Alimenti

Come conservare i limoni a lungo?

Interi o tagliati, ma anche il succo e la buccia: i consigli pratici

Quando facciamo la spesa, non ci dimentichiamo mai di mettere nel carrello un paio di limoni. Questo agrume è infatti molto versatile e serve per tantissimi utilizzi. È utile infatti sia per la preparazione di molti cibi e bevande, ed anche per svariate pulizie e mansioni domestiche. Per questo, avere un limone sempre a disposizione in casa fa sempre comodo. Tuttavia, come qualsiasi frutto, anche i limoni vanno a male e, spesso, finiscono per ammuffire.

Come conservare i limoni a lungo?

Vediamo allora insieme come conservare i limoni per poterli utilizzare sempre freschi e succosi, ed evitare sprechi.

Come conservare i limoni interi

Di solito, per l’utilizzo che se ne fa, non è necessario fare grandi scorte di limoni. A meno che si non abbia in mente di preparare caraffe di limonate o fare piatti particolari per numerosi ospiti, se ne acquistano un paio per volta.

Una volta rientrati a casa dalla spesa, i limoni interi si conservano in un ambiente fresco, al riparo da fonti di luce e di calore. In queste condizioni, i limoni si conservano per 7-8 giorni.

Non vanno messi in frigorifero, a meno che non siano davvero molto maturi, ma allora sarebbe meglio non acquistarli del tutto.

Come conservare i limoni tagliati

Se invece dovete conservare un limone aperto, allora certo che serve il frigorifero. Spesso, un limone non si consuma nella sua interezza. Di solito, lo si taglia a metà e si conserva l’altra metà non utilizzata, oppure un quarto restante. In questo caso, i limoni tagliati vanno coperti con uno stato di pellicola trasparente per alimenti in modo che non si ossidino e non si asciughino troppo. Avvolti nella pellicola, vanno riposti in frigo.

Il limone tagliato così conservato va consumato entro 3-4 giorni.

In alternativa, potete riporre il limone tagliato sempre in frigorifero, facendo poggiare la parte aperta in una ciotola o un piatto fondo ripieni di acqua fredda. In questo modo, il frutto non ammuffirà e, anzi, resisterà 1 settimana circa.

Come conservare i limoni in frigorifero

In estate, quando fa molto caldo, è meglio conservare i limoni in frigorifero anche se interi. Li dovrete inserire all’interno negli appositi sacchetti per alimenti provvisti di microfori traspiranti e riporre nel cassetto per la frutta e la verdura.

Resteranno freschi a lungo, circa un paio di settimana, perché l’umidità che si andrà a formare all’interno traspirerà fuori.

come conservare i limoni
Attenzione: in frigorifero, vanno coservati negli scomparti dedicati alla frutta e verdura

Come conservare i limoni senza che ammuffiscano

Il grosso rischio nella conservazione dei limoni è che possano ammuffire. Per evitare questo problema, basterà conservare i limoni interi a temperatura ambiente, al riparo dall’umidità, dalla luce e dalle fonti di calore. In questo modo, si manterranno freschi e succosi per circa 10 giorni.

Come conservare i limoni in freezer

La conservazione dei limoni in freezer non è una modalità fra le più consigliate. Tuttavia, se non avete altre alternative, magari perché vi hanno regalato una gran quantità d limoni, ci sono varie tecniche per metterli nel congelatore.

  • Succo. Spremete dei limoni freschi e travasate il succo ottenuto negli stampini per fare i cubetti di ghiaccio. Li avrete subito a disposizione, pronti per l’utilizzo
  • A fette. Tagliate il limone (o più limoni) a fette e distribuitele, fra loro ben distanziate, su una teglia rivestita con carta da forno. Mettete quindi la teglia in freezer. Quando ormai si saranno solidificate, inseritele all’interno degli appositi sacchetti di plastica per alimenti e rimettetele nel congelatore. Le fette di limone congelate vanno usate senza scongelamento, altrimenti diventano mollicce. Sono indicate da mettere in cocktail e bevande fresche estive, oltre che per decorare torte e dolci

Grazie alla conservazione nel congelatore, il limone mantiene inalterate le sue proprietà nutrizionali, compresa la vitamina C, presente sia nella polpa che nella buccia.

Come conservare i limoni in vetro

Vediamo ora un metodo di conservazione dei limoni piuttosto particolare, di origine marocchina. Si tratta dei preserved lemons. In pratica i limoni vengono conservati in salamoia.

  • Procuratevi 10 limoni maturi e lasciateli in ammollo in acqua per 3 giorni così che la buccia si ammorbidisca. Durante questo periodo, cambiate spesso l’acqua di ammollo
  • Trascorsi i 3 giorni, tagliate i limoni in 4 parti ciascuno, non però completamente. Dovete infatti mantenere intatta la base
  • Togliete i semini e riempite gli spazi fra le fette di limone con del sale grosso
  • Mettete ora sul fuoco una pentola piena d’acqua e aggiungete del sale (per le quantità: 100 grammi ogni litro di acqua)
  • Fate raffreddare l’acqua salata
  • Nel frattempo, sistemate i limoni col sale all’interno di vasetti di vetro sterilizzati e dotati di chiusura ermetica
  • Aggiungete foglie di alloro, chiodi di garofano e pepe in grani
  • Riempite ora i vasetti con la salamoia preparata fino a coprire completamente i limoni
  • Chiudete i vasetti e sistemateli in un luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce
  • Fate riposare per almeno 40 giorni, ricordandovi di scuotere i vasetti ogni tanto
  • Al bisogno, aprite i vasetti e prelevate i limoni che vi servono. I preserved lemons sono ideali per donare un tocco fresco a piatti importanti, come i pesci grassi bolliti o cotti al forno, gli stufati e gli arrosti di maiale.

I limoni in salamoia si conservano per circa 1 anno.

come conservare i limoni
Non tutti sanno che si possono conservare anche in salamoia…

Come conservare il succo di limone

Il succo di limone è utile per svariati utilizzi: nel tè, sul pesce, in alcune salse come la maionese, durante la preparazione della carne (es. pollo al limone, scaloppine al limone), nei dolci e per fresche e gustose limonate. Se vi è avanzato del succo di limone già spremuto, lo potete conservare in frigorifero per 3-4 giorni.
Altrimenti, lo potete congelare nel freezer, versandolo negli appositi stampini per il ghiaccio. In questo modo, lo avrete sempre a disposizione per poterlo utilizzare poco per volta, senza sprechi.

Se volete occupare poco spazio, una volta congelati, estraete i cubetti dagli stampini e travasateli all’interno di un solo sacchetto per alimenti.

Il succo di limone congelato è utilizzabile entro 2 mesi.

Come conservare la buccia di limone

Del limone si utilizza tutto. Oltre al succo, ricavato dalla polpa, anche la buccia è preziosa. Aggiunta nella crema pasticcera è fondamentale per togliere l’odore di uovo e rendere la crema più fresca ed aromatica. Inoltre, la si può fare anche candita. Tra l’altro, anche la buccia del limone è ricca di preziose proprietà. Basti dire che solo nella buccia si concentra un quantitativo di vitamina C che è ben 10 volte superiore a quello contenuto nella polpa dell’agrume.

Per utilizzare la scorza del limone, è bene fare attenzione ad utilizzare solo la parte gialla ed evitare invece quella bianca (interna) che è più amara.

Potete conservare la buccia del limone in 2 modi:

  • Grattugiatela e conservatela in freezer all’interno di un contenitore con chiusura ermetica. Al bisogno, dovrete semplicemente prelevarne la quantità desiderata e poi riporre il contenitore di nuovo in freezer
  • Essiccate la buccia di limone disponendola su una teglia rivestita con carta da forno e fate cuocerle in forno per 2 ore circa a 60°C. Conservate le scorze essiccate negli appositi sacchetti per alimenti. È utile per arricchire pietanze dolci e piatti salati, a base sia di pesce che di carne

Qualche consiglio per scegliere i limoni

Abbiamo visto tanti modi per conservare i limoni. Ma, per un’ottima conservazione, è necessario partire da dei buoni prodotti. Al mercato o reparto ortofrutta del supermercato, scegliete dei limoni ben compatti e turgidi, non molli né ammaccati, con la buccia bella gialla, priva di macchie e di puntini neri.

Altri approfondimenti

Sempre in tema agrumi, potrebbero interessarvi anche questi altri post:

Federica Ermete

Nata a Busto Arsizio nel 1982, dopo il diploma si trasferisce a Cremona – dove vive tutt’ora – per conseguire la laurea in ambito umanistico. Sia per formazione professionale che per passione personale, i suoi ambiti di specializzazione sono l’alimentazione, la salute, il fitness di cui è appassionata anche nella vita quotidiana, ed il benessere naturale. Collabora con entusiasmo con la redazione di Tuttogreen dal giugno 2020.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio