Bellezza

Armocromia, la disciplina che ti suggerisce i colori che meglio valorizzano la tua immagine

Le caratteristiche delle varie stagioni con i loro sottogruppi e il test per capire a quale stagione appartieni

A volte, ci si guarda allo specchio e si nota che c’è qualcosa che non va. Sebbene siamo vestite di tutto punto, fresche di parrucchiere, ma l’immagine riflessa non convince. L’Armocromia è la disciplina che può aiutare.

Armocromia, la disciplina che ti suggerisce i colori che meglio valorizzano la tua immagine

Sulla base dei colori dominanti, di pelle, incarnato, occhi e capelli (e molti altri elementi tra loro combinati) questa pratica studia la palette cromatica più adatta. In pratica, rivela quali sono i colori che più donano e che mettono in risalto la propria immagine.

Seguendo le regole di questa disciplina, si evita una scelta poco felice di colori e trucco!

Cos’è l’Armocromia

Si tratta di una disciplina piuttosto recente che, attraverso l’attenta analisi delle caratteristiche cromatiche di una persona, individua una serie di colori ‘amici’.

Quelli cioè da usare sia nell’abbigliamento che nel make-up perché valorizzano il soggetto stesso. Una materia che costituisce le basi fondamentali del consulente d’immagine.

Come si può dedurre dalla parola stessa, va a ricercare l’armonia nei colori. In particolare va alla ricerca della palette di nuance che riescono a mettere in risalto le caratteristiche naturali di ognuno di noi.

È possibile individuare il gruppo di tinte che, più di altre, esaltano la bellezza naturale dei tratti, sulla base di:

  • tonalità dell’incarnato
  • sottotono della pelle
  • colore di occhi
  • colore dei capelli (non necessariamente naturale)

Per certi versi, è un criterio che oltrepassa i concetti (tra l’altro molto relativi) del bello e del brutto. Si tratta più che altro di una disciplina che si focalizza sui punti di forza di ognuno di noi, e studia il modo in cui valorizzarli attraverso la scelta sapiente dei colori da metterci addosso.

armocromia

Si ispira ai colori della natura ed è articolata nelle 4 stagioni: primavera, estate, autunno e inverno. A loro volta, poi, ogni stagione è suddivisa in sottogruppi più specifici.

Nonostante la sua indubbia utilità, è bene ricordare che non si tratta di un set di regole inderogabili. È giusto conoscere a quale stagione si appartenga. Per capirlo, bisogna fare un test divertente. Ciononostante, questo non deve però limitare i gusti personali.

Come faccio a capire la mia Armocromia

Per capire che stagione si appartiene, bisogna osservarsi allo specchio, meglio se struccate e illuminate da una fonte luminosa naturale. A questo punto, bisogna concentrarsi sui cosiddetti 4 pilastri.

  • Sottotono: caldo o freddo, lo si riconosce dall’armonia che si va a creare provando ad accostare ai propri colori l’oro e l’argento. Il metallo dai riflessi dorati, infatti, illumina il sottotono caldo, mentre l’argento esalta il sottotono freddo
  • Valore: dai colori più chiari a quelli più scuri, stabilisce l’intensità dei colori della pelle, degli occhi e dei capelli, e può essere chiaro, medio o scuro
  • Contrasto: la differenza cromatica tra occhi, pelle e capelli. Se si genera un contrasto cromatico lieve, allora siamo in presenza di un contrasto basso; al contrario, se il contrasto è molto accentuato, allora si parla di contrasto alto
  • Intensità: sulla base della saturazione dei colori può essere brillante (tipica di ‘Inverno’ e ‘Primavera’) oppure opaca (tipica di ‘Autunno’ ed ‘Estate’

Armocromia: il tipo ‘Inverno’

Caratterizzate dai toni freddi e intensi, le donne ‘Inverno’ sono le più comuni in Italia. In genere hanno una carnagione olivastra o beige rosata, capelli neri o castani, e occhi molto scuri o molto chiari. Il tono della pelle può essere chiaro, medio o scuro, con sottofondo freddo.

