Erbe medicinali e aromatiche

Lapacho: proprietà, benefici e utilizzi

Lapacho o Taheebo è il nome con cui si identifica una tisana dalle molteplici virtù benefiche ricavata dalla corteccia della Tabebuia, varietà di piante sudamericane utilizzate già dalle tribù indigene per le proprietà antivirali e antimicotiche. Conosciamolo meglio con una guida interamente dedicata ai suoi benefici.

Il lapacho è una tisana molto nota nella pratica erboristica per le sue proprietà antimicrobiche, antivirali, antifungine. Da tempo è utilizzata per curare le lesioni cutanee e lenire i disturbi di psoriasi, dermatiti e punture di insetti.

Lapacho: proprietà, benefici e utilizzi

I primi ad apprezzare le virtù degli estratti di questa pianta – la Tabebuia Impetiginosa – furono le popolazioni indigene del Centro e Sud-America. Già migliaia di anni fa raccoglievano la parte interna della corteccia di questo albero ‘miracoloso’ per la cura di moltissime malattie di origine virale e batterica.

Lapacho: che cos’è

Il Lapacho è anche noto col nome portoghese di pau d’arcu, che significa “bastone per archi”. Il legno di questa pianta, infatti, veniva usato per la costruzione di archi.

FOCUS: Rimedi naturali: quali benefici portano e a cosa servono

Studi recenti condotti dal Dipartimento di Sanità degli Stati Uniti hanno confermato le proprietà terapeutiche di questo estratto. Per quanto non vi sia nulla di concreto oggi a livello di cure, se ne sta studiando anche l’azione benefica nel contrastare l’insorgenza di alcune forme di cancro, candida e perfino l’HIV.

Parallelamente, pur ammettendo l’efficacia dei suoi principi attivi, le evidenze cliniche ottenute dalle sperimentazioni hanno dimostrato che le dosi necessarie per prevenire efficacemente il cancro sono troppo elevate e possono causare effetti collaterali anche gravi (anemia, diarrea, nausea, vomito, ecc). Il Lapacholo, inoltre, assunto in quantità eccessive, si è rivelato decisamente tossico.

Nonostante ciò, il Lapacho è un potente alleato naturale per la cura e la prevenzione di molti disturbi e per il rafforzamento delle difese immunitarie.

Vediamo insieme come utilizzarlo correttamente.

SPECIALE: Placche gola, i rimedi naturali

Lapacho pianta

Come abbiamo visto, Lapacho è il nome attribuito alla parte interna della corteccia di una varietà di piante sempreverdi di origine Amazzonica e Sudamericana, denominate Tabebuia. Si tratta di un albero ligneo di grandi dimensioni e dal tronco molto possente che cresce spontaneamente nelle foreste pluviali, ma che non disdegna climi più freschi e terreni acidi.

Per questo motivo è da sempre molto diffuso sulle montagne del Paraguay, Argentina, Brasile, Bolivia e Perù.

Leggi anche:

Appartiene alla famiglia delle Bignoniacee che si caratterizza per le fioriture coloratissime che vanno dal giallo al rosa, passando per il rosso e il porpora.

Le varietà di lapacho sono moltissime e non facilmente distinguibili tra loro, ma pare che quelle utilizzabili a fini terapeutici siano il lapacho scarlatto e il lapacho rosa.

Il primo, in particolare, si identifica con l’estratto della corteccia della varietà di Tabebuia Impetiginosa: il riferimento è all’efficacia della pianta per la cura della impetigine, infezione cutanea da stafilococco o streptococco.

lapacho corteccia di tababuia

Lapacho proprietà

Le proprietà benefiche attribuite al lapacho si riferiscono sopratutto al complesso minerale particolarmente ricco (calcio, magnesio, fosforo, zinco, cromo, silicio, manganese, rame, potassio sodio), agli oligo-elementi e a due sostanze dal potere antibiotico e antinfiammatorio, la xilodina e il lapacholo, utili per contrastare funghi, batteri, per tonificare e depurare  l’organismo e per stimolare le sue naturali difese.

Non a caso, le principali proprietà attribuite a questa pianta sono antinfiammatorie, antivirali, antibatteriche, antiossidanti, antifungine, depurative e tonificanti.

SPECIALE: 7 erbe con proprietà anti-infiammatorie

Da sempre il Lapacho è considerato un toccasana per la cura di diverse infezioni ed è particolarmente consigliato in caso di candida, cistite e infezioni vaginali. L’uso topico è riferito al trattamento di lesioni cutanee, psoriasi e punture di insetto. 

Studi più recenti hanno dimostrato l’efficacia del Lapacho per riattivare e rafforzare le difese immunitarie, per contrastare l’invecchiamento cellulare, stimolare la produzione di globuli rossi e per regolare i livelli di zuccheri nel sangue.

lapacho estratto

Foto via Pinterest

Lapacho utilizzi terapeutici

Il decotto di Lapacho, sorseggiato quotidianamente poco prima del cambio stagionale, è un ottimo rimedio naturale per rinforzare le difese dell’organismo e prevenire la maggior parte delle malattie da raffreddamento tipiche del periodo invernale. E’, inoltre, un utile antidoto contro le malattie recidivanti, quali candida e cistiti.

La corteccia può essere acquistata nelle erboristerie o nei negozi specializzati. Non è sempre facile trovarla, ma potrete comprarla sotto forma di strisce sottili, già pronta per essere trasformata in decotto. In alternativa si possono utilizzare le capsule contenenti l’estratto in polvere o liquido della corteccia di Lapacho.

lapacho proprietà

Foto via Pinterest

La corteccia, inoltre, può essere applicata direttamente sulla cute lesa o sulle zone doloranti come impacco benefico o utilizzata come fertilizzante per fiori. Il Lapacho è disponibile in commercia anche  in crema cosmetica per viso e corpo.

Sintetizzando, le indicazioni terapeutiche riferite al Lapacho sono:

  • Trattamento delle infezioni batteriche da stafilococchi, streptococchi, brucella, ecc.
  • Influenza, raffreddore, herpes
  • Trattamento delle infezioni parassitarie
  • Infezioni della bocca, naso e gola
  • Disordini del tratto gastrointestinale
  • Disordini del sistema urogenitale (cistite, uretrite, prostatite, polipi vescicali, vaginiti)
  • Trattamento delle gastriti e ulcere
  • Trattamento delle principali affezioni cutanee (eczema, acne, foruncolosi, psoriasi)
  • Artrite
  • Ferite, punture di insetti, psoriasi

Lapacho controindicazioni

L’assunzione del Lapacho è sconsigliato alle donne in gravidanza e allattamento e a tutti i soggetti sottoposti a terapie che prevedono l’assunzione di farmaci anticoagulanti o aspirine. Per le dosi da assumere fare sempre riferimento indicazioni riportate sulle confezioni, oppure chiedere consiglio all’erborista o medico di fiducia.

Gli effetti collaterali connessi all’assunzione degli estratti di questa pianta sono rari e si palesano sopratutto a livello gastrointestinale in caso di sovra dosaggio.

Vediamo anche cosa si può trovare online:

Tè di Lapacho, Pau D 'Arco 1000g - "L'albero della vita"
Prezzo:EUR 16,70

Lapacho di Leo soluzione idroalcolica da 30 ml
Prezzo:EUR 31,00

Leggi anche:

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close