Orto e giardino

Dalla tecnologia della NASA arriva il giardino idroponico… spaziale

Avveniristico e innovativo come la tecnologia che l’ha creato. Bello e funzionale grazie al genio creativo dei designer italiani. Arriva direttamente dalla Nasa l’ultima novità in fatto di giardini idroponici basata su un sistema rotativo messo a punto per consentire agli astronauti di auto-produrre lattughe e piccoli ortaggi freschi direttamente sulle navette spaziali.

Dalla tecnologia della NASA arriva il giardino idroponico… spaziale

Più che il prototipo – frutto di un lavoro di messa a punto durato qualche anno – la vera novità è la rimodulazione operata da un gruppo di grafici, interior designer e progettisti milanesi che hanno stravolto l’aspetto poco appetibile del progetto originale rendendolo un piccolo capolavoro eco-chic, ideale per dare un tocco di originalità anche ad un ambiente domestico.

La moderna ruota ‘green’ è dotata di un sistema di illuminazione intelligente che combinata all’effetto di gravità ricreato all’interno della piccola struttura consente di ottimizzare i consumi energetici e garantire una perfetta crescita di semi e piantine.

Il motore che fa girare l’ingranaggio alimenta anche un sistema di irrigazione attraverso una micro-pompa automatica. I piccoli fori della ruota ospitano le piante, tutte protette da vasi di copertura e fibre di cocco che forniscono il supporto ideale per la pianta e le sue radici.

Tutto il sistema è controllabile attraverso un software installabile su tablet o smarthpone e un’interfaccia intuitiva che permette di regolare l’intensità della luce, la temperatura e il livello dell’acqua.

Cos’altro dire? Un piccolo oggetto capace di rivoluzionare il concetto di ‘orto domestico’ con classe e raffinatezza.

Leggi anche:

 

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sullo stesso argomento
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio