Forma fisica

Orienteering: vantaggi e benefici di uno sport nella natura

Orienteering significa letteralmente ‘orientamento’, ovvero ‘trovare la posizione’. Si tratta di una disciplina sportiva outdoor nata in Norvegia alla fine del 1800 e molto praticata in tutti i paesi nord europei. Oggi l’orienteering è apprezzato in molte nazioni, compresa l’Italia, anche in virtù della sua stretta correlazione con la sostenibilità ambientale.

Orienteering: vantaggi e benefici di uno sport nella natura

Praticarlo, infatti, è un modo sano ed ecologico di fare sport a stretto contatto con la natura e di coltivare i principi dell’educazione ecologica.

La pratica di questo sport non comporta l’uso di un’attrezzatura particolare e non è per niente costosa. Tutto quello che serve è un buon paio di scarpe da running, una mappa topografica del territorio e una bussola.

Ma vediamo come funziona, quali sono le regole per praticarlo e quali i benefici indotti da questo eco-sport così popolare tra adulti e ragazzi di tutte le età.

Orienteering: cos’è e come si pratica

Lo scopo dell’orienteering è individuare un certo numero di obiettivi elencati in una mappa dettagliata. Questi punti di blocco sono detti anche ‘lanterne’ e sono contrassegnati da paletti con bandierine di colore bianco-arancio e numeri che indicano l’ordine di percorrenza.

orienteering

L’attività si svolge normalmente di corsa e quando il concorrente taglia tutti i traguardi intermedi i controllori di gara verificano che i punti di blocco siano stati avvistati e superati nell’ordine previsto dalla mappa. Per registrare il proprio passaggio il partecipante deve punzonare il cartellino testimone oppure inserire il chip elettronico in un’apposita stazione.

SPECIALE: I migliori luoghi per il nuoto all’aperto in Italia

Vince chi riesce a completare il tracciato nel minor tempo possibile. La capacità del corridore, dunque, deve essere quella di individuare il percorso più breve e le zone del territorio in cui si trovano i punti di controllo segnati nella sequenza prevista dalla mappa.

Orienteering

Questo sport si può praticare in campagna, nei boschi e anche in città a diversi livelli di difficoltà, in modo amatoriale o agonistico. Il tipo di orienteering più praticato è quello che si svolge di corsa (C-O), ma ci sono varianti come quello in mountain-bike (MTB-O), con gli sci da fondo (SCI-O) e la versione paralimpica (TRAIL-O) dove non conta la velocità ma la precisione.

SCOPRI: Mindful running, cos’è e quali benefici garantisce

Dove praticare l’orienteering

Nel nostro paese l’orienteering è praticato sopratutto a livello associazionistico. Molte polisportive sono associate alla Federazione Italiana Sport Orientamento che è riconosciuta anche dal CONI e dal CIP. La carta topografica, che rappresenta fedelmente il territorio in cui ci si muove, viene definita “palestra verde” ed é riconosciuta dal CONI come un vero e proprio impianto sportivo.

Orienteering

Questa disciplina, inoltre, può essere modulata su varie distanze, a seconda dei concorsi. Quello forse più famoso è  lO-ring, celebre evento svedese a cui partecipano ogni anno più di ventimila corridori provenienti da quaranta paesi.

Ma ogni anno si disputano anche i Campionati del Mondo e la Coppa del Mondo di Orienteering, competizioni  che possono contare su un seguito di estimatori sempre crescente.

Orienteering: benefici per il corpo e per l’ambiente

Come detto, siamo di fronte ad uno sport sempre più apprezzato e praticato sia a livello amatoriale che agonistico. Ci sono aziende che promuovono attività di orienteering perfino tra i propri dipendenti come training per agevolare il team building

Studi specifici, infatti, hanno dimostrano che una giornata dedicata all’orienteering consente ai gruppi di lavoro aziendali di essere molto più produttivi e coesi.

Curiositàcorrere a piedi nudi fa davvero bene?

orienteering

Il beneficio principale derivante dall’orienteering è legato alla possibilità di fare sport nella natura.

Questo significa anche osservare delle regole, prima fra tutte il rispetto dell’ambiente e della bellezza che rende unico ogni ecosistema. Da qui, il grande valore formativo di questo sport: praticarlo vuol dire riscoprire questa bellezza e coltivare un rapporto intimo e diretto con la natura.

E per i ragazzi vuol dire anche conoscere gli elementi naturali, la biodiversità, la sua importanza per il nostro pianeta e le pratiche virtuose per tutelarla.

FOCUS: 8 buoni motivi per camminare

Orienteering e benessere psico-fisico

Non dimentichiamo, inoltre, che l’orienteering è a tutti gli effetti uno sport, e in quanto tale, è molto utile anche al benessere psico-fisico. Svolgendosi prevalentemente di corsa, le parti del corpo più sollecitate sono sicuramente gambe e glutei.

Anche a basse velocità, si bruciano almeno il 15% dei grassi corporei e si aumenta la resistenza fisica tra salite, discese e ostacoli presenti lungo il tracciato.

orienteering

Benessere fisico, ma anche mentale. L’orienteering stimola la capacità cognitiva e le abilità individuali poiché richiede concentrazione e creatività. È un’attività che libera dallo stress e dall’ansia, favorisce la serenità, e rinforza l’autostima. E dal momento che può essere praticato anche in team, è un ottimo esercizio per allenare la socialità e lo spirito di gruppo.

Orienteering e apprendimento per i più giovani

Oltre quello puramente motorio, il valore dell’orienteering per i più giovani è sopratutto educativo e cognitivo. Per questo motivo la disciplina è sempre più presente nei programmi didattici degli istituti scolastici di ogni ordine e grado.

La lettura della carta topografica, le rappresentazioni del territorio in scala, la simbologia cartografica, l’uso della bussola, presuppongono l’acquisizione di un gran numero di nozioni e insegnamenti. Matematica, geografia, scienze, educazione tecnica, artistica ed educazione fisica tanto per citarne alcuni.

SPECIALE: Fare sport, quali benefici e come praticarlo in modo sostenibile 

orienteering

I ragazzi che si avvicinano a questo sport hanno anche l’occasione di crescere caratterialmente e di acquisire il senso della responsabilità.

Si devono prendere decisioni autonome e veloci, per cui si sviluppa una consapevolezza maggiore della propria capacità di giudizio. E inoltre si apprendono le regole per una corretta vita nell’ambiente naturale con il quale si entra in contatto e si consolida una coscienza ecologica molto profonda.

Ecco perché l’orienteering è considerato una vera e propria ‘ginnastica mentale‘. Stimola la conoscenza, attribuisce dei valori, suscita interesse. E dal momento che per imparare a preservare la natura occorre innanzitutto conoscerla, abilita comportamenti utili a sé stessi, all’ambiente ed alla società.

Leggi anche:

  • Corsa, una disciplina completa
  • Trekking, vacanze alternative per chi ama la natura e lo sport
  • Nordic walking: benefici e tecnica della camminata nordica

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close