Stufe a pellet: come sceglierle e altri consigli utili

di Marco Grilli del 11 ottobre 2016

Le stufe a pellet sono un’opzione da prendere in considerazione se avete intenzione di abbattere il costo per il riscaldamento delle vostre case, magari compiendo al contempo una scelta ecologica. Vediamo pro e contro e soprattutto come sceglierle!

Le stufe a pellet utilizzano un combustibile ecologico, ottenuto dall’assemblaggio di trucioli e segatura, il pellet, appunto, ottenuto senza aggiunta di additivi, coloranti e materiali estranei. Sottoposto a un procedimento meccanico di pressatura in piccoli granuli, il pellet si presenta in forma cilindrica (6 mm di diametro).

Si tratta di un sistema di riscaldamento che vanta diverse sue qualità: non solo è amico dell’ambiente grazie alla sua capacità di ridurre le emissioni di CO2, ma è anche facilmente accatastabile, rispetto alla legna, oltre ad aver un elevato rendimento termico ed un basso contenuto in umidità (massimo 8%).

SPECIALE: le nostre guide sui sistemi di riscaldamento!

Le sfufe a pellet convengono?

Le stufe a pellet sono una scelta in molti casi conveniente, perché combinano diversi vantaggi:

  • ottime prestazioni
  • una relativa facilità di installazione e manutenzione
  • la possibilità di produrre calore solo quando necessario
  • tempi di ricarica sono piuttosto lunghi e vengono quindi incontro alle vostre comodità, mentre un apposito termostato permette di regolare sia la potenza, che la temperatura voluta. Avrete così un dolce calore per le vostre serate invernali davanti ad un buon libro, ecosostenibile e conveniente economicamente
  • agevolazioni fiscali per l’acquisto fino al 65%

In particolare, per il 2016, infatti, la Legge di Stabilità ha confermato la detrazione del 50% su ristrutturazione edilizia e del 65% su riqualificazione energetica.  Più precisamente: si tratta nel primo caso di detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie, fissate attualmente al 50% e valevoli anche per l’acquisto ex-novo. Il vantaggio consiste nella possibilità di ottenere il rimborso di una percentuale di spesa, sotto forma di detrazione Irpef.

Un’altra forma di agevolazione è rappresentata dal conto termico, che riguarda unicamente la sostituzione di impianti già installati e si sostanzia con un contributo erogato in due anni, variabile a seconda della potenza installata e dell’area climatica in questione.

Più complessa è invece la detrazione fiscale del 65%, prevista solamente nei casi di coibentazione dell’involucro e sostituzione dei serramenti.

Come scegliere le stufe a pellet

Se vi siete convinti di tale scelta, eccovi al passo successivo: l’impianto della stufa.

Al di là del lato estetico –molte stufe a pellet spiccano per la bellezza del design tanto da configurasi come veri e propri oggetti d’arredamento – bisogna prima di tutto verificare la possibilità di realizzare una canna fumaria, se non è già presente.

Serviranno poi una presa d’aria, da collegare direttamente alla stufa, e una presa elettrica, efficiente e dotata di messa a terra. Il collegamento elettrico deve rimanere sempre accessibile.

Esistono anche stufe a pellet senza canna fumaria, ma la dicitura stessa può causare equivoci non da poco: in ogni stufa a pellet avviene una combustione che produce dei fumi che vanno espulsi.

Qui tale espulsione non avviene attraverso una canna fumaria, ma attraverso un tubo con fungo terminale sporgente dal muro: scarico che va effettuato nel rispetto delle normative vigenti, ad opera di tecnici fumisti che vi certifichino l’installazione.

Si tratta di apparecchi elettronici, facilmente programmabili, che possono lavorare autonomamente sulla base delle nostre indicazioni, riguardanti l’ora di accensione e di spegnimento e la potenza di calore.

Scordatevi quindi i noiosi e continui spostamenti per attingere il fuoco con sempre nuova legna!

Una volta riempito il serbatoio, potete starvene tranquillamente in poltrona! Inoltre, qualora non vogliate ricorrere alla programmazione, basterà regolare il termostato per garantire il mantenimento della temperatura prescelta nella vostra abitazione.

Ecco la nostra mini-guida per… scegliere il pellet migliore!

Dove posizionare la stufa e come installarla

Per mantenere la sicurezza e garantire la massima efficienza è vietato mettere la stufa in camere da letto, bagni e locali dove vi sia un altro apparecchio sprovvisto di un proprio flusso d’aria.

Emanando un forte calore, è consigliabile tenerla lontano dalle zone con pavimentazione in legno o di materiale infiammabile, oppure è bene installare anche una piastra salva-pavimento; mentre per ottenere la massima resa e facilitare la distribuzione uniforme del calore, è utile farsi consigliare dal tecnico per individuare la parte più centrale dell’abitazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Tutti i trucchi per isolare la casa dal freddo

La stufa deve esser sempre posizionata ad almeno 5 cm dalla parete (15 cm nel caso questa sia infiammabile), mantenendo a distanza di sicurezza (40 cm) mobili, tende o oggetti infiammabili.

Per il collegamento alla rete elettrica, invece, bisogna assicurarsi che il cavo di collegamento alla rete e la sonda ambientale non siano in contatto con le parti calde della stufa.

Prima dell’installazione, è importante accertare che la canna fumaria non sia ostruita o male installata. La sua sezione interna e la sua altezza, inoltre, devono esser di misura adeguata per garantire il giusto tiraggio.

