Alimenti

Mangiando arance ci si guadagna in salute: tutto su questo agrume

Scopriamo i molti benefici che apportano alla salute

Spremere le arance e berne il succo, mangiarne gli spicchi: gesti semplici che portano tantissimi benefici alla salute! Si tratta di uno degli agrumi più diffusi al mondo, ricco di polpa e di succo.

Mangiando arance ci si guadagna in salute: tutto su questo agrume

Non facciamole mai mancare dalle nostre tavole, perché sono un concentrato di vitamina C e di antiossidanti. Mangiandole ci risparmiamo con ogni probabilità futuri acquisti di medicinali e tante preoccupazioni per la salute. Aiutano a rafforzare il sistema immunitario, allontanano i malanni di stagione, nutrono e proteggono i tessuti.

Andiamo a scoprire tutto su questo fantastico agrume!

Caratteristiche delle arance

L’arancia dolce (nome botanico Citrus x sinensis) è il frutto di un sempreverde della famiglia delle Rutacee, di origine giapponese. Si tratta della comune arancia presente sulle tavole di tutto il mondo. Ed è arrivata nel nostro continente nel XIV secolo con le navi portoghesi.

Deriva dall’incrocio naturale fra pomelo e mandarino. In Italia giunge prima in Sicilia, portato dagli Arabi nel IX, e da loro chiamata nāranğ, da cui deriva il suo nome in italiano.

L’albero può diventare piuttosto alto ed è usato anche come pianta ornamentale, per via delle sue foglie lucide e dei fiori d’arancio, bianchi e profumati, e molto utilizzati in cosmetica. Questi fiori però non devono essere confusi con le zagare, i fiori dell’albero di arancio amaro, da cui si ricava un essenza chiamata anche neroli, alla base di diverse profumazioni.

arance

Le varietà di arance

L’arancio dolce è dunque una specie ibrida naturale Citrus x sinensis, ma si declina in diverse varietà, che si possono distinguere in due grandi gruppi:

  • rosse (Tarocco, Moro e Sanguinello) sono ideali da spremere
  • bionde (Washington Navel, Navelina, Ovale, Valencia, Belladonna) sono ottime da mangiare

In particolare, l’arancia rossa possiede una quantità superiore di antocianine, sostanze naturalmente antiossidanti e anticolesterolo. Le rosse sono una tipica produzione della Sicilia.

Secondo uno studio recente, sarebbe il clima particolare di quest’isola, specie quello della zona dell’Etna, con l’alternarsi di temperature molto calde a fredde notturne, a favorire la maggior concentrazione di antocianine.

arance

Come si chiamano le arance tardive

La varietà di tardive è la Valencia, che matura in primavera, tra marzo e aprile. I frutti riescono a resistere sui rami anche fino a giugno.

Quali sono le arance meno acide

La varietà Vaniglia appartenente al gruppo delle arance bionde, è l’unica con un livello di acidità bassissimo (0,06 – 0,15%). Inoltre, la pellicola che separa i vari spicchi è molto sottile.

Dove si coltivano le arance in Italia

In Italia, la produzione di agrumi è concentrata nelle regioni del sud.

La Sicilia detiene il primo posto, con circa 2/3 della produzione nazionale. Segue la Calabria (con circa ¼), e poi, Campania, Puglia, Basilicata e Sardegna.

Dove piantare un arancio

Scegliere una posizione ben esposta al sole ma riparata dai venti freddi, perché potrebbero bloccare la fioritura.

L’albero di arancio sopporta il freddo, fino a max 5°, e teme il gelo. In inverno. La pianta va quindi spostata in una serra fredda o in un luogo luminoso, ma non riscaldato.

Quanto tempo ci mette a crescere un arancia

La maturazione perfetta delle arance si ha attorno a 12-14 mesi dopo la fioritura. I frutti vanno quindi raccolti nel giro di 2-3 mesi, prima che maturino troppo.

Quanto è alto un albero di arance

L’altezza media è compresa tra 7 e 10 m, Gli aranci hanno una rigogliosa chioma di foglie grandi, verdi scuro e sempreverdi e lucide. Per questo è molto utilizzato in giardino ed è uno dei più comuni alberi da frutto coltivato anche a scopo decorativo.

Quante volte fruttifica l’arancio

Una pianta adulta riesce a produrre fino a 500 frutti. Questo albero può fiorire e fruttificare nello stesso periodo in quanto l’intervallo di riposo è di appena 3 mesi.

Quanto innaffiare un arancio

L’arancio resiste bene alla siccità. Tuttavia, se si vuole una pianta bella rigogliosa e piena di frutti succosi, va annaffiata in maniera abbondante soprattutto durante il periodo della ripresa vegetativa, ossia il periodo che va da marzo a ottobre.

Tra una annaffiatura e l’altra, occorre comunque attendere che il terreno sia asciugato alla perfezione.

Quando si potano gli alberi di aranci

La potatura va effettuata nel periodo che intercorre tra le 2 fioriture. Dunque, a seconda della zona e della varietà, da metà primavera a inizio estate.

arance

Quanto vive una pianta di arancio

Si tratta di una pianta sempreverde con una vita produttiva di 50-60 anni. Se ben curati, alcuni aranci possono addirittura arrivare a 100 anni e anche di più.

Quanti chili fa un albero di arance

La produzione media va dai 50 ai 100 kg per albero, che ne fa un albero dalla buona resa.

Quanto costa un albero di arancio

Una piantina alta 25 cm circa in un vaso da 12 cm costa 20 euro. Un vaso di circa 24 cm con una pianta alta 1,20 m può costare attorno ai 27-30 euro.

La trovate presso le serre, i centri di giardinaggio e i negozi di fiori, visto che spesso è una pianta decorativa, oltre che online.

Valori nutrizionali delle arance

Le diverse varietà hanno più o meno i medesimi valori nutrizionali.

Di media, 100 gr di prodotto apportano 34 kCal così ripartite:

  • 87% di carboidrati
  • 8% di proteine
  • 5% di grassi

Sono inoltre costituite da:

  • 87,2 gr di acqua
  • 0,7 gr di proteine
  • 8 gr di zuccheri
  • 1,6 gr di fibre

Per quanto poi riguarda vitamine e sali minerali, 100 gr di arance contengono:

  • 50 mg di vitamina C
  • 0,06 mg di tiamina
  • 0,05 mg di riboflavina
  • 0,2 mg di niacina
  • 71 µg di vitamina A
  • 200 mg di potassio
  • 49 mg di calcio
  • 22 mg di fosforo
  • 3 mg di sodio
  • 0,2 mg di ferro

Ed ancora: antocianine, flavanoidi e vari polifenoli.

Quali sono le proprietà delle arance

Sono ricchissime di sostanze nutritive benefiche per il nostro organismo:

  • fibre: in particolare la pectina, più concentrata nella buccia, aiuta così a regolarizzare le funzioni intestinali, soprattutto in caso di stipsi; è poi un vero e proprio anticolesterolo, perché una volta giunta nell’intestino, ostacola l’assorbimento del colesterolo LDL, quello cattivo
  • sali minerali: molto ricche di fosforo, magnesio, calcio, zinco, potassio
  • vitamine A, C, E, B1, B3 e B5: in particolare la vitamina C è alleata del ferro e ne favorisce l’assorbimento e fa dell’arancia un ottimo rafforzatore del sistema immunitario e antiscorbutico, mentre la vitamina A protegge la vista.
  • amminoacidi: acido aspartico e glutammico, arginina, glicina, lisina, prolina, serina, tirosina e treonina
  • acidi organici come l’acido citrico
  • polifenoli: in particolare flavonoidi come l’esperdina, che ne esplicano le proprietà antiallergiche ed antinfiammatorie, e quelli responsabili del tipico colore rosso di questi agrumi, gli antociani, prevengono l’invecchiamento, anche delle cellule nervose, e contrastano le cellule tumorali

Quando è il periodo migliore per le arance

I frutti arancioni raggiungono la maturazione in tempi diversi a seconda della specie, comunque sono invernali, e disponibili quindi da novembre a maggio.

A seconda delle varietà, ad esempio le rosse di Sicilia maturano tra dicembre e marzo.

