Gardenia: come curarla e coltivarla al meglio

by Alessia on 9 settembre 2016

La gardenia è una pianta sempreverde molto delicata: ecco come coltivarla e prendersene cura per ottenere bei fiori a primavera.

La gardenia appartiene alla famiglia delle Rubiaceae ed è una pianta arbustiva originaria dell’Asia e dell’Africa meridionale. Al mondo ne esistono almeno 250 specie differenti, ma quella più diffusa in Italia è la Gardenia jasminoides.

I fiori sono di colore bianco e molto profumati, ricordano molto quelli della Camelia, mentre le foglie sono lucide e verdi. Produce anche delle bacche per spargere i semi. Se lasciata crescere all’aria aperta riesce a raggiungere anche i 2 metri di altezza, mentre in appartamento tende a crescere meno.

Essendo una pianta tropicale, non è adatta a tutte le zone, ma necessita di un clima fortemente umido e con inverni non troppo rigidi. Quando la temperatura non è ottimale, la gardenia riesce a sopravvivere ma non produrrà fiori.

Gardenia coltivazione in terra

Per la coltivazione in terra della gardenia è necessario assicurarsi che il terreno in cui decidiamo di mettere a dimora la pianta sia ben drenato, simile ad un sottobosco e adatto a piante acidofile. Si consiglia di eseguire questa operazione nel periodo primaverile, di modo da far adattare la pianta all’ambiente e al clima favorevole.

Dovete considerare che in inverno la gardenia non tollera temperature inferiori ai 10°. Per questo motivo, se vivete in zone molto fredde, potete organizzarvi coltivandola in vaso di modo da poterla rientrare in appartamento durante l’inverno. In alternativa è consigliato ripararla con dei teli di plastica.

gardenia a terra

Come coltivare la gardenia in giardino

La pianta non ama i raggi diretti del sole né le forti correnti d’aria, dovete cercare una zona tranquilla e a mezz’ombra, magari dietro staccionate o muretti. Per quanto riguarda le innaffiature, queste saranno regolari durante l’estate e accompagnate da una vaporizzazione diretta sulle foglie.

Attenzione a non toccare i fiori direttamente con le mani perché potrebbero appassire. Durante l’inverno, le innaffiature andranno diminuite, essendo il terreno già abbastanza umido.

Gardenia in vaso

Se si opta per la coltivazione in vaso, anche in questo caso bisogna ricreare un terriccio acido: quindi utilizzate sabbia, torba e fertilizzante o in alternativa acquistate direttamente il terriccio pronto. Sul fondo del vaso andrete a collocare dei cocci o della ghiaia. Ricordatevi di versare del fertilizzante naturale almeno ogni due settimane.

Le innaffiature devono essere regolari per garantire il giusto grado di umidità, ma senza esagerare. I ristagni fanno male a tutte le piante, anche alla gardenia.

gardenia in vaso

I vasi di gardenia abbelliscono appartamenti ed uffici

Scegliete un angolo dell’appartamento che sia luminoso, ma non esposto alle correnti d’aria o al calore, quindi evitate finestre, porte o termosifoni. Come per la pianta coltivata in giardino, si consiglia di vaporizzare le foglie fino a quando non compaiono i primi fiorellini.

Gardenia cura

Questa pianta necessita di molte cure, sin dalla fase della sua messa a dimora. Il momento stesso del passaggio dal vivaio a casa propria può essere molto delicato: una differente umidità tra i due ambienti potrebbe far morire i boccioli in breve tempo.

Come tutte le piante acidofile, un altro problema a cui spesso va incontro la gardenia è la clorosi ferrica, ovvero la scarsa disponibilità di ferro nella comune acqua potabile, dovuta all’eccesso di calcare. Questo procura la presenza di folle giallognole e malate.

Per risolvere o, meglio ancora, prevenire il problema si consiglia di utilizzare dell’acqua demineralizzata. In alternativa si può raccogliere l’acqua del rubinetto in una bacinella e lasciarla riposare per un giorno oppure raccogliere l’acqua piovana e utilizzarla per i vasi in appartamento.

Attenzione anche agli attacchi di ragnetti rossi, afidi e cocciniglie che potete facilmente eliminare ricorrendo ad antiparassitari naturali,

gardenia fiore

Il fiore della gardenia è molto delicato

Gardenia fioritura

La fioritura della gardenia dipende dalla specie: nel caso della gardenia jasminoides i fiori sbocciano durante tutta l’estate; la specie amoena fiorisce solo in autunno, seguita dalla thunbergiana che colora i giardini invernali. A primavera invece avviene la fioritura della gardenia grandiflora.

Al termine della fioritura inizia la fase di potatura che consiste nell’accorciare i rametti e tagliare gli apici vegetativi. Rami secchi e foglie ingiallite andranno sempre eliminati per poter rinvigorire la pianta.

Gardenia significato

La gardenia ha un significato molto importante, evoca il sentimento della sincerità, tanto che viene regalata per sottolineare la presenza di questa caratteristica da parte di chi la porta in dono. Spesso viene scambiata in un rapporto d’amicizia.

In alcune zone del mondo questo fiore è associato alla bellezza che sfiorisce con il passare del tempo. Nell’Ottocento i nobili usavano portarla all’occhiello, mentre le donne la appuntavano sugli abiti durante le uscite serali a teatro. Una curiosità: per mantenere il fiore fresco e vivido, gli aristocratici inventarono una piccola pipetta di vetro che forniva ai petali la giusta umidità.

Oggi la troviamo grande protagonista negli allestimenti floreali dei matrimoni e in quel caso sta a simboleggiare la felicità e la purezza.

Scopri tutte le guide per coltivare le tue piante in maniera naturale:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *