Come fare la raccolta differenziata della ceramica

di Eryeffe del 9 novembre 2017

In tema di raccolta differenziata, ceramica e porcellana sono alcuni dei tanti materiali che vengono erroneamente scambiati per ‘vetro’, e come tali, sempre più spesso finiscono per essere gettati nei cassonetti o raccoglitori sbagliati. Finendo nelle classiche campane adibite alla raccolta del vetro, per esempio, questi rifiuti ne inficiano il processo di riciclo compromettendo a monte l’intero ciclo di raccolta e separazione.

Ceramica, lampadine, schermi TV, tazze e vasi rotti sono definiti ‘falsi amici del vetro’ e devono essere riciclati appositamente.

La confusione nasce dal fatto che la ceramica contiene effettivamente del vetro, ma essendo composta da altri materiali come argilla, sabbia, ossidi di ferro, allumina e quarzo deve essere necessariamente differenziata dai rifiuti vetrosi e gettata nella frazione indifferenziata, o se possibile, portata nelle stazioni ecologiche o nelle riciclerie.

LEGGI ANCHE: Riciclo del vetro: come riciclare correttamente il vetro nella raccolta differenziata

Negli ultimi anni, molti comuni italiani hanno registrato un progressivo peggioramento della qualità del vetro raccolto proprio per la presenza massiccia di materiali misti del tutto incompatibili con il vetro e con la filiera di riciclo a cui questo materiale così prezioso è destinato.

Come riciclare correttamente la ceramica

Dunque, se dobbiamo liberarci di piatti di ceramica rotti, suppellettili, vasellame o piccoli oggetti in porcellana, la cosa migliore è metterli in sicurezza e gettarli delicatamente nel cassonetto del nero, onde evitare la fuoriuscita di cocci e schegge.

Questa operazione è molto importante e vale la pena sottrarre alla raccolta differenziata qualche foglio di giornale o sacchetto di plastica per avvolgere accuratamente la ceramica destinata al bidone dell’indifferenziato.

raccolta differenziata della ceramica

Se, invece, abbiamo a che fare con oggetti in ceramica di grandi dimensioni (come lastre e mattonelle) ancora interi ci si reca direttamente presso le isole ecologiche presenti sul territorio o nelle riciclerie che accettano questo tipo di materiale.

In ogni caso, ricordate che la percentuale di rifiuti domestici non riciclabili è attualmente pari al 20% del totale e tentare di abbassare ulteriormente questa quota conferendo quanti più rifiuti possibili alle stazioni ecologiche comunali rappresenta un atto di responsabilità e generosità, sia per la società che per l’ambiente.

State attenti dunque a fare una raccolta differenziata che tenga conto dell’effettivo materiale che state buttando, per donare nuova vita a materie prime perfettamente riciclabili e non inquinare l’ambiente con quelle che non si possono smaltire in nuovi materiali.

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment