Musicoterapia: che cos’è e quali i suoi benefici

by Maura Lugano on 12 settembre 2016

La musicoterapia è un approccio terapeutico che usa la musica per “arrivare” al paziente e renderlo a sua volta in grado di esprimersi, aprirsi e quindi essere parte attiva della terapia: il potere magico della musica, dunque, è rivolto al servizio dell’integrazione ed emotiva dei pazienti ed al trattamento di un ampio ventaglio di disabilità e malattie.

Musicoterapia – Tutte le popolazioni della Terra fin dall’antichità attribuivano ai suoni e alla musica degli effetti benefici sopratutto sull’umore e sugli stati nervosi. E non solo in occidente. In Cina e in India si attribuiva alle note musicali la capacità di condurre alla guarigione.

Oggi la medicina tradizionale, pur non riconoscendo la musico-terapia come medicina effettiva, ne raccomanda l’applicazione in alcune situazioni patologiche, per alleviare il dolore nei malati allo stadio terminale, per stimolare disabili e persone colpite da gravi traumi, per trattare ansia, depressione e insonnia, nella gravidanza per favorire lo sviluppo fisico e mentale del feto, nei casi di cattiva digestione e di ipertensione.

Suggerimento: perché non approfondire anche le varie medicine alternative?

L’influenza benefica delle note musicali si manifesta sia nell’applicazione passiva, sotto forma di ascolto, sia nella sua forma attiva , con il canto o suonando uno strumento musicale.

Numerosi studi scientifici hanno provato che la musica influisce sul cervello, e quindi sulle attività neuronali, che vengono stimolate e producono le betaendorfine, ormoni del “buonumore”, che hanno una capacità analgesica.

Il corretto approccio alla musico-terapia va indirizzato da un terapeuta che individuata la tipologia di paziente e orienta verso l’ascolto di sequenze determinate di brani musicali che si sintonizzano con lo stato d’animo del paziente e ne stimolano le reazioni. In altri casi, si sceglie il canto o l’uso di uno strumento musicale, coinvolgendo il paziente nella interpretazione dei brani.

musicoterapia

Musicoterapia: è anche un modo per rendere il paziente parte attiva della terapia

Attraverso studi recentemente effettuati risulta che le note musicali e il suono incidono a livello organico con influenza sulla pressione del sangue, sulla circolazione, sul ritmo del respiro e addirittura sui movimenti dell’intestino. Dal punto di vista cerebrale la musica svilupperebbe la concentrazione e in particolare le capacità di calcolo e a lungo andare modificherebbe anche l’anatomia del cervello.

La musicoterapia per pazienti colpiti da gravi malattie neurologiche

Particolarmente interessante a questo proposito quanto scritto dal recentemente scomparso Oliver Sacks, il neurologo-scrittore diventato famoso in tutto il mondo coi i suoi bellissimi libri, che con “musicofilia”, una delle sue ultime opere, aveva esplorato il complesso rapporto tra musica e cervello. Soprattutto, Sacks, aveva analizzato i benefici che la musicoterapia può portare a pazienti affetti da gravi ed irreversibili malattie neurologiche, come il Parkinson e l’Alzheimer.

In questo video troviamo alcuni concetti fondamentali:

“Nell’ospedale in cui lavoro e in una serie di case di cura per anziani dove presto servizio, ci sono molte persone che soffrono di Alzheimer o hanno altri tipi di demenza. Alcuni di loro sono confusi, altri sono agitati, altri sono letargici, alcuni hanno quasi perso la capacità di parlare. Ma tutti loro, senza eccezioni, reagiscono alla musica. Specialmente quando si tratta di vecchie canzoni o di canzoni che conoscevano. Sembrano toccare certe corde della memoria ed emotività che altrimenti sarebbero inaccessibili per loro. È davvero sorprendente vedere persone assenti e cupe reagire immediatamente alla musicoterapia o a una canzone familiare. All’inizio sorridono, poi in qualche modo tengono il ritmo e alla fine lo seguono. In un certo senso riconquistano quel periodo delle loro vite e quella identità che avevano quando hanno ascoltato la canzone per la prima volta. Sono affascinato dal potere della musica di integrare e curare: la musica è il più completo farmaco non chimico.”

