Pedalare 5 km al giorno per combattere le emissioni di CO2

di Eryeffe del 20 dicembre 2011

Diminuire il livello di Co2 presente nell’aria solo pedalando? Si può eccome, stando all’ultima stima realizzata dall’ European Cyclists Federation (Federazione Europea dei Ciclisti) che ha rivelato una sorprendente realtà: se entro il 2050 tutti i cittadini europei pedalassero in media quanto i danesi, le emissioni di Co2 calerebbero del 60%, dimezzando così l’impatto del trasporto urbano. I numeri dello studio indicano che sarebbe sufficiente una pedalata giornaliera media di 5 km per ogni abitante (da preferire all’uso di bus, auto e moto) per ‘risparmiare’ tra i 33 e i 72 milioni di tonnellate di anidride carbonica riversate nell’aria, con enormi benefici per la salute delle persone.

E in fatto di ‘pedalate’ l’esempio più virtuoso è offerto dai cittadini della Danimarca visto che, nella sola Copenaghen, il 36% degli abitanti utilizza la bicicletta per muoversi in città, con un trend in continua ascesa che nel 2015 potrebbe estendersi al 50% dell’intera popolazione.

Anche ad Amsterdam, regno indiscusso della bici con i suoi 400 chilometri di piste ciclabili in città, il governo locale ha appena lanciato un programma di incentivi per azzerare, entro il 2050, la circolazione delle auto con motore a combustione interna e centrare, così, l’obiettivo fissato dalla UE. Già stanziati i primi 9 milioni di fondi per l’acquisto di auto elettriche, dal prossimo anno le colonnine di ricarica in città dovrebbero sfondare a quota mille.

FOTO: un’autostrada per biciclette presto in arrivo in Germania

In Italia, manco a dirlo, le cose non vanno così bene e anche se la bicicletta piace a tanti continua ad essere utilizzata quasi esclusivamente per svago e non per gli spostamenti nei centri urbani. Per andare al lavoro, accompagnare i figli a scuola, sbrigare le incombenze in città, gli italiani continuano imperterriti a preferire l’auto, anche per brevi spostamenti, tanto è vero che la concentrazione di vetture nel Bel Paese è la più alta d’Europa (più di 600 ogni mille abitanti contro una media europea di 463). Non a caso, la percentuale di persone che usano mezzi ecologici come la bici per spostarsi in città è sempre inchiodata ad un modestissimo 3,8%.

Pigri, abitudinari, indolenti, poco consapevoli dei benefici collettivi dati dal muoversi in modo sostenibile e scarsamente responsabili: il ritratto dell’italiano medio è assai poco confortante. Possiamo – e dobbiamo – migliorare.

Articoli correlati:
Piste ciclabili a Milano: tutti ne parlano ma i fatti dove sono?
Arriva Il Bike Sharing in Provincia di Milano?
Itinerari in bici in Tirolo, una vacanza a Tuttogreen
Friuli, le piste ciclabili in versione low-cost
Piste ciclabili in crescita in Italia secondo Legambiente
Copenaghen, patria delle bici: arriva anche il commutatore Green Wave
EuroVelo, in bici attraverso l’Europa
Come andare al lavoro in bicicletta: ecco 10 consigli!
Ecoviaggi: anche la Svizzera propone vacanze in bicicletta
Liguria in bicicletta: la nuova pista ciclabile a Sanremo, Riviera dei fiori
Italiani: popolo di ciclisti?
Bikenomics: quando la bicicletta fa bene anche all’economia
Napoli, nasce la pista ciclabile contro il degrado?

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment