Granchio: caratteristiche, specie e utilizzi di questo crostaceo

di La Ica del 3 giugno 2018

Il granchio (nome scientifico: Brachyura), è un crostaceo prevalentemente acquatico che si caratterizza per la presenza di un robusto carapace e due chele, poste sulle zampe anteriori. Sono intelligenti, capaci di vivere sia in acque salate che dolci. Le superfamiglie di granchio a oggi conosciute sono 43.

Granchio: caratteristiche, specie e utilizzi di questo crostaceo

Granchio: caratteristiche

Originario della Cina, ha un aspetto piuttosto robusto conferitogli dal carapace, perfettamente integrato con il resto dell’organismo.

Gli addominali sono ripiegati verticalmente, pertanto appaiono nascosti. Le due chele anteriori gli servono per nutrirsi e difendersi.

Il resto delle zampe per nuotare e camminare, anche lateralmente. Possono percorrere anche svariati km in un solo giorno.

È in grado di vivere sia nelle acque dolci che salate ed ha formato e colorazione piuttosto variabile che va dal viola al bianco.

SPECIALE: Come riconoscere il pesce fresco: odore, colore, tatto, occhio e aspetto del corpo

Granchio comportamento e abitudini alimentari

I granchi sono onnivori, soprattutto le specie che vivono ai tropici. Si alimentano infatti di carcasse, di altri animali come larve e vermi, ma anche di piante. Queste specie preferiscono la terraferma; tornano in acqua solo per il periodo dell’accoppiamento.

Alcune hanno inoltre abitudini notturne e cambiano carapace due volte l’anno. Un altro periodo dell’anno in cui la corazza vecchia viene abbandonata, è la fase dell’accoppiamento. La femmina la cambia dopo quella del maschio, per favorire così la fecondazione.

granchio

Il granchio ha un solido carapace che protegge e contiene tutti gli organi, inclusi bocca e occhi

Le uova vengono sistemate sotto la coda. Una volta schiuse, le larve si lasciano trasportare dalla corrente; arriveranno alla soglia dei 3 mm solo dopo 9 mesi. La maturità sessuale si raggiunge ai 25 anni d’età.

Combattivi e pertanto difficili da catturare, i granchi vivono solitamente in gruppo e sono maestri di mimetizzazione. Rivestono infatti spesso la corazza con organismi quali spugne, piccoli animali e altri vegetali marini, nonostante non siano molti i suoi predatori.

Vi suggeriamo anche: 10 alimenti ricchi di fosforo da scoprire

Gli utilizzi del granchio in cucina

È particolarmente apprezzato in Italia, Portogallo e Spagna. Nei Paesi Baschi in particolare, vengono realizzati dei ricchissimi pintxos (tapas) con carne di granchio.

In Portogallo si usa mangiarlo in una gustosa e nota zuppa di pesce chiamata cataplana. Ma lo si può gustare anche grigliato e al vapore.

La polpa di granchio in cucina si presta ad innumerevoli utilizzi. La ritroviamo come ingrediente principale per salse, per farcire antipasti o anche insalate. Tra i primi piatti, una delle ricette più popolari è data dalle tagliatelle alla polpa di granchio, un ottimo primo piatto gustoso e nutriente.

Ma possiamo usare la polpa di granchio anche per delle squisite polpette di granchio: unite la polpa a un uovo e un po’ di pan grattato, arricchite con coriandolo e peperoncino e fate dorare in padella. Un modo semplice per portare il sapore del mare in tavola.

Attenzione: il granchio e la sua polpa non sono da confondere con il surimi, bastoncini di polpa di pesce (generalmente merluzzo) macinata tinta con colore alimentare. Il loro valore nutrizionale è infinitamente più basso e il sapore meno interessante.

granchio surimi

Attenzione! Il surimi NON è polpa di granchio

Granchio curiosità

In Giappone è presente il granchio nonché il più grande artropode al mondo. Gli esemplari maschi possono arrivare a pesare fino a 20 kg e il corpo avere un diametro di 35-40 cm.

Oltre che in astrologia, viene utilizzato come simbolo della gravità di pensiero in araldica, mentre in spagnolo, “pensare all’immortalità del granchio” significa “sognare a occhi aperti”.

granchio

I granchi sanno mimetizzarsi alla perfezione con l’ambiente circostante

Infine in letteratura, nel poema greco Batracomiomachia, si parla di una guerra tra topi e rane, dove a fare la parte del leone ci sono proprio i granchi. Giacomo Leopardi riprese poi questo poema, utilizzando il granchio come rappresentazione degli austriaci.

Potrebbero interessarvi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment