Categories: Alimenti

Chayote: proprietà e ricette del frutto noto come zucchina spinosa

Un frutto ricco di vitamine e dal ridotto apporto calorico

Il chayote (nome scientifico Sechium edule) o sechio (nome italianizzato di quello scientifico), è il frutto di una pianta originaria del Centro America ed esportata soprattutto dal Costa Rica.

Chayote: proprietà e ricette del frutto noto come zucchina spinosa

Il chayote in Italia è noto anche con vari nomi come zucchina spinosa, zucca centenaria, zucchina, patata o melanzana spinosa oppure lingua di lupo a causa delle piccole spine che troviamo sulla buccia.

A primo impatto l’aspetto spinoso di questo frutto non invita ad assaggiarlo, mentre all’interno sembra molto simile ad una patata. In effetti, una volta eliminata la buccia verdognola e spinosa, tutta la parte interna è commestibile.

Chayote proprietà

Dal punto di vista nutrizionale, questo frutto è ricco di vitamina C e contiene diversi amminoacidi, oltre ad acqua e sali minerali. E’ anche una notevole fonte di vitamina B9 con buone quantità di vitamine B6, B5 e K.

Grazie al suo ridotto apporto calorico, il sechio è un alimento consigliato per chi segue diete dimagranti. Analogamente è valido per chi ha problemi legati al sovrappeso o al colesterolo. Questo frutto è particolarmente per le sue notevoli proprietà terapeutiche legate in particolar modo all’azione antinfiammatoria, diuretica ed ipotensiva legate alla presenza di sostanze antiossidanti.

Sembra essere un frutto particolarmente utile da inserire nelle diete dei diabetici. Si tratta anche di un valido alleato per la pulizia dei reni e la salute dell’apparato cardiovascolare.

Essendo molto ricco di acido folico, inoltre, il chayote si rivela ideale da assumere in gravidanza per favorire la corretta e completa formazione del feto.

FOCUS: Cedro, proprietà e ricette

Come si presenta l’esterno del Chayote.

Chayote ricette

In cucina il chayote può essere consumato anche crudo senza problemi: anzi, questa è la modalità di consumo più idonea per assumere tutte le sue qualità nutritive. In molti piatti soprattutto dell’estremo oriente, lo troviamo tagliato fine in insalate condite con limone o lime.

Ma può essere impiegato come se fosse una zucchina, fritto e condito con poco sale. In alternativa lo possiamo servire bollito e aggiunto in insalata, anche se, come dicevamo, è consigliabile mangiarlo al naturale per assumerle tutti i suoi nutrienti.

Di questo frutto anche le foglie possono essere utilizzate per la preparazione di tisane mentre le radici possono essere preparate come delle patate.

APPROFONDISCI: Con l’elenco completo dei frutti tropicali

Molto usato nelle cucine orientali, il chayote è un ingrediente duttile: questa è una ricetta indonesiana, a base di fette di chayote cotte con latte di cocco e peperoncino.

Come si coltiva il chayote

Questa pianta cresce solo in climi caldi e umidi ed il periodo ideale per farlo è la primavera. Bisogna scegliere un luogo soleggiato e ben drenato: il chayote necessita di un terreno fertile e ricco di sostanze organiche.

Si suggerisce di piantare i semi di chayote in vaso, a circa 2 cm di profondità in primavera o in estate, quando le temperature sono superiori a 20°C: la messa a dimora può avvenire quando la piantina raggiunge i 30-40 cm di altezza.

Bisogna mantenere il terreno umido, ma evitando di bagnare troppo la pianta per prevenire la marcescenza delle radici. Va fornito supporto alle piante con un palo o dei sostegni perché crescano dritti e in alto.

Infine, è necessario concimare regolarmente le piante con un fertilizzante a base di azoto per promuovere una crescita vigorosa.

Il frutti di chayote maturano solitamente dopo 3-4 mesi. Attenzione che è una pianta enorme e i suoi tralci possono arrivare fino a dieci metri di estensione.

Approfondimenti consigliati

Scopri le proprietà di questi frutti tropicali:

Published by
Elle