Chi appartiene a questa categoria sta molto bene con i colori molto scuri o molto chiari. Ad esempio, nero, blu, viola, grigio, rosso ciliegia e verde smeraldo. Ma anche bianco ottico, rosa, grigio perla, ghiaccio e celeste.

Sottogruppi del tipo ‘Inverno’

Andiamo quindi a scoprire quali sono i sottogruppi della stagione Inverno.

  • Inverno Cool. La caratteristica predominante è l’incarnato freddo, mixato però ad un’intensità media e a un valore medio-scuro tendente al chiaro. Le donne Winter Cool hanno carnagione chiara e capelli ed occhi castano medio o scuro. Il livello di contrasto è medio-alto.
  • Come valorizzare Inverno Cool: per valorizzare la propria immagine, si dovrebbe scegliere colori freddi, scuri (o medio-scuri) e saturi. Sono perfetti ad esempio il nero, il magenta freddo, il blu notte, il rosso freddo, il verde smeraldo, il fucsia freddo, il grigio scuro, il viola freddo e il bordeaux freddo intenso. Ideali anche tutte le altre tonalità ‘ghiaccio’ da abbinare in contrasto a tinte più scure. Ok quindi a bianco, rosa ghiaccio, giallo lime chiaro e viola ghiaccio. Assolutamente da evitare invece i toni caldi del rosso mattone, del giallo ocra, del color salmone, del marrone caldo, del color cammello, del rosa cipria e del verde militare.

 

armocromia

  • Inverno Deep. Sulle caratteristiche base dell’inverno prevale il valore basso, ossia il fatto di essere particolarmente scure. Nonostante il sottotono freddo, il colorito è tendenzialmente scuro (di solito olivastro). Sia gli occhi che i capelli sono sono neri o castano molto scuro. Il livello di contrasto è piuttosto basso.
  • Come valorizzare Inverno Deep. Sulle donne Inverno Deep stanno bene i colori scuri, neutro-freddi e intensi. Ideali quindi il nero, il verde bosco, il blu notte, il bordeaux scuro freddo, il viola scuro, il verde petrolio scuro, il rosso freddo, il grigio carbone, il marrone scuro freddo, il rosa scuro e il verde smeraldo. Sta bene anche il bianco ghiaccio, purché abbinato a tonalità scure in modo da creare un forte contrasto. Da evitare invece il rosa cipria, il verde chiaro, il beige, l’arancione, l’azzurro chiaro, il verde chiaro, il rosa salmone, il giallo ocra e il rosso mattone.

armocromia

  • Inverno Bright. Si contraddistingue per l’incarnato freddo e gli occhi luminosi che, in contrasto coi capelli scuri e la tonalità della pelle, definiscono un’immagine molto brillante. In questo caso, di solito, l’incarnato è piuttosto chiaro, i capelli castani medio-scuro e gli occhi chiari. Con un livello di contrasto molto alto, le Winter Bright sono le Inverno più luminose e brillanti.
  • Come valorizzare Inverno Bright. Stanno molto bene i colori brillanti, medi e neutro-freddi. Via libera al fucsia acceso, al blu elettrico, al rosso rubino, al giallo lime, al viola acceso, al verde smeraldo brillante e al verde tiffany intenso. Bianco e nero possono essere usati ma solo a creare un bel contrasto con tonalità più accese. Da evitare invece le nuance come il verde militare, il rosa malva, il grigio, il marrone, il beige, il rosa salmone e il violetto caldo.

armocromia

  • Inverno Puro. Le donne di questa categoria hanno di solito chiome castane (medio o scuro) e occhi nocciola, castano scuro o verde scuro. Con una profondità medio-alta e un contrasto medio, l’immagine d’insieme è velata e smorzata.
  • Come valorizzare Inverno Puro. Stanno molto bene i colori scuri, medio-scuri, neutro-freddi e mediamente intensi. Sono quindi perfetti l’avio, il grigio carbone, il verde bosco, il magenta spento, il bordeaux spento e freddo, il verde petrolio, il rosso scuro spento, il marrone scuro freddo e il viola spento. Al contrario, andrebbero evitati il bianco, il beige, il rosa acceso, il giallo, il verde Tiffany, l’azzurro chiaro, il rosso Ferrari, l’ocra, l’arancione e il marrone caldo.

armocromia

Armocromia: il tipo ‘Estate’

Le donne ‘Estate’ sono caratterizzate da toni freddi e delicati, con sfumature lievi, cipriate o madreperla. In genere hanno un incarnato molto chiaro, con sottofondo freddo, intensità bassa e valore chiaro. Possono essere bionde (biondo cenere, biondo scuro) o castano chiaro o medio. Gli occhi sono chiari: verdi, azzurri o nocciola.

La palette di colori indicata per questa stagione è composta da tinte chiare, fredde e satinate, come l’azzurro declinato in tutte le sue sfumature, e poi il blu, il rosso, il giallo, il grigio, il fragola e il color ciliegia.

Sottogruppi estate

Vediamo ora quali sono i sottogruppi della stagione Estate.

  • Estate Light. Le persone di questa categoria hanno i capelli che vanno dal biondo chiaro al biondo scuro, e gli occhi verdi o azzurri. Molto chiare, hanno un sottotono neutro-freddo, una profondità molto bassa e basso contrasto.
  • Come valorizzare Estate Light. Sono adatti i colori chiari, neutro-freddi e vivaci. Perfetti quindi il giallo chiaro nella versione fredda, il rosa Barbie, il rosso anguria, l’azzurro cielo, il verde acqua, il color lavanda, il blu chiaro acceso, il bianco spento e il grigio chiaro. Banditi invece il nero, il blu scuro, il marrone, il rosso scuro, il grigio, l’ocra, il rosso tendente all’arancione e il verde militare.

armocromia

  • Estate Cool. La caratteristica la mancanza di calore nel viso. La temperatura è del tutto fredda. Chi appartiene a questo sottogruppo ha capelli castano chiaro o medio e gli occhi azzurri o verde chiaro.
  • Come valorizzare Estate Cool. Si deve puntare sui colori freddi medi, quindi, né troppo chiari né troppo scuri. Vanno bene il rosa freddo, il ciclamino, il rosso lampone chiaro, il celeste, il verde smeraldo chiaro, l’azzurro cielo, il bianco spento, il viola medio e il grigio medio. Sono da evitare il giallo, il colore terracotta, l’arancione e il rosso aranciato, il nero, il grigio e il marrone nelle loro declinazioni più scure.

armocromia

  • Estate Soft. Sottogruppo dai toni più spenti. Di solito, le donne appartenenti a questa categoria hanno i capelli che vanno dal biondo scuro al castano chiaro, e gli occhi verdi o azzurri che sfumano verso il grigio.
  • Come valorizzare Estate Soft. L’aspetto di queste persone viene enfatizzato dai colori smorzati, neutro-freddi e medio chiari. Dunque, via libera a rosa cipria, rosa antico, malva, bordeaux chiaro, verde salvia, azzurro polvere, grigio medio-chiaro, violetto smorzato, bianco spento e tortora. Evitare invece il fucsia, il blu elettrico, il nero, il rosso acceso, il viola scuro, il blu notte, l’arancione e il marrone terracotta.

armocromia

  • Estate Puro. Categoria caratterizzata dai toni soffusi, ma medio scuri. Di solito, le persone di questo sottogruppo hanno i capelli castani o biondo medio-scuro e gli occhi verdi, azzurri o nocciola. Possono comunque avere anche pelle e capelli più scuri. I soggetti Estate Puro vengono spesso scambiate per ‘Inverno’.
  • Come valorizzare Estate Puro. Meglio scegliere le nuance neutro-fredde e medio-scure, ma smorzate. Perfetti quindi il rosso lampone smorzato, il bordeaux (medio e freddo), il color malva, il color jeans, l’azzurro polvere scuro, il verde smeraldo spento, il grigio fumo, il verde petrolio medio, il grigio velato e il viola medio spento. Banditi invece il fucsia, il rosso brillante, il blu elettrico, il rosa ghiaccio, il bianco, il beige, il giallo l’arancione e il terracotta.

Armocromia: il tipo ‘Primavera’

Le donne ‘Primavera’ presentano toni caldi e delicati, un valore cromatico ed una intensità alti. Tuttavia, il sottotono può variare di molto.

In genere, sono persone dalla pelle chiara o media (sovente hanno le lentiggini), con sottotono caldo. I capelli rossi, possono anche sfumare sul castano dorato, il biondo dorato o il ramato.

Gli occhi possono essere verdi, azzurri, marrone chiaro o nocciola. Su queste persone stanno bene i colori caldi e luminosi, come il rosso, il giallo, l’arancione, il salmone, il caramello, l’avorio, il color pesca, l’oro rosa, l’azzurro, il viola, il lime e il verde mela.

Bene anche il beige e albicocca ed il blu, nelle tonalità calde e luminose. Da bandire invece il nero e il grigio.

Sottogruppi ‘Primavera’

Ecco i sottogruppi della stagione Primavera.

  • Primavera Light. Con i capelli rossi o biondo dorati e gli occhi verdi o azzurri, l’immagine delle donne Primavera Light è chiara, calda e luminosa.
  • Come valorizzare Primavera Light. Le tinte chiare, vivaci e neutro-calde sono ideali. Bene il giallo chiaro, il rosa pesca, il color salmone, il rosso papavero chiaro, il verde prato, il verde acqua, il turchese, il bianco panna, il beige dorato e il violetto caldo. Da abolire invece il nero, il blu notte, il viola scuro, il blu elettrico, il magenta, il bordeaux, il rosso scuro e il grigio scuro.

armocromy

 

  • Primavera Warm. Di solito si hanno i capelli rossi o biondo-dorati, e occhi verdi, azzurri o nocciola chiaro, sempre con sfumature calde.
  • Come valorizzare Primavera Warm. Sono indicati i colori caldi, medi e vivaci. Largo al giallo, il rosa salmone, il rosa pesca, il verde prato, l’arancione, il verde acqua, il turchese, il marrone dorato, l’oro, il beige dorato e il bianco panna. Stanno invece male con il nero, il grigio, l’azzurro, il fucsia, il blu elettrico e il viola scuro.

armocromia

  • Primavera Bright. Con capelli biondi o castani dalle sfumature calde e gli occhi verdi o azzurri molto brillanti, le donne appartenenti a questa stagione sono piuttosto rare nel nostro paese.
  • Come valorizzare Primavera Bright. Queste stanno bene coi colori brillanti, medi e neutro-caldi. Perfetti quindi il rosa acceso, il rosso, l’arancione, il giallo intenso, il color mango, il verde acqua, il verde lime, il rosso corallo, il marrone dorato, il turchese acceso e il viola neutro e brillante. Al contrario, non donano loro il grigio, il viola spento, l’azzurro polvere, il bordeaux, il verde militare spento e il rosa malva. Questa è l’unica ‘primavera’ che può tollerare il nero, ma solo negli accostamenti.

armocomia

  • Primavera Puro. Le donne hanno capelli biondi o castano chiaro e occhi nocciola o verdi-azzurri. Con profondità e contrasto bassi, queste possono valorizzarsi scegliendo nuance chiare, neutro-calde e mediamente vivaci.
  • Come valorizzare Primavera Puro. Bene quindi a rosa pesca, color albicocca, giallo spento, rosso corallo spento, verde chiaro spento, color sabbia, verde acqua, violetto caldo chiaro e turchese chiaro. Evitare invece il nero il blu notte, il blu elettrico, il fucsia, il viola scuro, il bordeaux e il rosso acceso.

armocromia

Armocromia: il tipo ‘Autunno’

Le donne ‘Autunno’ si distinguono per i toni caldi e intensi. In genere hanno un sottotono caldo e un livello di intensità medio-basso.

Presentano di solito un incarnato dorato, crema, beige, pesca, caramello o olivastra, con un tono di pelle che può essere sia chiaro che medio ma anche scuro. Ha i capelli castani, in tutte le sue declinazioni, compreso il rosso-castano dorato. Gli occhi possono essere marrone caldo o scuro, nocciola o marrone/verde con striature dorate.

Questi soggetti dovrebbero puntare su colori scuri, caldi e morbidi, come ad esempio le varie sfumature del rame e dell’arancione. Così come il giallo, il marrone, il verde e l’avorio.

Sottogruppi ‘Autunno’

Ecco quali sono i sottogruppi della stagione Autunno.

  • Autunno Warm. Le donne hanno i capelli castano dorati o rosso naturale, con occhi castani o verde scuro. La loro peculiarità è il calore, con livello di contrasto e profondità medi.
  • Come valorizzare Autunno Warm. Sono indicati i colori totalmente caldi, non spenti e medi (né troppo chiari e né eccessivamente scuri). Sono quindi perfetti il giallo senape, il rosso pomodoro, il rosa salmone scuro, l’arancione scuro, il marrone caldo, il color terracotta, il verde oliva, il verde acqua scuro caldo, il viola neutro e il verde petrolio nella sua nuance più calda. Sono invece da evitare tutte le tinte fredde, come il blu, l’azzurro, il nero, il fucsia, il violetto, il bianco e il magenta.

armocromia

  • Autunno Soft. Sottocategoria che presenta toni più chiari e un po’ più smorzati rispetto a quelli della macro stagione. Le donne che vi appartengono presentano in genere i capelli biondi mentre gli occhi possono essere verdi, azzurri o castani chiaro, con sfumature calde e un po’ spente. La caratteristica predominante è softness, con un livello di profondità basso e un contrasto medio-basso.
  • Come valorizzare Autunno Soft. Le donne dovrebbero scegliere nuance soavi e smorzate, medio-chiare e calde (ma non troppo). Molto indicati quindi il beige, il salmone chiaro, il verde oliva chiaro, il rosa carne, il giallo molto smorzato, l’azzurro polvere nella variante calda, il bianco spento o sporco, il violetto caldo e il grigio chiaro e caldo. Sono invece banditi tutti i colori accesi e brillanti così come i colori freddi. Dunque, niente fucsia, rosso acceso, giallo e verde lime, blu elettrico, nero, viola scuro, blu notte, rosso scuro.

armocromia

  • Autunno Deep. Il sottogruppo che presenta i toni più scuri e intensi della categoria. Di solito, i soggetti che rientrano in questa sottocategoria hanno tratti profondi, con capelli castani medi o scuri e occhi castano scuro o verde scuro. Presentano un grado di profondità alto ed un contrasto medio-alto.
  • Come valorizzare Autunno Deep. Se si appartiene a questo gruppo, bisognerebbe puntare sui colori scuri, neutro-caldi (e quindi caldi ma non troppo) e smorzati. Vanno quindi bene il rosso scuro caldo, il bordeaux caldo, il viola scuro e caldo, il vinaccia, il marrone scuro, il verde petrolio, il verde bosco, e il blu con l’aggiunta di una punta di verde. Ok anche al color senape, al rosa scuro e caldo e al verde oliva. Al contrario, sono assolutamente da evitare tutti i colori pastello come l’azzurro cielo, il rosa cipria, il beige chiaro e il verde menta. Bandite anche le tonalità troppo fredde e brillanti come il fucsia, il giallo lime e il blu elettrico.

armocromia

  • Autunno Puro. Softness è la caratteristica predominante. Le donne di questo sottogruppo possono avere i capelli castani o biondo scuro, e gli occhi castani, verdi o azzurri. Con un livello di contrasto basso.
  • Come valorizzare Autunno Puro. In questo caso, i colori più indicati sono quelli neutro-caldi, medio-scuri e smorzati. Perfetti sono, ad esempio, il verde oliva, il rosso smorzato, il vinaccia, il marrone, il rosso mattone ma non troppo caldo, il color salmone scuro, l’ottanio, il verde bosco e il grigio medio-scuro. Aboliti invece il bianco, il giallo lime, l’azzurro cielo, il rosa barbie, il verde menta, il nero, il fucsia, il blu elettrico, il magenta e il blu notte.

armocromia

Qual è il mio sottotono?

Il metodo più semplice e usato per capire il proprio sottotono è quello di osservare le vene del polso: se sono bluastre si ha un sottotono freddo mentre se tendono più al verde, allora si ha un sottotono caldo.

Armocromia test

Oltre alla prova del sottotono, ci sono altri indizi da cui potremmo dedurre qual è il nostro sottotono e, di conseguenza, cominciare a capire a quale stagione apparteniamo.

Caratteristiche dei soggetti con sottotono caldo

  • La pelle si abbronza facilmente e avrà una bella tintarella dorata e omogenea
  • La pelle appare più omogenea e luminosa se si accosta al volto struccato un tessuto di colore arancione; al contrario, con un tessuto fucsia la cute ingrigisce e sembra più pallida
  • La pelle del viso non si arrossa se si fa uno sforzo fisico
  • Il rossetto color corallo dona molto, mentre quello fucsia crea uno stacca troppo netto
  • Donano bijoux e gioielli d’oro e non d’argento o d’oro bianco

In genere, le persone con sottotono caldo sono Autunno o Primavera.

Caratteristiche dei soggetti con sottotono freddo

  • La pelle si scotta  prima di abbronzarsi e poi la tintarella risulta rossiccia e disomogenea
  • La pelle appare subito più luminosa se si accosta al volto struccato un tessuto di colore fucsia; di contro, con un tessuto arancione ingrigisce e assume un aspetto spento
  • La pelle si arrossa molto, anche sul décolleté, se si fa uno sforzo fisico
  • Il rossetto fucsia-lampone sta molto bene mentre quello corallo-aranciato non gli dona
  • Donano bijoux e gioielli d’argento, mentre l’oro la fa apparire giallognola

Di solito, chi ha il sottotono freddo, o è Inverno o è Estate.

Armocromia, come funziona

È una disciplina che, attraverso l’analisi delle caratteristiche di una persona (colore di occhi, capelli, tono e sottotono della pelle), individua i colori ‘amici’, ovvero, le tinte da prediligere nell’abbigliamento e nel make-up per valorizzare la figura.

Come si fa una seduta di Armocromia

Vengono analizzate le caratteristiche cromatiche di:

  • pelle: tono e sottotono
  • colore degli occhi e sue striature
  • colore di capelli e suoi riflessi

Quanto dura una seduta di Armocromia

Di media, può andare da un’ora a un’ora e mezza. Al termine, viene consegnata la propria palette di colori e il consulente espone al cliente vari consigli riguardanti capelli, trucco, abbigliamento e accessori.

Quanto costa una seduta di Armocromia

Il prezzo medio oscilla tra i 180 e i 200 euro.

Chi fa l’Armocromia

Il consulente di immagine è un esperto di bellezza, colori ed equilibri e si occupa anche di migliorare l’immagine di una persona.

Nello specifico, la aiuta a mettere in risalto il proprio aspetto, migliorandone il look, scegliendo i colori, i toni e gli stili che meglio si addicano al soggetto in esame.

Altri approfondimenti

Sempre in tema bellezza, potrebbero interessarti anche questi altri post.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button