Quanto dura la stagione delle arance

Il periodo di maturazione varia in base alle diverse varietà, ma può essere considerato un frutto invernale. Ad ogni modo, i primi frutti si raccolgono a novembre e i cosiddetti tardivi a maggio-giugno.

Quando comprare le arance

Gli agrumi coltivati in Italia sono disponibili in pieno inverno, anche se ci sono alcune varietà che maturano anche in autunno e in primavera.

Purtroppo, arrivando anche da lontane regioni a clima caldo, la si trova tutto l’anno sui banchi del supermercato.

Come si capisce se le arance sono mature

Alla vista la scorza deve essere rosso-arancione in maniera uniforme su tutta la superficie e poi, toccando il frutto, il dito deve sprofondare leggermente nella polpa. Se sprofonda vuol dire che il frutto è troppo maturo; al contrario, se non sprofonda significa che è acerbo.

Quanto costa 1 chilo di arance

Molto dipende dalla varietà, dalla stagionalità, dal punto vendita e anche dal fatto che siano vendute sfuse.

Comunque sia, il valore va da 1,10 euro/kg a 3,20 euro/kg e anche oltre per il Tarocco fuori stagione.
Di media, il succo costa 1,20-1,50 euro/l. La spremuta è invece più costosa: si va dai 2,50 a più di 5 € al litro.

Arance e vitamina C

Questi agrumi sono conosciuti per l’alto contenuto di acido ascorbico (la vitamina C), sebbene altri frutti e verdure ne siano più ricchi; ad esempio kiwi, peperoni, spinaci e fragole!

Ugualmente ricca di acido ascorbico è la spremuta di arancia, che si ricava dalla sua spremitura.

arance

Controindicazioni delle arance

Data la presenza di acido citrico, evitare, o quantomeno limitare, l’assunzione di questi frutti se si soffre di reflusso, gastrite, acidità e bruciore di stomaco.

Anche chi assume ACE inibitori e i soggetti in trattamento con diuretici dovrebbero evitare di mangiare arance.

Cos’è l’olio essenziale di arancio dolce

Si ottengono diversi oli essenziali dalle notevoli proprietà cosmetiche dall’albero di arancia:

  • olio essenziale di arancio dolce si ricava dalla spremitura a freddo e centrifugazione del pericarpo, cioè la buccia, favorisce la digestione e l’eliminazione dei gas intestinali, favorisce il relax e la distensione. È usato per aromatizzare liquori e dolci e per molti detersivi. È più economico degli altri oli essenziali derivati dagli agrumi per cui serve ad adulterare i profumi.
  • olio essenziale di arancio amaro, chiamato anche bigarade o neroli, è ricavato dalla distillazione in corrente di vapore del solo fiore dell’arancio amaro, la zagara. Sofisticato e costoso, è la base di diversi profumi, ed è ricco di principi anticellulite e antiage.
  • olio di petit-grain, ottenuto dalla distillazione dei rametti più teneri dell’albero di arance dolci.

Con le foglie essiccate si prepara un decotto che ha proprietà diuretiche, digestive e sedative, e calma la tosse.

arance

Come utilizzare in cucina e in casa le arance

Nella cucina naturale possono essere consumate nei modi tradizionali, come marmellate e succhi, aromatizzare bibite e liquori.

In alternativa, possono essere cucinate in abbinamento con carne bianca (soprattutto maiale e anatra), pesce, insalate e sono ingredienti graditi di molti dolci. Se ne possono fare anche caramelle e canditi.

Le bucce d’arancia possono essere essiccate o bruciate per profumare gli ambienti, e se ne può anche ricavare un pomander ai chiodi di garofano per la biancheria.