Importante: non improvvisatevi provetti montatori.

Il ricorso a personale competente è obbligatorio e non esistono i presupposti del “fai-da-te”, sia per la delicata operazione del collegamento della stufa alla canna fumaria, che per il controllo dell’impianto stesso. Il costo dell’installazione varia a seconda del tipo di impianto e dei lavori che si rendono necessari.

Per quanto riguarda le tubazioni:

  • devono essere quelle apposite per stufe a pellet, dotate delle guarnizioni di tenuta.
  • nel collegamento dei tubi alla canna fumaria non sono ammesse riduzioni di diametro rispetto all’uscita prevista nella stufa
  • per assicurare il corretto funzionamento è invece preferibile evitare tratti orizzontali, soggetti a riempimento di cenere.
  • è sconsigliabile progettare una canna con più di due curve (fissate stabilmente) per garantire la massima sicurezza e la minima perdita di carico.

Manutenzione della tufa a pellet

La stufa a pellet vi sarà gradita anche per le poche e semplici operazioni di pulitura e manutenzione.

Ogni giorno basterà limitarsi a:

  • aspirare giornalmente il piano fuoco
  • svuotare il cassetto cenere, se presente
  • pulire il vetro con un panno umido.

Ogni anno è bene rivolgersi ad un tecnico per la revisione generale dell’impianto e la pulizia della canna fumaria. Questo dovrà:

  • ispezionare i cavi elettrici generali e quello di alimentazione, il canale da fumo
  • verificare il tiraggio della canna fumaria
  • pulire i componenti (display, ventilatori, serbatoio pellet, braciere, condotto fumi)
  • collaudare la parte funzionale della stufa
stufe a pellet

Le stufe a pellet possono costituire anche un interessante complemento d’arredo

I diversi tipi di stufe a pellet

Esistono sostanzialmente tre tipi di stufe:

  • stufe a pellet ad aria: sono le più economiche (costano fra i 1.500 e i 3.000 euro) e meno potenti (da 6 a 15 Kw), diffondono calore per irraggiamento ed sono adatte, in particolare, per i piccoli appartamenti
  • stufe a pellet a acqua o termostufe: più costose (costano tra i 2 e i 4mila euro) ma anche più potenti (da 12 ad oltre 25 Kw), sono invece consigliate per integrare un sistema di riscaldamento già in essere o nuovo, poiché possono essere collegate alla caldaia, e scaldano anche l’acqua che alimenterà i radiatori; possono essere utilizzate insieme ai pannelli termico-solari, permettendo un notevole risparmio energetico ed economico.
  • stufe a pellet canalizzate, che permettono di riscaldare tutta la casa per tramite di un sistema di canalizzazione con tubi che attraversano l’abitazione

Tutti gli apparecchi in commercio presentano caratteristiche differenti non solo per rendimento e potenza, ma anche per altri elementi, quali la capacità del serbatoio, il consumo, l’autonomia, l’assorbimento elettrico, il rivestimento, le dimensioni della presa d’aria e dell’uscita dei fumi.

Ecco anche anche alcune proposte di stufe a pellet dei principali marchi.

Ecco le nostre guide sui sistemi di riscaldamento

Controindicazioni della stufa a pellet

Il pellet produce una fiamma “meccanica” meno attraente di quella naturale, inoltre teme molto l’umidità, e dipende dall’energia elettrica (occhio ai black-out!) e, nonostante la convenienza economica, presenta un prezzo in ascesa, poiché la sua domanda supera la produzione.

Un inconveniente ulterioreperaltro di facile soluzione, riguarda il fatto che la stufa a pellet funziona con un ventilatore, che asciuga l’aria e muove la polvere.

Potrebbe quindi trattarsi di un calore meno sano, ma basterà aggiungere un deumidificatore o una bacinella d’acqua sul punto più caldo della stufa, per risolvere il problema.

Combustibile: legna o pellet?

Se siete indecisi tra pellet e legna, cercheremo di aiutarvi fornendovi anche alcuni numeri.

  • costo unitario per Kw/h : il pellet ha 0,064 euro, la legna 0,043
  • rendimento medio della caldaia il pellet ha 4,35 euro per kW/h al kg, la legna 3,48 euro per kW/h al kg
  • potere calorifico inferiore il pellet si aggira sui 5 euro per kW/h al kg, la legna sui 4 euro per kW/h al kg

Stufe a pellet Edilkamin

Stufe a pellet Palazzetti

Stufe a pellet Nordica

Stufe a pellet Eva Calor

 

Collegamento stufa a pellet ai termosifoni

E’ possibile raccordare la vostra stufa ai termosifoni esistenti, purché sia un modello ad acqua, detta anche termostufa.

Collegamento termostufa a pellet e caldaia a gas

Per chi avesse già una caldaia a gas, magari condominiale, ricordiamo che è possibile integrarla alla propria termostufa a pellet piuttosto facilmente e, grazie alla distribuzione tramite riscaldamento dell’acqua, riscaldare così superfici molto più ampie.

D’altra così facendo si hanno costi di consumo decisamente più elevati ed è necessario un impianto temoidraulico adeguatamente dimensionato. Inoltre, inquesto caso, il camino è più soggetto a condense e formazione di fuliggine.

Avete esperienze di stufe a pellet? Diteci la vostra nei commenti

 

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *