El Hierro: la prima isola al 100% alimentata da energie rinnovabili

di Elle del 2 agosto 2014

Vi avevamo parlato di recente di isole ecologiche: tra queste non vi era però la più piccola isola dell’arcipelago delle Canarie, El Hierro, che è nei giorni scorsi salita alla ribalta per un motivo che ci sta assai a cuore.

El Hierro: la prima isola al 100% alimentata da energie rinnovabili

El Hierro, oltre a divenire una meta turistica molto richiesta, si sta candidando anche ad un vero e proprio primato: essere la prima isola in grado di ‘funzionare’ con il solo supporto di energie rinnovabili.

Il modello proposto per l’autoconsumo di energia su quest’isola si basa, infatti, su un progetto che contempla la fusione di due fonti primarie di energia come quella idroelettrica ed eolica che consentono il soddisfacimento dell’80% del fabbisogno.

Per quanto riguarda il restante 20% dei consumi, invece, si punta sull’impiego di energia proveniente da impianti fotovoltaici.

Il progetto è stato concluso nel febbraio 2012, quando è stato consegnato il primo impianto idroelico commissionato alle succursali spagnole di ABB e Elecnor.

SPECIALEEcco la città USA dove le auto sono vietate sin dal 1898

La garanzia dell’autoefficienza nella produzione di energia necessaria per i consumi dell’isola, quindi, si concretizzerà entro pochi anni, rendendo El Hierro un esempio concreto della possibilità di coniugare le risorse naturali del territorio con le tecnologie per favorire l’obiettivo dell’energia pulita e a zero emissioni.

el hierro

Un’altra bella immagine di El Hierro

Un obiettivo, questo, che la piccola isola delle Canarie vuole assolutamente raggiungere anche per un discorso d’immagine e di appeal.

Il modello di El Hierro è stato a centro dell’attenzione del mondo soprattutto a seguito del dibattito sul nucleare riacceso dall’incidente di Fukushima, divenendo un simbolo di una buona prassi nella realizzazione di nuovi modi di produrre energia.

Riuscirà El Hierro a mantenere queste promesse? Ce lo auguriamo…

Altri approfondimenti a tema:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

{ 1 trackback }