La musicoterapia nei bambini

Con i bambini può avere aspetti positivi che non si limitano all’aiutarli a fare la nanna. Questa terapia si è rivelata particolarmente utile per superare lo stress della nascita, favorendo la capacità di comunicazione e apprendimento dei bimbi. La più adatta per i più piccoli è la classica, e perfino i neonati possono ascoltarla in cuffia fino a 5 volte al giorno per 20 minuti circa.

Il piccolo si abitua alla melodia in modo istintivo (senza mediazione culturale), educando il cervello ai suoni armonici e raggiungendo una condizione di benessere.

Nei bambini più grandi e negli adolescenti la musica aiuta a migliorare – attraverso attività di gruppo – la capacità di socializzare, a risolvere problematiche psicologiche, a sbrogliare il disagio in situazioni problematiche legate al contesto familiarescolastico,

Nei bambini la musicoterapia è benefica sia per i nati prematuri, che nei piccoli autistici, si rivela utile nei casi di dislessia e di disabilità, perché ha la caratteristica di diminuire rabbia e tensione, e aumenta la creatività.

La musicoterapia in gravidanza

Chi non ha mai cantato al proprio bimbo una canzoncina già quando era incinta? Sappiate che il suono più importante per il feto è sempre e comunque la voce della sua mamma, ma la musica è ideale in gravidanza perché permette un livello profondo di comunicazione con il nascituro e aiuta la futura mamma a rilassarsi. E diversi esperimenti hanno evidenziato come le musiche fatte ascoltare al piccolo ancora nella pancia siano poi state riconosciute dal bimbo dopo la nascita.

Musicoterapia

Dal momento in cui l’udito si sviluppa (dalla 27ma settimana di gravidanza) si può provare a far ascoltare musica, soprattutto classica, alla mamma e al suo piccolo. La musica è un mezzo di comunicazione tra la mamma e il bambino e può contribuire allo sviluppo del sistema nervoso del feto.

I notturni di Chopin e le sonate di Mozart sono tra le musiche consigliate dai terapeuti per l’insonnia e nella gravidanza, forse perché basate su di una sequenza musicale semplice ma coinvolgente.

E allora…. musica, Maestro!

Approfondisci anche queste altre medicine naturali:

E per saperne di più sulla musico-terapia, ti segnaliamo anche questi libri:

Musicoterapia
Un’Arte oltre le parole
Prezzo € 18,00
Musicoterapia per l'Ansia- CD Audio
Versione nuova
Prezzo € 14,50
Musicoterapia e Disturbi della Comunicazione
Prezzo € 17,00
Musicoterapia per la Depressione - CD Audio
CD di terapia guidata
Prezzo € 14,50
Iniziazione alla Musicoterapia
Esercizi di rilassamento, tonificazione ed equilibrio con la Biomusica
Prezzo € 7,95
Musicoterapia per Attacchi di Panico - CD Audio
CD di terapia guidata
Prezzo € 14,50
Musicoterapia
Ritmi armonie e salute
Prezzo € 10,33

 

{ 2 comments… read them below or add one }

Barbara Berni marzo 1, 2013 alle 1:20 pm

Senz’altro è vero che la musica agisce sul nostro stato mentale, ma anche, e senza alcun dubbio, sul nostro stato fisico, e se volete sapere come funziona scientificamente questo meccanismo che passa attraverso il ritmo della respirazione cercate Buteyko in rete e vi si aprirà un mondo!

Rispondi

Bruno gennaio 30, 2012 alle 10:56 am

Sono musicista professionista , e questo articolo non mi dice nulla di nuovo:-) se non confermare con cognizione di causa i poteri benefici che la musica e l’arte in genere hanno sul nostro organismo. La musicoterapia è un eccellente mezzo per aiutare il fisico a recuperare le proprie risorse. Una sorta di corda di risonanza interna ed insita in ogni essere umano che se correttamente stimolata produce effetti sorprendenti. Il potere della musica è grande…. Riesce , attraverso l’ascolto, ad arrivare in profondità evocando spesso situazioni che magari avevamo cercato di rimuovere inconsciamente e riportandole in superficie si avranno benefici inaspettati. La musicoterapia deve peró essere applicata da persone competenti e preparate , possibilmente musicisti accuratamente preparati. Consiglio di approfondire, come elemento aggiunto, la teoria di Rudolph Steiner a proposito delle funzioni della musica sulla sfera animica dell’uomo. Grazie Bruno

Rispondi

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *

{ 1 trackback }