Bici

Ecco come scoprire quando è arrivato il momento di cambiare il vostro casco per la bicicletta

Non sono eterni e nel tempo perdono totalmente di efficacia

Quando cambiare il casco per la bicicletta? Come si fa a sapere se questo equipaggiamento protettivo è ancora valido? Cercheremo di aiutarvi a capire se il vostro casco debba essere cambiato, specialmente se non siete dei ciclisti abituali con esperienza. Non perdetevi anche lo speciale sulla scelta del miglior casco per le vostre esigenze.

Ecco come scoprire quando è arrivato il momento di cambiare il vostro casco per la bicicletta

Rimettersi in sella

La bella stagione è arrivata, le giornate si allungano, boschi e sentieri anche sterrati si stanno finalmente asciugando e gradualmente ci è permesso di uscire e quindi cosa c’è di meglio che  inforcare la bici per divertirsi?

Ma prima di ripartire, vi consigliamo di ricontrollare alcune cose.

Prima di tutto, fate controllare la bicicletta dal vostro negozio locale: la maggior parte dei negozi di bici è aperto anche nel fine settimana per queste attività essenziali.

Ora viene la parte fondamentale: la mia attrezzatura di protezione è aggiornata e funziona correttamente in modo da massimizzare la mia sicurezza?

Quando cambiare il casco per la bicicletta: le domande a cui dovete rispondere

Ecco un semplice elenco di domande che vi dovete porre:

Quanti anni ha il mio casco?

I dati mostrano che l’efficienza di protezione della maggior parte dei caschi si riduce drasticamente dopo 2 anni di proprietà, indipendentemente dal fatto che ci si sia caduti (speriamo di no ovviamente) o meno.

Questo perché la protezione standard delle schiume (EPS & EPP) si deteriora nel tempo a causa dell’esposizione al sudore, ai raggi UV, a colpi accidentali, ecc.

Come è stato conservato il mio casco?

Qualsiasi tipo di peso o pressione applicata al casco per un lungo periodo di tempo comprimerà la schiuma protettiva nel casco e ne diminuirà l’assorbimento degli urti.

Anche un casco conservato a testa in giù con i vestiti impilati sopra per qualche mese potrebbe esserne influenzato.

Se è stato conservato sotto la luce diretta dei raggi UV, sia la calotta che la schiuma protettiva saranno molto probabilmente interessate.

Ci sono crepe, ammaccature o graffi sulla calotta?

Ispezionate attentamente il vostro casco sotto una buona luce per assicurarvi che non ci siano crepe o ammaccature nella calotta. Questi potrebbero essere difetti del casco che influiscono sulle prestazioni di sicurezza.

“Sono scivolato in bici e ho sbattuto leggermente la testa, tutto ok, anche il casco dovrebbe essere intatto…”.

Non c’è un modo sicuro per provare se il casco è stato veramente danneggiato, a meno che non lo si tagli a metà e non si esamini la schiuma compressa.

Ma i dati mostrano che l’efficienza di protezione della maggior parte dei caschi diminuisce drasticamente dopo un colpo.

La fibbia di fissaggio è ancora funzionante?

Ogni casco è inutile se non è allacciato bene, in caso di caduta cadrà all’istante. Controllate anche i sottogola per assicurarvi che non ci siano sfilacciature o tagli nel tessuto.

Quando cambiare il casco per la bicicletta?
Quando cambiare il casco per la bicicletta: Se la fibbia di chiusura del casco rimane lasca è il momento di cambiarlo

Vi calza ancora bene?

L’aspetto assolutamente più importante nella sicurezza del casco è la calzata.

Se il casco non si adatta bene alla vostra testa, indipendentemente dal materiale, sarà meno sicuro di un casco che si adatta comodamente.

Inoltre, se il casco scomodo vi porterà nelle soste a toglierlo per “pochi minuti” e poi quando lo rimetterete frettolosamente, il rischio è di non allacciarlo di nuovo correttamente.

E le altre protezioni?

Nessuna caduta è uguale alle altre, sta a noi essere preparati. Naturalmente la testa è la prima priorità, ma assicuratevi di controllare anche il resto delle protezioni per il corpo…specialmente se fate Mountain bike.

Protezioni per gomiti e ginocchia

La schiuma dei cuscinetti protettivi è incrinata o è troppo vecchia? La plastica è un prodotto del passato, assicuratevi di essere aggiornati con una  protezione antiurto morbida per un comfort e una protezione senza compromessi.

Assicuratevi anche che il materiale sia completamente intatto e senza crepe.

Vi calzano ancora bene? Sarebbe inutile avere addosso o nello zaino queste protezioni per tutta la salita solo per farli cadere in discesa!

Protezioni dorsali

Avete mai pensato alla protezione della schiena? Secondo parecchie ricerche universitare, le lesioni alla schiena rappresentano il 6,4% delle lesioni totali, con un’incidenza simile a quella delle lesioni alle ginocchia, ma con un rischio molto più elevato di tenere il ciclista lontano dalla bici per molto tempo.

Può bastare poco per rovinare una gita in bicicletta.

Eseguite un controllo accurato dei vostri dispositivi di protezione prima di uscire, in modo da poter continuare a godervi la vita all’aria aperta!

Tutto per la bici

Se siete amanti delle due ruote non perdetevi anche questi approfondimenti.

Rossella

Fondatrice e responsabile editoriale, è da sempre interessata al tema della sostenibilità ed in particolare ai temi di casa e giardino. Dopo la nascita la maternità ha sentito l’esigenza di un sito come tuttogreen.it per dare delle risposte alla domanda “Che mondo stiamo lasciando ai nostri figli?”. Ha quindi deciso di trasformare tuttogreen.it in un impegno più serio e dopo poco, presa dall’entusiasmo ho creato anche il fratellino francese, www.toutvert.fr e un magazine di stile e design internazionale, non solo eco-sostenbile: designandmore.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close