Oli essenziali e vegetali

Tutto sull’olio di cocco e le sue possibili applicazioni

Proprietà e utilizzi in cucina e cosmetica ma anche critiche e controindicazioni

Tra le diverse sostanze alleate della bellezza naturale c’è anche l’olio di cocco  che si estrae dalla polpa essiccata della noce di cocco e le cui proprietà e benefici sono noti da tempo alle popolazioni che abitano le zone tropicali.

Tutto sull’olio di cocco e le sue possibili applicazioni

L’olio di cocco è forse il più controverso di tutti gli oli da cucina. Mentre molti esperti di nutrizione avvertono che il suo alto contenuto di grassi saturi è un potenziale nemico delle arterie, è invece molto apprezzato da chi segue la popolare dieta chetogenica.

Qual è la verità sull’olio di cocco e sul suo ruolo in una dieta sana?

Scopriamolo meglio insieme tutto quello che c’è da sapere su questo olio versatile che ha anche tante applicazioni in cosmesi.

Le varietà presenti di olio di cocco

Circa il 90% dell’olio di cocco è rappresentato da acidi grassi saturi, principalmente acido laurico, che è anche un componente importante del latte materno.

Per questa ragione è un alimento indicato per i neonati, soprattutto se prematuri o  sottopeso, perché viene facilmente assimilato.

Gli altri acidi grassi sono quello caprico, caprilico, palmitico, miristico, linoleico, oleico.

Sul mercato circolano diversi tipi di olio di cocco. I principali sono due, vediamoli in dettaglio.

Olio di cocco puro (o vergine)

Non ha subito alcun tipo di intervento artificiale di raffinazione (pastorizzazione, idrogenazione o altro) e che quindi mantiene il profumo e il sapore del cocco inalterato, così come il contenuto di antiossidanti ed altre proprietà.

L’olio di cocco puro è ricavato dalla copra ed è più adatto a uso cosmetico, per massaggi e per usi medicinali.

Olio di cocco raffinato

Quest’ultimo è ricavato dalla polpa della noce di cocco essiccata e trattata con determinati procedimenti industriali, ossia una serie lavorazioni meccaniche e chimiche in conseguenza dei quali perde colore e odore, alcuni componenti come proteine, ma non gli acidi grassi (quindi non perde le proprietà antivirali).

Non avrà il gusto e il profumo originale del cocco e in sostanza mantiene solo parzialmente le sue proprietà a cambio di un più lungo periodo di conservazione.

L’olio di cocco, contrariamente alla sua definizione di olio, si presenta in forma solida, piuttosto simile alla consistenza del burro, si fonde quando raggiunge la temperature di 24°/25°, non va conservato in frigo.

Oltre all’olio di cocco scopri gli altri: cosmetici naturali di base per prodotti fai-da-te

olio cocco
Olio di cocco proprietà e utilizzi

Qual è la differenza tra olio di cocco vergine e raffinato?

L’olio di cocco vergine ha un sapore particolare e un punto di fumo più basso rispetto a quello raffinato, quindi non regge bene nelle cotture a temperature elevate.

Proprietà e benefici dell’olio di cocco

Questo olio ha proprietà antivirali, antibatteriche, antifungine e antimicrobiche.

In particolare, l’acido laurico contribuisce a combattere malattie come herpes, influenza, citomegalovirus, gonorrea ed è particolarmente efficace contro la candida. Del resto è la sostanza che in assoluto contiene più acido laurico di ogni altra al mondo.

Rafforza l’organismo in generale, rendendo più resistenti le difese immunitarie contro infezioni batteriche, funghi e virus, sembra poi che sia particolarmente efficace contro la candida.

Come applicazione esterna ha manifestato efficacia contro alcuni problemi come acne, eczemi, rosacea, cheratosi e anche psoriasi.

Come già detto, protegge da attacchi batterici e funghi e crea una barriera all’assorbimento di sostanze chimiche tossiche.

E’ ricco di vitamina E e se applicato sulla pelle del corpo dopo bagno o doccia la rende estremamente morbida, inoltre va molto bene anche per idratare e proteggere la mani.

Questo olio si presta a diversi usi, non solo come prodotto di bellezza ma anche in cucina., vediamole tutte ma prima cerchiamo di rispondere ad una domanda fondamentale.

Fa bene o no?

Le proprietà ed i benefici di questa sostanza preziosa sono noti da tempo ma nei decenni scorsi in alcune nazioni come Canada e Stati Uniti questo olio si ritrovò al centro di una campagna denigratoria, sostenuta anche dalle aziende produttrici di olio di soia e di olio di mais, che lo dipingevano come dannoso per per la presenza di grassi saturi.

Sebbene come vedremo in seguito l’olio di cocco abbia un profilo nutrizionale simile a quello di altri oli da cucina, la differenza principale sta nei tipi specifici di grassi che contiene.

  • La maggior parte dei grassi presenti nell’olio di cocco (83%) sono grassi saturi, quelli che si trovano tipicamente nei prodotti animali come la carne e i latticini.
  • Nell’olio di oliva, invece, solo il 14% dei grassi è saturo.

I grassi saturi tendono a essere solidi a temperatura ambiente e sono spesso considerati poco salutari perché è dimostrato che le diete ad alto contenuto di grassi saturi aumentano i livelli di colesterolo LDL o “cattivo“, che può aumentare il rischio di malattie cardiache.

Al contrario, i grassi insaturi, monoinsaturi o polinsaturi, rimangono liquidi a temperatura ambiente e sono considerati più salutari perché, se assunti con moderazione e soprattutto in sostituzione dei grassi saturi, hanno dimostrato di avere un effetto benefico sulla salute del cuore.

A causa del suo contenuto di grassi saturi, l’olio di cocco si è guadagnato la reputazione di olio malsano e nemico delle arterie e molti esperti consigliano ancora di evitarlo.

Negli ultimi anni, però, alcuni ricercatori si sono chiesti se i grassi saturi siano così poco salutari come si pensava in precedenza e si è risvegliato l’interesse per questo olio come potenziale opzione salutare.

La fama negativa è stata quindi parzialmente superata grazie a studi che lo hanno riabilitato, ma, nonostante questo, l’olio di cocco non è ancora una sostanza di uso comune.

Olio di cocco, proprietà cosmetiche

In cosmetica questo olio è utilizzato per la bellezza dei capelli e della pelle di viso e corpo.

Olio di cocco per capelli

Sui capelli si applica direttamente dopo aver fatto sciogliere la quantità necessaria con un po’ di calore (meglio evitare il microonde):

  • rende i capelli splendenti, setosi
  • ne facilita la crescita
  • fornisce nutrimento ai capelli danneggiati
  • li protegge dagli agenti esterni

In commercio ci sono diversi balsami e creme per capelli a base di olio di cocco.

Non solo rinvigorisce i capelli e li rende lucidi, ma sembra efficace anche contro la forfora.

Il modo migliore di applicarlo sui capelli è quello di massaggiarlo direttamente sul cuoio capelluto lasciandolo in posa, possibilmente, per qualche ora.

Per la cura di viso e corpo

Per la pelle, del viso e del corpo, ha effetti idratanti, antirughe, antinvecchiamento, inoltre rientra in prodotti specifici per il trattamento di eczemi, dermatiti e anche della psoriasi.

Poiché facilita l’assorbimento di calcio e magnesio da parte dell’organismo, l’olio di cocco fa bene alle ossa e anche ai denti, riducendo l’insorgenza di carie dentaria.

Gli utilizzi in cucina e nell’alimentazione

Tra le popolazioni delle aree tropicali che usano abitualmente questo olio a scopi alimentari non sono preoccupantemente diffusi obesità e sovrappeso come nei Paesi occidentali.

Va detto però che la dieta media di queste popolazioni è molto povera di grassi a differenza ad esempio di quella dei paesi del Nord Europa o degli Stati Uniti.

L’olio di cocco contiene acidi grassi a media catena è utile, quindi è facilmente digeribile, aiuta il funzionamento della tiroide e del sistema endocrino, velocizza il metabolismo.

Come premesso, il principale pregio dell’olio di cocco, che lo rende molto gradito nella cucina salutista, è la presenza dell’acido laurico, un grasso saturo che ha la capacità di elevare il livello del colesterolo buono, il colesterolo HDL, e ridurre il colesterolo LDL.

olio di cocco proprietà e utilizzi
L’olio di cocco: proprietà emollienti e nutritive della pelle nella cosmesi accompagnano l’uso in cucina

La sua consistenza normale a temperatura ambiente non è liquida ma solida, simile al burro, per cui quando se ne fa uso, ingerendolo o per applicazioni esterne, va stemperato con delicatezza, poi può essere cucinato a elevate temperature e anche fritto poiché contiene prevalentemente grassi saturi a catena media che non danneggiano le arterie.

Come alimento gli usi dell’olio di cocco sono svariati, meglio evitare di cucinarlo, ma utilizzarlo preferibilmente in aggiunta ad altri cibi

Ottimo ad esempio da aggiungere a una tazzina di caffé o alla tazza di té, al frullato, al latte o allo yogurt, basta solo mescolare bene.

Valori nutrizionali dell’olio di cocco e calorie

Ecco i dati nutrizionali di una porzione da 1 cucchiaio di questo olio:

  • Calorie 104
  • Proteine 0 grammi
  • Grassi 11,5 gr
  • Grassi saturi 9,6 gr
  • Carboidrati 0 gr
  • Fibre 0 gr
  • Zucchero 0 gr

Si tratta di valori molto simili a quelli di altri oli.

Per esempio, 1 cucchiaio di olio d’oliva ha 119 calorie e 13,5 grammi di grassi ma contiene meno di 2 grammi di grassi saturi. Per questo motivo, molti esperti sostengono che l’olio d’oliva sia una scelta più salutare.

L’olio di cocco riduce il grasso della pancia?

Spesso viene usato per perdere peso come abbiamo detto in precedenza ma non ci sono dati coerenti che suggeriscano che possa essere davvero utile per la perdita di peso o per ridurre il grasso della pancia.

Gli acidi grassi a catena media come l’acido laurico vengono rapidamente scomposti dall’organismo e convertiti in energia, motivo per cui l’olio viene spesso incluso nelle diete per la perdita di peso.

Alcuni studi suggeriscono che potrebbe giovare al girovita, ma preso con moderazione, non ha alcun effetto misurabile sull’indice di massa corporea (Base Mass Index, BMI) in un senso o nell’altro.

Inoltre è ricco di calorie e un consumo eccessivo di calorie può  paradossalmente causare un aumento di peso.

Come preparare uno smoothie all’olio di cocco

Ecco comunque una ricetta di smoothie , ideale per i mesi più caldi. Gli ingredienti per una porzione sono:

  • 1 tazza di latte
  • 1 banana
  • 50 gr di mirtilli
  • 30 gr di semi di lino
  • 30 gr di mandorle o altri frutti secchi sbriciolati
  • 15 gr di polvere di cocco
  • 15 gr di olio di cocco

Preparazione: Si mette tutto nel frullatore, eccetto l’olio di cocco precedentemente sciolto, si inizia a frullare aggiungendo poco per volta l’olio di cocco, quando raggiunge una consistenza cremosa lo smoothie è pronto.

Controindicazioni

Se state pensando comunque di includere l’olio di cocco nella vostra dieta, assicuratevi di utilizzare 100% olio spremuto a freddo.

Usatelo comunque con moderazione e fate attenzione come per tutti gli alimenti contenenti grassi saturi che possono aumentare il colesterolo e il rischio di malattie cardiache.

Una persona in media dovrebbe limitare la quantità di grassi saturi a 13 grammi al giorno.

Un cucchiaio di questo olio ne contiene quasi 10 grammi, dovete quindi assicurarvi che il consumo totale di grassi saturi provenienti anche da altre fonti (carne, latticini) rientri in questo limite.

Dove trovare l’olio di cocco

E’ reperibile in molte forme diverse sugli scaffali dei nostri negozi di alimentari e drogheria.

Forse potrebbero interessarti anche questi prodotti disponibili anche online.

Altri oli vegetali da scoprire

Forse potrebbe interessarti anche i benefici e le proprietà di questi  altri oli vegetali:

Articoli correlati

4 Commenti

    1. Per la perdita di peso, le dosi consigliate sono:
      Tra 40 e 60 kg:1 cucchiaio (circa 15 ml) prima di ogni pasto
      Tra 60-80 kg: 1,5 (uno e mezzo)
      Oltre 80 kg: 2

      1. Buongiorno Fabio, vorrei chiedere se c’è un errore nel 1 cucchiaio 15 ml perchè il mio cucchiaio (non cucchiaino) riempito con siringa a 5 ml risulta pieno. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button