La ricetta della zuppa di arancia e carota

Una ricetta per l’inverno, con un insolito accostamento dolce-salato, ricchissima di vitamina C, è la zuppa di carote e arancia. Per 4 persone:

  • 1 arancia
  • una cipolla di medie dimensioni
  • 1 kg di carote
  • 1 l di brodo vegetale
  • 2 cucchiaini di prezzemolo fresco

Preparazione. Mondate e pelate le carote, tagliatele a pezzi. In padella con l’olio soffriggete la cipolla tagliata fine per 2 minuti. Aggiungete le carote, doratele per 5 minuti e versate il brodo e due lunghe scorze dell’arancia. Abbassate la fiamma e cuocete finché sono tenere, almeno 20 minuti. Togliete la scorza e frullate. Aggiungete il succo d’arancia e riscaldate altri 5 minuti. Servite con un filo d’olio e pepe cui si aggiunge un trito di prezzemolo fresco.

Come utilizzare le scorze dell’arancia

Le scorze essiccate sono utili per profumare ambienti e pietanze, così come anche per preparare oli essenziali.
Le scorzette candite, spesso intinte nel cioccolato, trovano largo impiego in pasticceria.

Come usare le arance in ambito cosmetico

Grazie alle sue proprietà, l’arancia si rivela molto efficace in vari trattamenti di bellezza. Ecco alcuni esempi di trattamenti da poter replicare a casa.

  • Trattamento rivitalizzante: creare un composto mescolando il succo di 1 limone e di 1 arancia, 1 tuorlo d’uovo e 1 cucchiaino di miele. Applicare sulla pelle eseguendo un massaggio delicato con movimenti circolari. Lasciare poi in posa per una ventina di minuti e poi sciacquare via con acqua tiepida.
  • Scrub corpo: effettuare uno scrub utilizzando succo d’arancia fresco, miele e zucchero di canna. Massaggiare con movimenti circolari e poi sciacquare con acqua tiepida
  • Maschera defaticante: mescolare argilla verde, succo di mezza arancia e un cucchiaino di miele fino a ottenere un composto abbastanza denso. Stendere sul viso con un pennello e lasciare in posa 20 minuti circa e poi risciacquare
  • Maschera illuminante: mescolare il succo di un’arancia appena spremuta con zucchero e miele. Applicare il composto cremoso così ottenuto eseguendo dei movimenti circolari. Infine sciacquare con acqua tiepida
  • Maschera schiarente: schiacciare la polpa di un’arancia e unire 2 cucchiai di miele. Mescolare e applicare sul viso ben pulito. Lasciare in posa 10-20 minuti e poi risciacquare

Proprietà purificanti dell’arancia

  • Capelli grassi: dopo lo shampoo, sciacquare i capelli aggiungendo all’acqua un paio di bicchieri di succo d’arancia
  • Acne e impurità: preparare un composto con mezzo bicchiere di succo d’arancia, mezzo bicchiere di succo di limone e qualche foglia di menta sminuzzata. Applicare sul viso e far agire per mezzora circa. Quindi risciacquare utilizzando acqua fredda

Quante arance al giorno si possono mangiare

La porzione media è pari a 150-200 gr circa.

Si consiglia l’assunzione di massimo 3 arance al giorno. Ad ogni modo, il consumo va anche regolato tenendo conto del proprio stato di salute e del proprio fabbisogno nutrizionale.

Quanto fanno bene le arance

Costituite quasi prevalentemente da acqua, le arance hanno pochissime calorie. E per giunta, oltre ad essere un importantissima fonte di vitamina C (55% del fabbisogno giornaliero in 100 gr di prodotto), sono anche molto ricche di minerali come potassio, fosforo, calcio, e ferro.
arance

Quando non mangiare arance

Evitare di mangiarle se si soffre di reflusso o acidità di stomaco, soprattutto a stomaco vuoto. L’acido citrico e l’acido ascorbico in esse presenti peggiorano i sintomi di gastrite e bruciore.

Chi soffre di stitichezza può mangiare le arance

Oltre all’elevato contenuto di fibre, nelle arance c’è anche una buona dose di naringenina, un flavonoide che agisce anche come lassativo. Pertanto, questo frutto può essere un aiuto naturale per favorire la regolarità intestinale.

Chi ha il diabete può mangiare le arance

Gli agrumi in generale sono consigliati ai diabetici. Ne consegue quindi che le arance sono un valido spuntino in quanto, oltre ad essere ricche di vitamine e antiossidanti, hanno anche un indice glicemico basso.

Chi ha il colesterolo alto può mangiare le arance

Le arance aiutano mantenere in buona salute il sistema cardiovascolare, mantenendo i livelli di colesterolo e di pressione nella norma, e le pareti delle arterie in salute.

Quanto durano le arance fuori dal frigo

Le arance sono un frutto invernale da conservare in un luogo fresco, dove si riescono a mantenere per più di 2 settimane.

Come capire se le arance sono ancora buone

Basta osservare il picciolo e le foglioline attorno che devono essere verdi, freschi e non avvizziti. In generale, al momento dell’acquisto, diffidare delle arance belle e brillanti che di solito hanno una buccia un po’ appiccicosa. È chiaro segno di trattamenti chimici sulla scorza.

Come si congelano le arance

La tecnica migliore consiste nel lavare e asciugare per bene il frutto.

Quindi tagliarlo a fette oppure pelare a vivo gli spicchi e conservare il tutto all’interno dei sacchetti per il freezer. Saranno utili e già pronti per decorare torte e dolci.

Qual è la miglior arancia

La varietà Tarocco è quella più pregiata ed apprezzata nel mondo. Le arance Tarocco sono medio-grandi, con una polpa succosa striata di rosso. La buccia chiara ha uno spessore medio, per questo sono facili da sbucciare.

Perché si chiamano Tarocco

Questa denominazione ha origini popolari. Secondo la tradizione, infatti, si tratta dell’esclamazione spontanea di un contadino di fronte ad un bel campione di arance.

Perché le arance Navel si chiamano così

Questa varietà presenta, alla base della buccia, una piccola escrescenza che forma una sorta di conca che somiglia ad un ombelico.

Il motivo sta proprio in questa particolarità perché il termine ‘ombelico’, in inglese, si dice appunto navel.

Quali sono le migliori arance da spremuta

Le Navel, le Washington e le Navelina sono ottime sia per essere spremute che da mangiare intere. Avendo una grana piuttosto fine, sono ideali anche per fare la marmellata.

Quanto dura la spremuta fatta in casa

L’ideale sarebbe consumare la spremuta di arancia appena fatta. Tuttavia, possono restare in frigorifero alcune ore, ma non troppo in quanto perderebbero le loro proprietà nutritive.

Quando è meglio bere una spremuta

È un ottimo spuntino da bere a metà mattina o metà pomeriggio.
ARANCE

Il motivo principale sta nel fatto che l’acido citrico contenuto nelle arance, e negli agrumi in genere, fa coagulare le proteine del latte all’interno dello stomaco, causando gonfiori e problemi di digestione.

Cosa si può mangiare con una spremuta

In abbinamento, sono particolarmente indicate mandorle, noci e nocciole in quanto sono alimenti alcalinizzanti che apportano molte energie, soprattutto sotto forma di proteine e grassi vegetali buoni.

Quante arance per un bicchiere di spremuta

Per ottenere 200 ml di succo, di media, servono 3 arance medio-piccole.

Quanto dura la vitamina C in una spremuta di arancia

Per godere di tutti i suoi benefici, l’ideale sarebbe consumare una spremuta appena fatta. Già dopo 12 ore non si trova traccia di vitamina C.

Come non far marcire le arance

Andrebbero conservate nella maniera più naturale possibile, meglio non in frigorifero.

La conservazione ideale è sistemarle in un contenitore aperto, in un luogo buio, arieggiato e lontano da fonti di calore, con una temperatura ambiente non troppo calda, e con un livello di umidità basso.

Chi produce più arance al mondo

Con una quota di circa il 30% della produzione mondiale, il primo produttore di arance da spremuta è il Brasile, con ben il 94% della produzione concentrata a San Paolo. Il Brasile è anche il principale esportatore di frutta e succo d’arancia.

Com’è il plurale di arancia

Forse vi siete chiesti come si scrive il plurale di arancia: ‘arance’ o ‘arancie? Il plurale corretto è arance, perché risponde alla regola che prevede per le parole che al singolare hanno ‘cia’ la soppressione della ‘i’ al plurale.

Altri agrumi e incroci

Potrebbero interessarti anche altri agrumi, non tutti tradizionali e originari del Mediterraneo:

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio