Come fare la colla di riso: la ricetta casalinga

di Elena del 15 giugno 2017

Scopriamo come si fa la colla di riso, una colla del tutto naturale, atossica ed idonea per incollare ogni tipo di carta.

Avete mai pensato come si fa la colla di riso in casa? In precedenza avevamo affrontato il tema delle colle naturali fai da te. Ce ne sono di diversi tipi, pensate per usi differenti. Un modo utile e intelligente anche per avvicinare anche i bimbi al fai da te.

Oggi vedremo in dettaglio come fare un tipo di colla adatto per incollare tutti i tipi di carta e cartoncino: collage, cartoline, francobolli etc.

Stiamo parlando della colla di riso. Un prodotto naturale a costo (ambientale oltre che monetario) praticamente zero, ma che funziona come una qualsiasi colla vinilica.

SPECIALE: Colle naturali. la guida al fai da te.

Come fare la colla di riso: la ricetta passo per passo

Una ricetta molto semplice è questa.

Innanzitutto, mettete un paio di cucchiai di farina di riso in un pentolino e aggiungete acqua mescolando in maniera da disfare tutti i grumi.

  • Indicativamente la quantità di acqua dovrà essere tre volte la quantità di farina di riso.
  • Portare l’acqua ad ebollizione mescolando bene fino ad un massimo di dieci minuti, fino ad ottenere una pappetta bella densa.
  • Fatene poca, perché non si conserva a lungo, massimo 2/3 giorni in frigorifero e comunque in un vasetto sigillato.
come fare la colla di riso

Come fare la colla di riso: ecco un utilizzo della farina di riso che non tutti conoscono

Una variante prevede l’aggiunta di un goccino di antibatterico (ad esempio un collutorio) per aiutare a prevenire che la colla di riso possa andare a male in tempi molto brevi. Questo piccolo accorgimento spesso può fare la differenza.

Una volta fatta, la colla di riso andrà quindi usata rapidamente, stendendola con un pennellino. Noterete come non avrà l’aderenza immediata di una colla sintetica, ma avrà alla fine la medesima presa.

Consiglio: scoprite anche come utilizzare l’Acqua di riso e le sue proprietà

Eccovi altri approfondimenti da leggere:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment