Bici

Scopriamo i migliori caschi per bicicletta in città, caratteristiche, modelli e prezzi

Speciale casco bici: andiamo insieme a scoprire quali sono i migliori caschi per bicicletta in città, con tanti modelli disponibili sul mercato analizzandone le caratteristiche ed i prezzi. Troverete tutti i consigli per aiutarvi a scegliere quello più adatto alle vostre esigenze

Scopriamo i migliori caschi per bicicletta in città, caratteristiche, modelli e prezzi

I caschi da bicicletta sono cresciuti moltissimo come qualità e sicurezza rispetto ai primi modelli in polistirolo con cui molti di noi sono cresciuti. Sono diventati così specializzati che se amate la MTB e la bici da corsa ed usate anche una normale city bike ve ne servirà un modello per ciascuno, io ho uno scaffale vicino alla mia porta che è in pratica dedicato solo a quello.

I caschi da ciclismo possono essere aerodinamici, leggeri, ad alta visibilità e super protettivi.
Il casco che utilizzo per tornare a casa dal lavoro al buio è diverso da quello che uso se sono in giro per una gita domenicale sui sentieri locali.

Come scegliere un casco da bicicletta?

Questo è il primo passo per chi decide di diventare ciclista. Anche se l’uso non è obbligatorio, è un accessorio di protezione assolutamente vitale.

Ma prima di darvi i nostri consigli per acquistare un casco per la bici cercheremo di spiegare come sono disegnati e che caratteristiche presentano per orientarvi al meglio nella scelta dei migliori modelli da utilizzare con la vostra bicicletta in città.

Vi spiegheremo i materiali che vengono utilizzati, il ciclo di vita medio e quando è opportuno cambiarlo.

Premettiamo comunque che il casco andrebbe reso obbligatorio per chi utilizza la bicicletta, come già accade da parecchi anni nelle competizioni di ciclismo:

Mettere il casco in bici vi potrebbe salvare la vita, così come indossare la cintura di sicurezza vi rende più sicuri in automobile

Cominciamo a spiegarvi in breve di che sostanze sono fatti e come possono realmente proteggervi.

I diversi materiali e le strutture dei caschi per biciclette

I materiali e le strutture utilizzate per progettare un casco da bicicletta variano da un modello all’altro.

Le differenze di progettazione possono includere i valori di resistenza agli urti, il peso, il ciclo di vita/durata, il comfort e di conseguenza il prezzo.

Cominciamo ad analizzare le singole componenti.

Il guscio

E’ la parte esterna del casco, quella più visibile ed esteticamente più rilevante su cui vengono applicate stampe e vernici serigrafate.
Può essere realizzato in PVC, policarbonato e talvolta rinforzi in carbonio.
Il materiale scelto ha un impatto diretto sul prezzo del casco (PVC a basso costo e policarbonato di fascia alta), ma anche sulla longevità.

Il PVC invecchiato molto più velocemente del poliuretano se esposto frequentemente alla luce solare. Pertanto un casco in PVC ogni due anni dovrà essere sostituito, mentre i modelli in policarbonato potranno essere sostituiti mediamente cinque anni.

La vernice applicata alla parte esterne influenza il coefficiente di penetrazione dell’aria. I caschi di fascia alta sono rifiniti con una vernice specifica e studiati per migliorare questo coefficiente.

Ciò è particolarmente vero per i modelli di fascia alta, in quanto il costo è anche elevato.

La struttura principale: il guscio in polistirene

Questo è il componente più importante del casco da bicicletta.

Il polistirolo viene iniettato tramite vapore sotto pressione negli stampi.

Il guscio può essere fatto da

  •  un blocco di polistirolo singolo,
  •  oppure un blocco di polistirolo rinforzato con una o due strutture interne.

I gusci in polistirolo 100% sono le soluzioni meno costose ma anche le meno resistenti ad una moltitudine di urti e vengono utilizzate si trova nei caschi per biciclette entry level.

I caschi di fascia alta hanno un telaio interno in polistirolo espanso che riduce il volume del polistirolo iniettato e allo stesso tempo fornisce una maggiore resistenza agli urti multipli.

Le strutture interne possono essere realizzate in nylon, kevlar, aramide rinforzata con grafene

Più questa armatura è solida, più offre resistenza con l’obiettivo di deformarsi in caso di urto.
L’ obiettivo per i produttori è quello di avere una struttura interna rinforzata ma che sia molto leggera: il peso del casco è quindi molto basso, offrendo al contempo una sicurezza ottimale con una forte aerazione data dalla presenza di una moltitudine di fori sulla struttura.

Tanti altri componenti sono molto rilevanti nel design di un casco da bicicletta. Dal supporto occipitale alle cinghie, esistono molti accessori che variano il prezzo del casco in base al grado di finitura e robustezza.

Migliore casco bici in città

Una volta capito come sono fatti ed a cosa serve il casco per la bicicletta, eccovi una rapida carrellata di alcuni prodotti interessanti divisi anche per tipologia di utilizzo.

Vi segnalo alcuni modelli interessanti secondo la mia esperienza personale di ciclista in città

Caschi per ciclisti unisex

Cominciamo da un paio di modelli di caschi per ciclisti unisex che vanno bene anche in città.


Migliori caschi per mountain bike

Se proprio non riuscite a lasciare nel box la vostra Mountain Bike durante la settimana eccovi alcuni modelli di casco che vi consigliamo ma che non si prestano molto ad un utilizzo anche in città.

Vi ricordiamo che se invece siete appassionati di downhill non basterà un normale casco da enduro ma sarà necessario un casco integrale anche per essere ammessi nei bike park.

Migliori caschi per bici da corsa

Se siete più sportivi ed amate usare la vostra bici da corsa anche in città eccovi alcuni modelli di casco che vi consiglio.

Casco bici da corsa della Bell
:Casco bici da corsa: il modello Bell Gage

Cominciamo da questo modello della Bell, il BELL GAGE, unisex disponibile anche in bianco e rosso che potete anche comprare online, dal prezzo di circa 150 euro.

Lo trovate in offerta su Amazon: https://amzn.to/2P5jYc7

Luci per casco bici: led da applicare ai caschi

Eccovi anche alcune soluzioni a basso costo per rendervi più visibili grazie a luci a led da applicare sul vostro casco per la bici, ricordatevi che essere visibili è una componente fondamentale della vostra sicurezza come ciclisti urbani e non solo.

Casco bici: da cosa dipende il prezzo?

Con un prezzo d’acquisto che può variare da un minimo di 30 ad oltre 230 euro, il ciclista urbano si trova di fronte ad una notevole scelta per l’ acquisto.

Perché una variazione così ampia? Ecco alcune spiegazioni sulle tecnologie che causano queste variazioni di prezzo.

Un casco a buon mercato protegge altrettanto bene?

Il prezzo non influenza la capacità di proteggere in caso di urto.

Se il casco è conforme alle norme di sicurezza europee in vigore con le certificazioni CE EN 1078, ANSI e SNELL, è stato convalidato, approvato e testato.

Attenzione però, questo standard europeo (le norme differiscono da paese a paese) si basa sulla capacità del casco di assorbire solamente due tipologie diverse di urto.

I caschi di fascia alta sono rinforzati con strutture interne (armati), che sono determinanti nella capacità di resistere a molte tipologie di urto durante la caduta. È infatti altamente probabile che un ciclista subisca molti tipi diversi di urti in caso di caduta.

Allo stesso modo, l’invecchiamento dei materiali è generalmente più veloce sui modelli di fascia bassa perché i materiali utilizzati sono meno durevoli!

Il peso del casco

Come abbiamo visto i caschi da bicicletta sono progettati con un materiale realizzato per assorbire e resistere agli urti.

I caschi di gamma bassa sono generalmente abbastanza pesanti hanno una costruzione più vicina ad un guscio completo, spesso e resistente. Un materiale copre anche la parte superiore per fungere da rinforzo (PVC, policarbonato o carbonio).

I caschi high-end utilizzeranno schiume rigide di diversa densità per risparmiare peso in luoghi meno vitali per la testa del ciclista, ma al contrario hanno schiume rigide ad alta densità su parti importanti della protezione della testa in caso di urto.

Quelli di alta gamma hanno la loro struttura interna rinforzata da kevlar, nylon, aramide o carbonio.

Questo mantiene l’efficacia della protezione antiurto ma permette di alleggerirne il peso offrendo anche una ventilazione maggiore che è molto importante per il cranio.

L’uso di questi materiali fa aumentare rapidamente il prezzo, mentre il peso diminuisce (190 grammi per caschi più leggeri).

Anche il design ben elaborato nello studio di progettazione ha un impatto sul costo finale.

Ventilazione del cranio

L’ effetto pentola a pressione è nemico del ciclista in estate. Il casco deve quindi essere quindi ben ventilato, permettere cioè un adeguata aerazione.

Come abbiamo visto, più il casco è ventilato, con una struttura perforata, più i materiali tecnici che lo compongono saranno tecnologici e quindi costosi per compensare la mancanza di materiale per resistere agli urti senza spaccarsi durante l’ impatto.

Anche lo studio e la progettazione del passaggio dell’aria sulla testa richiede uno sforzo di design specifico.

La manutenzione del casco

Il comfort è essenziale quando si indossa un casco per molte ore. I punti di contatto con il cranio, la fronte, le tempie e il dorso della testa sono i punti principali in cui poggia il casco.

I caschi di fascia bassa sono dotati di un profilo della testa “standard” mentre i modelli top di gamma hanno un design più fine ed ergonomico e sono perfettamente protetti da schiume antibatteriche.

Le materie plastiche utilizzate sono anche meno grossolane e più raffinate, perfettamente integrate nel casco ed offrono una sensazione più piacevole a chi lo indossa.

Le regolazione per il casco da bicicletta

In un casco da bicicletta, ci sono tre supporti principali / regolazioni:

  • La regolazione sottogola che si appoggia sotto la mascella del ciclista
  • Le cinghie laterali
  • Il sostegno occipitale sul retro del cranio.

La qualità del sottogola svolge un ruolo importante. Quanto più fine è la regolazione, tanto migliori saranno le possibilità di serraggio e di regolazione e di conseguenza il confort.

Le cinghie laterali, la loro capacità di regolazione, lo spessore del tessuto utilizzato e i loro punti di ancoraggio hanno un impatto sulla qualità e sul design del casco da bicicletta, aumentandone il costo.

Una regolazione ben progettata permette di adattare perfettamente il casco alla morfologia del ciclista.

La qualità della regolazione del sostegno occipitale avanzata è un costo aggiuntivo.

Alcuni caschi sono ancora dotati di morsetti dentellati (regolazioni tramite pressione e scorrimento) mentre i caschi high-end adottano il sistema della ruota di regolazione che permette la regolazione al millimetro a condizione che l’ intaglio sia ben rifinito e ben lavorato.

L’aerodinamica del casco

Il fattore aerodinamico è importante ma va detto che anche in città recentemente si sono imposti caschi, a metà strada tra caschi da cronometro e caschi da corsa, francamente eccessivi.

L’aerodinamicità implica un costo elevato perché richiede necessariamente uno sviluppo da parte degli ingegneri (penetrazione dell’aria, flusso d’ aria,…) ma non ha un reale beneficio in termini di sicurezza.

Le personalizzazioni

L’ego incide sul costo! caschi personalizzati, con i colori di brand, dipinti o personalizzati, il fattore estetico ne aumenta notevolmente il costo

La vita utile: ogni quanto devo cambiare il casco?

Non dimenticate le nostre raccomandazioni per cambiare frequentemente il casco, anche se avete comprato un casco di fascia alta.

  • Per caschi di fascia bassa con calotte in PVC, è meglio cambiarli ogni 2 anni. Il PVC invecchia molto male con l’esposizione ai raggi UV.
  • Per caschi di fascia alta in policarbonato, più resistenti ai raggi UV, è meglio ogni 5 anni.

E’ comunque molto importante cambiare il vostro casco da bicicletta in determinate circostanze.

Dopo un urto

Molti ciclisti usano sempre lo stesso casco dopo un incidente. E’ indispensabile cambiare il casco dopo il primo colpo che riceve.

Il tuo casco è progettato per proteggere la testa del ciclista per un unico impatto. A causa dell’urto, anche se il casco sembra visibilmente integro, può essere fragile e danneggiato in alcune zone. Pedalare in bicicletta con un casco che ha subito un urto può essere molto pericoloso perché non svolge più il suo ruolo protettivo.

Quando appaiono fessure

Se si nota a occhio nudo il deterioramento del casco (piccole crepe), è molto importante cambiare il casco. Solo un casco in ottime condizioni può proteggere efficacemente.

Quando le cinghie del casco sono lacerate e deteriorate.

Le cinghie potrebbero rompersi sotto impatto, è urgente acquistare subito un nuovo casco. Lo stesso vale per il fissaggio del sottogola.

In caso di regolazione difettosa

Il sistema di serraggio intorno alla testa è importante ed essenziale per la protezione ma anche, e soprattutto, per la visibilità quando andate in bici. Immaginatevi se il vostro casco vi dovesse cadere sugli occhi metre pedalate!

In caso di pulizia con un prodotto aggressivo e corrosivo

I solventi a base di petrolio possono danneggiare il casco e ridurre notevolmente la sua capacità protettiva in caso di urto.

Abbiamo selezionato per voi una serie di modelli apprezzati per vestibilità, ventilazione, peso e praticità per aiutarvi a scegliere quali sono i migliori da comprare.

Normative

In generale, i caschi da ciclismo sono progettati per prevenire una lesione cerebrale traumatica in caso di impatto.
Tutti i caschi venduti in Europa devono soddisfare la normativa Europea UNI EN 1078:2006 “Caschi per ciclisti e per utilizzatori di tavole a rotelle (skateboards) e pattini a rotelle”, che potremmo tradurre in sintesi con omologazione EN 1078.

La normativa Americana è forse più severa e prevede che i modelli venduti hanno superato un test della Consumer Product Safety Commission (CPSC), il che significa che soddisfano alcuni criteri che il CPSC stabilisce contribuiranno a ridurre il rischio di lesioni cerebrali.

Negli ultimi anni tecnologie come MIPS (Multi-Directional Impact Protection System) e SPIN (Shearing Pads Inside) sono stati inclusi nei caschi per prevenire lesioni cerebrali in caso di impatti multipli o collisioni oblique.

Queste tecnologie sono ben oltre la normativa Europea ed Americana e sono estremamente utili se si verifica un tipo specifico di collisione.

L’elemento più importante di un casco è proprio la protezione contro le lesioni cerebrali, e questo non è qualcosa che si possa testare, bisogna fidarsi degli standard ovviamente.

Ecco ulteriori chiarimenti se non aveste ancora le idee chiarissime su quale sia il casco più adatto per le vostre esigenze.

Casco bici: cosa valutare prima di acquistare

Come abbiamo visto i parametri sono molti, vediamo di capire insieme su cosa concentrarsi.

Sistemi di fissaggio e di regolazione

In primo luogo, in caso di incidente, il casco deve rimanere sulla testa per essere efficace. Proprio come le scarpe, i caschi di marche diverse sono tutti realizzati per adattarsi a forme leggermente diverse, quindi è importante provare prima di acquistare.

La maggior parte dei caschi utilizza un sistema di regolazione basato su un quadrante per regolare la calzata. Anche la gamma di regolazione verticale (ad esempio, quanto in alto o in basso i supporti di regolazione posteriori si trovano sulla testa) varia da un casco all’altro, quindi anche in questo caso si tratta di un aspetto da tenere d’occhio.

Anche le cinghie regolabili in lunghezza sono molto importanti – è necessario essere in grado di indossarle con una vestibilità abbastanza aderente al mento per la massima efficacia.

Materiali

La maggior parte dei caschi da ciclismo sono costituiti principalmente da schiuma di polistirolo espanso (EPS). Questo scheletro viene poi ricoperto, in varia misura, in un guscio di policarbonato duro (e a volte con anche della fibra di carbonio) per aggiungere resistenza e proteggere la schiuma EPS da urti e graffi accidentali.

Questa struttura di base è in auge ormai da decenni, ma altre tecniche di produzione e materiali stanno iniziando ad emergere, come il poliammide 11 stampato in 3D o altri “materiali polimerici proprietari”.

Caratteristiche di sicurezza

Pur non commentando l’efficacia complessiva dei caschi in generale, vale la pena di notare che tutti i caschi venduti nell’UE dovrebbero essere conformi alla norma europea EN 1078 (e quindi avere il marchio CE), o essere certificati CPSC negli Stati Uniti.

Tutti i caschi che sono conformi a queste normative offrono alla testa una protezione contro urti e graffi se si cade dalla bicicletta durante la guida.

Recentemente come vi anticipavo abbiamo assistito ad un sostanziale incremento delle tecnologie di sicurezza aggiuntive come i rivestimenti rotazionali (ad esempio MIPS) e il materiale WaveCel. Queste innovazioni offrono una maggiore protezione dalle lesioni alla testa e al cervello, riducendo le forze di rotazione o semplicemente utilizzando materiali che sono in grado di assorbire meglio alcuni shock.

Ci sono alcune test di sicurezza indipendenti sui caschi da bicicletta, ma questi aspetti sono ovviamente più difficili da testare al di fuori del laboratorio, dove ci sono così tante variabili in gioco.

Nel complesso, queste caratteristiche di sicurezza extra valgono quasi certamente la pena ma ovviamente tendono ad essere installate su caschi con un prezzo più alto.

Ventilazione

Per una guida veloce su strada, specialmente in climi caldi, la ventilazione è fondamentale. Un sistema ben progettato di prese d’aria e canali nella struttura interna di un casco può aiutare ad attirare l’aria sopra la testa e a dissipare il calore.

Come ovvio, l’inserimento di fori in un casco per aumentare la ventilazione può portare ad una riduzione del peso e, potenzialmente, ad una minore robustezza.

Per rimediare a ciò, i caschi spesso hanno bisogno di un rinforzo esterno maggiore, o sono costruiti con materiali più costosi, per garantire che soddisfino ancora gli standard di sicurezza e durata.

Aerodinamica

Il carico aerodinamico è fondamentale e fa lievitare i costi dei modelli più recenti.
I potenziali risparmi in potenza e quindi fatica che si possono ottenere con i caschi aerodinamici non sono trascurabili specialmente sulle lunghe distanze.

Naturalmente ci sono dei compromessi: aumentare l’efficienza aerodinamica di solito significa chiudere i fori di ventilazione o peggiorare l’estetica del vostro casco. Ma d’altra parte, se la vostra preoccupazione principale è semplicemente quella di avere meno attrito, il designi non è poi così importante.

Altre caratteristiche

Solo poche case citano nelle descrizioni dei loro modelli la capacità di sorreggere bene gli occhiali da sole, ma questa caratteristica è davvero importante, sia in estate che in inverno con gli occhiali trasparenti.

Ovviamente le marche di caschi che producono anche occhiali da sole tendono ad integrare al meglio i loro modelli: dovete ricordarvi di portare i vostri occhiali da sole con voi quando comprate un nuovo casco in modo da poterne controllare la tenuta.

Se vi piacciono i caschi dall’aspetto classico con molti fori di ventilazione ma vivete in un posto freddo fate attenzione: forse sarebbe meglio se optaste per un casco più aerodinamico con meno ventilazione.

Analogamente, potrebbe essere vero il contrario se vivete in un posto caldo; non serve a nulla avere un casco superaerodinamico e senza aerazione perché vi terrà troppo caldo in testa.

Dove comprare un casco per la bici?

Ora che abbiamo visto quello che c’è da sapere, un’ultima dritta su dove comprare a buon prezzo, oltre ad Amazon. Molto vasta è l’offerta su Decathlon, ma ricordate, occhio sempre alla qualità, il prezzo non è tutto.

Altri accessori da non perdere per la bici

Eccovi altri approfondimenti sul tema della bici in città e non solo che vi consigliamo di leggere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close