamo le classi di efficienza energetica degli elettrodomestici, cosa sono e come si leggono

La nostra guida alle etichette di efficienza UE per gli elettrodomestici

Da marzo 2021 sono entrate in vigore le nuove etichette con le classi di efficienza energetica degli elettrodomestici riconosciute a livello europeo. Queste sostituiscono le vecchie classi energetiche che tutti conoscevano, come A+, A++ e A+++. Questo nuovo sistema di valutazione è basato su una scala di consumo che va dalla A alla G, ed è molto più facile e immediato da leggere e interpretare. Tuttavia ci può essere un po’ di confusione.

Scopriamo le classi di efficienza energetica degli elettrodomestici, cosa sono e come si leggono

Poiché l’etichetta energetica fornisce in maniera immediata diverse informazioni sul consumo di un elettrodomestico, è da consultare attentamente in fase d’acquisto di un nuovo elettrodomestico. Dal suo consumo dipenderà poi quanto si spende in bolletta.

Vediamo allora più nel dettaglio tutte le novità e come funzionano le nuove classi energetiche.

Classe negli elettrodomestici: cosa vuol dire

Il risparmio energetico a casa è uno degli obiettivi più ricercati per limitare lo spreco di risorse naturali usate per produrre energia elettrica. La misura dell’efficienza di un’edificio dal punto di vista dei consumi è la sua classe energetica, che deve accompagnarlo mediante una certificazione energetica APE che ne attesta il grado d’isolamento generale.

Ma anche gli elettrodomestici hanno un consumo e identificare i più costosi da questo punto di vista permette di risparmiare in bolletta.

Su tutti gli elettrodomestici è difatti presente un’etichetta che identifica la classe energetica. Questa permette quindi di distinguere in maniera immediata i prodotti ad alta efficienza energetica rispetto a quelli poco efficienti e quindi più energivori. In pratica, è immediatamente riconoscibile un elettrodomestico che vi farà risparmiare da uno che farà spendere di più in bolletta.
Nei confronti del produttore l’obiettivo dell’etichetta energetica è di incentivarlo a mettere a punto modelli sempre più avanzati, che consentano un minor consumo di energia. Di conseguenza, si ottiene un minor impatto ambientale e una importante riduzione di CO2.

Classi energetiche elettrodomestici 2021

L’Unione Europea ha deciso di modificare la classificazione degli elettrodomestici sulla base dei loro consumi energetici.

Il perché di tale scelta è da ricondurre a due motivi principali.

  • etichette più facili da leggere: così i consumatori possono effettuare scelte più consapevoli
  • ordinare la difficoltà d’interpretazione della tripla classe A (A+++)
  • limitare la domanda di energia e le emissioni di gas effetto serra

La nuova etichettatura contribuisce, infatti, sia al risparmio energetico che alla riduzione degli importi legati ai consumi elettrici generati dall’uso degli elettrodomestici.

Secondo diversi calcoli fatti da vari uffici studio, è stato stimato che la nuova etichetta dovrebbe portare ad un risparmio medio di circa 150 euro l’anno al consumatore.

La nuova etichetta UE degli elettrodomestici è obbligatoria per:

  • lavatrici
  • lavasciuga
  • frigoriferi
  • congelatori
  • lavastoviglie
  • televisori

Classi di efficienza energetica degli elettrodomestici

Classi di efficienza energetica degli elettrodomestici: confronto vecchie e nuove classi energetiche

La nuova etichetta energetica europea per gli elettrodomestici è cambiata in maniera radicale.

Infatti, oltre alle nuove classi, sono state inserite ulteriori informazioni utili per i consumatori. È presente un aggiornamento dei dati, ora disponibili in un formato digitale leggibile dallo smartphone.

Nello specifico, la nuova etichetta presenta le diverse informazioni importanti da valutare al momento dell’acquisto:

  • marchio del produttore
  • identificativo del modello di elettrodomestico
  • codice QR del prodotto per l’etichetta digitale
  • scala delle classi di efficienza energetica da A a G
  • consumo di energia elettrica in kWh (calcolato su base annua, per 1000 ore o 100 cicli in base all’elettrodomestico)
  • informazioni sui programmi ecologici
  • dati sui consumi idrici
  • livello di rumorosità degli elettrodomestici

Come leggere le nuove classi energetiche

Rimane sempre una scala colorata che va dal verde al rosso. Nello specifico, il livello più basso è indicato dalla classe G e dal colore rosso, mentre il migliore è rappresentato dalla classe A e dal colore verde scuro.

Ciò consente agli utenti una facile identificazione circa l’efficienza e le prestazioni dei prodotti.

Classi di efficienza energetica degli elettrodomestici: classe G

La classe energetica G è la peggiore. Tuttavia, non è raro trovare in questa classe alcuni elettrodomestici che, secondo la vecchia classificazione, si trovavano a livelli molto più elevati.

Classi di efficienza energetica degli elettrodomestici: classe F

La classe F è una delle più comuni. Comprende infatti moltissimi elettrodomestici di vario tipo perché richiede standard di consumi buoni, ma non eccellenti.

Ad esempio, una lavatrice che ha un consumo elettrico di 82 kWh ogni 100 cicli di lavaggio e un consumo di acqua annuo di 8400 l, con la vecchia classificazione avrebbe avuto una A++, mentre oggi si ritrova in classe F.

Classi di efficienza energetica degli elettrodomestici: classe E

Anche la classe E è parecchio affollata. In questa fascia rientrano, infatti, molti grandi elettrodomestici che prima si trovavano nelle classi A+ e A++, solo con qualche variazione riguardo i livelli di consumi energetici.

Classi di efficienza energetica degli elettrodomestici: classe D

Un po’ meno popolata è la classe D. Tuttavia, all’interno di questa fascia troviamo vari elettrodomestici che prima vantavano una classe energetica massima.

In prevalenza, la classe D è occupata da tutti quegli apparecchi che erano contraddistinti da A++ e A+++ nella vecchia classificazione.

Classi di efficienza energetica degli elettrodomestici: classe C, B, A

Le classi più alte del nuovo sistema di etichettatura energetica sono poco affollate perché il livello di efficienza richiesto è estremamente elevato.

Tra gli elettrodomestici che hanno fatto maggiori passi in avanti in questo senso ci sono le lavastoviglie e alcune lavatrici.

Qual è la classe energetica più economica

Secondo il vecchio sistema, consumi minimi erano garantiti dalla lettera A+++ (oggi A, B, C) e fino alla lettera G che identifica gli apparecchi dai consumi massimi.

Sulle etichette – vecchie e nuove – è previsto anche un sistema di colori che va dal verde scuro, per gli apparecchi di massima efficienza (classe energetica A), fino al rosso per quelli che consumano maggiormente (G).

Classe energetica frigoriferi 2021

Con il nuovo sistema di etichette, per stabilire le classi energetiche è stata affinata la procedura per determinare la classe energetica dei frigoriferi e dei congelatori, che ora si presenta quindi più completa.

Nello specifico, vengono presi in considerazione fattori come la tipologia di apparecchio, il principio di funzionamento, la temperatura ambiente, il numero e le dimensioni dei ripiani. Sono presenti anche informazioni sulle emissioni acustiche.

Per maggiore chiarezza il consumo energetico viene sempre indicato come consumo annuo espresso in kWh.

Classe efficienza energetica F frigoriferi

Con l’introduzione della nuova etichetta energetica europea, i frigoriferi monoporta che erano in classe di efficienza energetica A+++, oggi si ritrovano nella maggior parte dei casi in classe E.  Mentre gli apparecchi della classe A++ rientrano invece nella classe F.

Nel caso degli apparecchi a due sportelli la classe A+++ è stata sostituita dalla classe E.

Cosa significa classe energetica A+++

L’identificativo della vecchia etichetta energetica A+++ indicava un consumo minore e un elettrodomestico più performante. Il livello di efficienza energetica varia comunque da prodotto a prodotto.

Ad esempio, i frigoriferi e i congelatori appartenenti alla classe A+++ sono il 60% più efficienti dei modelli in classe A, mentre le lavatrici di classe A+++ sono il 32% più efficienti rispetto ai modelli in classe A.

Che differenza c’è tra A++ e A+++

Un elettrodomestico in classe A++ consuma fino al 50% di energia in meno rispetto alla classe A. un elettrodomestico A+++ consuma fino al 60% di energia in meno rispetto alla classe A.

Cosa significa A+++ per la lavastoviglie

Una lavastoviglie in classe A consuma di media 1,15 Kwh/ciclo, una in classe A+ 0,98 Kwh/ciclo, una in classe A++ 0,91 Kwh/ciclo, ed una in classe A+++ 0,84 Kwh/ciclo.

Come calcolare i consumi di un’asciugatrice in classe A

Un’asciugatrice in classe A consuma meno di 3 kWh per ciclo. Lo stesso elettrodomestico, in classe B o C, attesta un consumo tra i 3 e i 5 kwh per ciclo di asciugature.

Cosa significa classe F elettrodomestici?

Nel caso esemplificativo di una lavatrice, l’attuale classe F corrisponde a quella vecchia A++.

Cosa significa classe energetica e lavastoviglie

La classe di efficienza energetica per lavastoviglie si basa sul programma “Eco”, ideale per stoviglie con sporco normale. È il più efficiente a livello di consumo sia di energia che di acqua.

Quanto consuma un frigorifero di 20 anni fa

Un frigocongelatore da 280 l degli anni 1990-1995 poteva consumare 500-550 kWh all’anno, uno di qualche anno fa in classe A si attesta sui 330 kWh/anno, un A+ consuma 250 kWh/anno, un A++ solo 180 kWh/anno.

Che classe deve essere un frigorifero

Secondo il regolamento 643/2009/CE, la classe energetica del frigorifero deve essere almeno di classe A+.

Ecco altri approfondimenti in tema risparmio energetico:

Luca Scialò

Nato a Napoli nel 1981 e laureato in Sociologia con indirizzo Mass Media e Comunicazione, scrive per TuttoGreen da maggio 2011. Collabora anche per altri portali, come articolista, ghost writer e come copywriter. Ha pubblicato alcuni libri per case editrici online e, per non farsi mancare niente, ha anche un suo blog: Le voci di dentro. Oltre alla scrittura e al cinema, altre sue grandi passioni sono viaggiare, il buon cibo e l’Inter. Quest’ultima, per la città in cui vive, gli ha comportato non pochi problemi. Ma è una "croce" che porta con orgoglio e piacere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button