Bike sharing futuristico a Copenaghen

di Elle del 11 marzo 2013

In alcune città la mobilità sostenibile realizzata con le due ruote  è diventata  un’alternativa concreta  per spostarsi garantendo benefici sia per sé che per l’ambiente.

E’ il caso, ad esempio, di Copenaghen, una vera e propria’ isola felice’ negli spostamenti urbani a zero emissioni data la diffusa abitudine di utilizzar le biciclette.

LEGGI ANCHE: Copenaghen, patria delle bici: arriva anche il commutatore Green Wave

Nei prossimi anni il modo con cui gli abitanti della capitale danese utilizzeranno questo veicolo contribuirà ancora di più ad un’idea di progresso che non fa a pugni, come spesso accade, con la sostenibilità ambientale. I progetti di condivisione delle bici, che nati da Parigi hanno sfondato in molte città europee a Copenhagen vogliono diventare sempre più avanzati e parte integrante del tessuto urbano.

Così il designer svizzero Rafael Schmidt ha proposto per la capitale danese un sistema in cui il bike sharing rende la bicicletta un elemento fondamentale della mobilità pubblica cittadina.

SCOPRI ANCHE QUESTO: Danimarca sempre più paradiso della bicicletta: nuova autostrada per le biciclette

A cominciare dalle stazioni di presa e restituzione dei mezzi a due ruote, le rastrelliere, integrate nella pavimentazione così da limitare l’impatto della loro presenza, o addirittura disposte in verticale per ottimizzare gli spazi sfruttando le pareti di edifici pubblici.

Le bici poi saranno dotate di un sistema GPS non solo per evitare furti e smarrimenti ma anche per aggiornare il ciclista sul numero di veicoli disponibili e sulle condizioni del traffico in tempo reale, così da ottimizzare le sue scelte.

FOCUS: Vacanze in Danimarca: una vera esperienza green

Questo progetto mira a sostituire entro il 2015 il sistema di bike sharing tradizionale, consentendo ai cittadini di Copenaghen di disporre di 25.000 nuovi mezzi a due ruote. E alcuni saranno dotati di motore elettrico e di luci a LED. Per la prenotazione della bici, possibile anche tramite il web, sarà necessario disporre di una carta di credito.

Dati gli enormi passi avanti che altre città europee stanno compiendo in tema di mobilità sostenibile, non sarà il caso che anche noi iniziamo a ‘pedalare’?

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE: La Danimarca è il paradiso delle biciclette: dalle boutade del ministro alla rete di piste ciclabili

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *