Provare un dentifricio fatto in casa: ecco la ricetta semplice di un dentifricio in polvere

di Elena del 25 luglio 2018

Dentifricio fatto in casa: eccovi i nostri suggerimenti per farsi un dentifricio in polvere in modo naturale a casa. La ricetta è davvero molto semplice e vi diciamo anche cosa non fare…

Provare un dentifricio fatto in casa: ecco la ricetta semplice di un dentifricio in polvere

Dentifricio in polvere? Si, perchè chi l’ha detto che il dentifricio debba essere per forza una pasta racchiusa in quei tubetti che tra l’altro nessuno sa se e come riciclare? Il dentifricio in polvere è una scoperta che potenzialmente riserva tanti vantaggi.

Dentifricio fatto in casa: ingredienti e preparazione

Ma ora vediamo come farsi il dentifricio in polvere in casa, con ingredienti naturali.

  • Essiccare in un luogo asciutto e ombroso, non al sole, una manciata di foglie di salvia e timo e poi sbriciolarle una volta secche.
  • Mescolare in un barattolino di vetro, usando un cucchiaino in legno, tre quarti di argilla bianca o caolino e un quarto delle briciole di foglie di salvia e timo di cui al punto precedente.
  • Infine, aggiungere all’impasto qualche goccia di olio essenziale di menta, che oltre ad essere rinfrescante, ha anche un’azione antisettica.
  • Dopo avere rimescolato bene il tutto, viene suggerito di aggiungere anche qualche chiodo di garofano, che favorisce la conservazione dell’impasto.

Ecco anche dove reperire online qualche prodotto utile per questa ricetta:

Come utilizzarlo correttamente?

Attenzione, non intingete lo spazzolino bagnato nell’impasto.

Va invece usato un cucchiaino di legno asciutto per prelevare una piccola quantità dell’impasto e stenderla sullo spazzolino.

LEGGI ANCHE: Gli utilizzi alternativi del dentifricio per le pulizie di casa

Dentifricio fatto in casa: quanto dura?

Un vasetto di dentifricio fai da te in polvere può durare per mesi, più di un dentifricio in tubetto che sia stato aperto. Sorprendente, vero?

Buon dentifricio in polvere a tutti quanti vogliano cimentarsi con questa interessante esperienza!

Una variante?

E se come me siete patiti per il cocco, provate anche la variante con olio essenziale di cocco al posto di quello di menta.

Attenzione: non utilizzate invece il bicarbonato di sodio in queste ricette, a dispetto di quello che potete leggere in qualche ricetta “sbiancante” che troverete in siti poco seri. Il bicarbonato di sodio, se usato come dentifricio, alla lunga danneggia lo smalto dei denti a causa dell’azione abrasiva svolta dalla polvere. E quando lo smalto dei denti è rovinato, aumenta la sensibilità dentale, ossia la sensibilità al caldo, al freddo, cosa che può causare dolori ai denti. Inoltre, quando lo smalto è danneggiato, i denti tendono a ritornare gialli come in origine…. Quindi si tratta di una mossa inutile e dannosa.

Dentifricio fatto in casa

Dentifricio fatto in casa: provate la variante anche con olio essenziale di cocco.

Approfondimenti e guide sull’autoproduzione

Ecco altri approfondimenti interessanti da leggere sul tema della autoproduzione dei detersivi e casa sostenibile:

{ 3 comments… read them below or add one }

sofia luglio 28, 2012 alle 10:10 am

consiglio anche la Polvere Dentifricia di PETRA SALIS ALMA completamente naturale, priva di chimica di sintesi, ed ad impatto ambientale nullo

Rispondi

rosalba gennaio 8, 2012 alle 6:30 pm

si può usare il rosmarino ridotto in polvere oppure limone e un pò di bicarbonato da usare ogni tanto

Rispondi

Alessandro luglio 26, 2018 alle 8:14 am

Non va mai usato il bicarbonato, perché rovina lo smalto, con tutto ciò che ne consegue.
Tutti i trattamenti con bicarbonato vanno eseguiti da un professionista, con metodi e strumenti adeguati. Giusto invece il rosmarino in polvere… male non fa!

Rispondi

Leave a Comment

{ 1 trackback }