Profumi per l’ambiente: le migliori soluzioni naturali

di Carmen del 9 ottobre 2014

Scoprite quali sono le migliori soluzioni naturali per realizzare profumi per l’ambiente

Essenze di vaniglia, mughetto o bergamotto sono le preferite per profumare l’ambiente e sentirsi spiritualmente bene. I profumi influenzano l’umore, oltre che la casa, e lo fanno grazie all’olfatto. Alcune essenze, annusate, ci rendono più euforici, altre risultano calmanti e altre ancora invece hanno quell’odore di esotico che riporta alla memoria gli amori in riva al mare. Psicologia a parte i profumi sono sì belli e piacevoli ma bisogna prestare attenzione perché possono contenere componenti nocivi sia per la nostra salute che per l’ambiente.

Secondo uno studio di Greenpeace, alcune delle più prestigiose marche (in questo caso ci riferiamo a profumi per il corpo) presentano forti quantità di diethyl ftalato (DEP): una sostanza che causa irritazioni e altri problemi dermatologici.

Premesso che, in casa, creare profumi per la pelle non è facile, la faccenda cambia volto se volessimo cimentarci nell’arte dei profumi per l’ambiente. Siamo in pieno inverno e sulle nostre tavole ci sono arance, mandarini e clementine, ebbene le scorzette invece di buttarle utilizziamole per profumare la casa.

Scaldate sul termosifone rilasciano un odore gradevole di essenza di agrumi.  L’importante è scegliere frutti di coltivazione biologica, di quelli non trattati con sostanze chimiche o simili. In più le scorzette di arance o mandarini sono utilizzate anche per creare graziosi poutpurri per i nostri cassetti della biancheria.

Lasciatele essiccare e mettetele in un sacchettino, preferibilmente di cotone o di tela, riponetele nei cassetti e assaporate quel delizioso odore di pulito che emanano ogni volta che aprite l’armadio.

Un altro modo per profumare gli ambienti è usare gli oli essenziali. Il classico dei classici è l’olio di lavanda. Bastano alcune gocce versate in un piccolo contenitore con acqua e bastoncini di legno per diffondere un dolce profumo di lavanda nell’aria. La lavanda è una pianta aromatica, tipica delle aree mediterranee, facile anche da coltivare nel vaso. Quel suo classico colore viola è utilizzato anche in cromoterapia per calmare persone particolarmente ansiose.

SCOPRI: Diffusore oli essenziali, quale scegliere

Famiglie un po’ nervosette saranno liete di sapere che da oggi un rimedio naturale contro il nervosismo è la lavanda. L’olio essenziale di lavanda è consigliato per alleviare chi soffre di stati di agitazione e problemi di sonno. Ma di oli ce ne sono per tutti i gusti e per tutte le stanze: c’è un’essenza per il soggiorno (fresca e frizzante), una per la camera da letto (il bergamotto, ad esempio), una acchiappa odori per la cucina.

Molto consigliato, per forti odori di frittura, è l’essenza di eucalipto, indicata anche curare i sintomi da raffreddamento.

Concludiamo con le care e vecchie candele. Il consiglio in questo caso è di spendere qualcosa in più e comprare una candela dalla resa migliore prodotta con metodi tradizionali. Se abbiamo tempo e volontà le candele potremmo anche prepararcele da soli (ne parleremo prossimamente con una guida ad hoc).

La sostanza più naturale è la cera d’api. Un po’ cara ma eccezionale. Per darle quel tocco di profumo in più occorre solo aggiungere qualche goccia della nostra essenza preferita. Capiterà che le prime candele escano un po’ storte o troppo corte o troppo lunghe, ma come per tutti i mestieri occorre avere prima di tutto tanta pazienza.

Ti consigliamo anche:

{ 1 comment… read it below or add one }

Paola settembre 17, 2011 alle 8:04 am

Ciao, questo articolo è molto interessante anche perchè tratta dell’ecologia della casa, tema a me molto caro. Vorrei segnalarvi, a tal proposito questo articolo che spiega altre ricette fai da te per creare profumi ambienti per la casa:
http://www.ecologiadomestica.com/prodotti-tendenze/profumi-ecologici-per-ambienti
Usare aromi per gli ambienti di casa rende l’atmosfera casalinga più accogliente, soprattutto se questi sono ecologici e naturali.

Rispondi

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *