È possibile trovare piacere nelle abitudini sane?

di Roberta Bartocci del 23 gennaio 2013

Torna anche nel 2013 la nostra veg coach, e come sempre ci propone un interessante punto di vista sulla scelta vegan. Questa volta vuole sfatare il falso mito della rinuncia che circola sulla scelta alimentare vegana e ci insegna come provare piacere nel mettere in pratica comportamenti virtuosi.

Se ti interessano gli altri articoli pubblicati da Roberta Bartocci, guarda questa selezione:

“Il popolo green in fatto di salute è normalmente ben informato e motivato a sufficienza rispetto alla media della popolazione ed è portato ad adottare stili di vita sani sulla base di informazioni e della loro consapevolezza.

Non è raro però che ci siano delle cose del nostro stile di vita che vorremmo migliorare ma troviamo in noi stessi delle resistenze. Vegetariani che vorrebbero evitare il consumo di formaggi ma da cui sono praticamente dipendenti; assidui acquirenti del bio che cedono troppo di frequente a sigarette o a cibi spazzatura; persone in perenne lotta con il proprio peso…

L’elenco potrebbe essere molto lungo. Il motivo è semplice: la parte del nostro cervello più ancestrale funziona in modo da evitare situazioni di dolore e ricerca di continuo quelle che gli provocano piacere. Ecco perchè chi trova piacere nelle sane abitudini ha fatto bingo!

La buona notizia è che questo si può imparare, mettendo in pratica dei trucchi per allenare la nostra mente proprio a questo proposito: provare piacere nel mettere in pratica comportamenti virtuosi. Trovate un articolo che parla di questo con alcuni spunti da mettere in pratica anche sul mio blog: mangiare sano e rimanere allegri, come si fa?

Ci sono poi, per fortuna, cose che sono allo stesso tempo naturalmente gustose e sane, come questo dolce al cucchiaio di cui condivido con voi la ricetta: ottimo per il palato ma anche sano, perché fatto con ingredienti semplici e crudi. Perfetto a colazione, merenda o come dessert, molto nutriente, leggero ed energizzante.

Bicchierini raw di frutta e ricotta vegan
Il dolce va servito in bicchierini trasparenti ed è in due strati. Per 4 persone occorrono:1 tazza di anacardi al naturale, 1 tazza di mango o di albicocche disidratate, 1 pizzico di vaniglia bourbon, 1 cucchiaio di sciroppo d’agave, 1 cucchiaio d’acqua. Mettere in ammollo gli anacardi per almeno 2 -4 ore, dopo 2-3 ore mettere in ammollo anche il mango o le albicocche. Scolate e frullate gli anacardi con la vaniglia, l’acqua e lo sciroppo d’agave, fino ad ottenere una crema molto densa ed omogenea, dalla consistenza della ricotta.

Scolate anche la frutta e frullate fino ad ottenere un purée omogeneo. Versate 1 cucchiaio di crema di frutta sul fondo e 1 cucchiaio di ‘ricotta’ di anacardi sopra di essa. Si conservano in frigorifero e si consumano a temperatura ambiente.
Se siete proprio golosi, tenete presente che questa “ricotta” di anacardi è ottima anche per riempire cannoli siciliani vegan.”

Che dire, anche i vegani hanno gusto!