Riciclo creativo

Guscio d’uovo: una fonte naturale di calcio per organismo e per la terra

Il guscio d’uovo non è solo immondizia. Impariamo a riciclare e utilizziamo il guscio dell’uovo come rimedio naturale contro osteoporosi e gastrite…ma non solo.

Il guscio d’uovo è un’ottima fonte di calcio, contiene elevate dosi di cheratina, proteina molto importante per la salute di pelle e unghie. Inoltre rappresenta un rimedio naturale utilissimo, previene l’osteoporosi, stimola il midollo osseo, regola i livelli di colesterolo e la pressione sanguigna, rafforza le ossa e molto altro! Viene utilizzato per tante cose nel nostro quotidiano, come fertilizzante, per il bucato, come disintossicante nell’alimentazione dei cani… Prima di buttarlo via, scopriamo i tanti modi per riutilizzarlo.

Guscio d’uovo: una fonte naturale di calcio per organismo e per la terra

Guscio d’uovo: cosa è

È sbagliato pensare al guscio d’uovo semplicemente come spazzatura, perché in realtà può essere una risorsa nella quotidianità, sia per il nostro organismo,che per tanti utilizzi in casa e nell’orto.

Le uova sono un alimento prezioso, ricche di proteine e altri nutrienti, ma anche il guscio non è da buttare. Infatti è composto da circa il 90% di calcio, elemento importantissimo per le nostre ossa.

Colore del guscio dell’

Mettiamo subito in chiaro che il colore del guscio dipende dalla razza della gallina che lo ha prodotto ed ha un valore puramente estetico, senza nessuna implicazione sulle caratteristiche nutrizionali e organolettiche dell’uovo. E non dipende neppure dall’alimentazione della gallina. Al massimo può influire sul colore del tuorlo.

A seconda della razza quindi avremo uova di diversi colori. Le più comuni sono:

  • La gallina padovana, la più diffusa in Italia, fa uova rosa o marrone chiaro.
  • La gallina livornese fa uova bianche.
  • La gallina Olive Egger fa le uova verde-oliva.
  • La gallina Araucana fa uova azzurro-verdi.
  • La gallina Marans fa uova rosso-arancio.

La curiosità è che negli Stati Uniti si preferiscono le uova bianche.

Guscio d’uovo: cosa contiene

Un guscio d’uovo è composto da carbonato di calcio. Un guscio di dimensioni medie contiene circa 750-800 mg di calcio. E rappresenta circa il 10% del peso dell’uovo.

È inoltre poroso, così da permettere la penetrazione dell’ossigeno e la fuoriuscita dell’anidride carbonica e dell’umidità.

Contiene inoltre, in misura minore zinco, fosforo, manganese, ferro e cromo.

Cos’è il carbonato di calcio

Si tratta di un sale inorganico capace di neutralizzare gli acidi gastrici. Viene infatti utilizzato spesso come antiacido e somministrato a chi soffre di bruciori di stomaco o altri problemi gastrici.

Inoltre, è un ottimo integratore per chi soffre di ipocalcemia, carenza di calcio.

Come prepararne una polvere 

I gusci delle uovo sono composti per il 95% da carbonato di calcio: partendo dal riuso dei gusci si può preparare un composto molto utile per assumere carbonato di calcio.

Per preparare la soluzione a casa bisogna prima di tutto utilizzare delle uova fresche. Si lasciano i gusci a bollire in abbondante acqua per 10 minuti. Va poi eliminata la membrana interna.

I gusci così sterilizzati vanno schiacciati fino a ridurli in polvere finissima. La polvere potrà essere conservata in un contenitore a chiusura ermetica e lasciata al riparo da luce e fonti di umidità.

Questa polvere può essere somministrata agli animali, se consigliato dal veterinario, ma può essere anche utilizzato dagli esseri umani, in particolare è consigliato per le donne come integratore, soprattutto quando entrano in menopausa e insorgono problemi di osteoporosi.

Come assumerlo 

Per assumere gusci d’uovo consigliamo dopo averli tritati molto finemente, una polvere appunto, di scioglierli in un piatto come zuppe, salse, creme per non sentirne il sapore o la consistenza. Va ricordato che comunque è insapore e inodore.

Guscio d’uovo

Si consiglia di scioglierlo nel succo di limone se la sensazione di ‘sabbia’ da troppo fastidio: si realizza così il citrato di calcio più gradevole da ingerire e un vero toccasana per il nostro organismo.

Come sterilizzare i gusci

Prima di utilizzare i gusci delle uova, qualsiasi si il suo riuso, si consiglia di lavarli accuratamente.

Potete lavare bene il guscio vuoto con acqua calda e aceto, risciacquate e poi fate bollire il tutto in acqua per almeno 10 minuti.

Sterilizzate i gusci: è fondamentale se volete assumerli o farli ingerire ai nostri animali di casa. Solo così eliminate possibili batteri e ridurrete il rischio di contrarre infezioni, come la salmonellosi.

Gusci d’uovo e medicina naturale

La medicina naturale consiglia di consumare fra 1,5 e 3 gr di guscio d’uovo macinato al giorno. Non solo fornisce una notevole dose di calcio, ma è un ottimo integratore alimentare, e fa bene alla salute.

Per ridurre l’osteoporosi

Studi clinici hanno confermato che la polvere riduce il dolore e ha effetti positivi sul tessuto osseo e sulla cartilagine.

Soprattutto sulle donne con osteoporosi senile in post menopausa, si è rivelata adatta alla prevenzione e al trattamento dell’osteoporosi.

Per curare la gastrite

La polvere di gusci è un ottimo rimedio per chi soffre di gastrite, perché fonte di carbonato di calcio.

Basterà mescolare ¼ di un cucchiaino di guscio d’uovo con 2 cucchiaiate di succo di limone e aggiungere 100 ml di latte caldo.

Bere a stomaco vuoto questa preparazione 2 volte al giorno – al mattino e prima di andare a dormire – risolverà i problemi di acidità causati dalla gastrite.

Per disintossicare l’organismo

Per disintossicare l’organismo si possono bere 2 bicchieri al giorno di acqua in cui aver messo per 7 giorni la farina di 5 gusci d’uovo.

Mangiare il guscio d’uovo: vantaggi

I vantaggi di integrare la dieta con un guscio d’uovo sono diversi. Dipende dalle quantità e dal tipo di problema.

Mezzo guscio può apportare una quantità di calcio sufficiente a soddisfare il fabbisogno quotidiano di una persona adulta, che è di 100 mg al giorno. E questo riduce i rischi di osteoporosi.

Inoltre cura la gastrite e disintossica.

Mangiare il guscio d’uovo: controindicazioni

Bisogna fare attenzione che la polvere sia molto fine, per non irritare l’apparato digerente e la gola.

Inoltre bisogna stare attenti a disinfettare i gusci prima di polverizzarli, perché possono portare batteri, anche pericolosi, come la salmonella.

Infine, prima di aggiungere la polvere di guscio al cibo o consumarla sciolta in acqua, è consigliabile consultare il proprio medico, soprattutto se si soffre di particolari patologie.

Il guscio d’uovo per concimare 

Prima di buttarli via, ricordatevi che i gusci delle uova sono un ottimo concime per il giardino o anche per le piante in vaso.

guscio d'uovo

Basterà metterli nel terriccio sia del vaso che in piena terra, nel giardino o nell’orto. Il guscio può benissimo sostituire i fertilizzanti chimici.

Come preparare un fertilizzante naturale

Schiacciate i gusci grossolanamente e mescolateli al terriccio. Quindi posizionateli sotto le piantine.

Apportano il calcio, rinforzando il fusto, prevengono la formazione del marciume apicale e creano una barriera tagliente per lumache e chiocciole.

Sono consigliati

  • come concime nelle rose che necessitano di molto calcio.
  • per coltivare il pomodoro ed i peperoni prevenendo il marciume e le macchie scure
  • per eliminare i parassiti in giardino

Guscio d’uovo per la bellezza della pelle 

Questa polvere così ricca di proprietà nutritive è utile anche per la pelle:

  • Riduce le rughe. Versate nelle vaschette per fare i cubetti di ghiaccio la polvere di gusci e aggiungete dell’acqua. Quindi strofinate sul viso la pappetta ottenuta per ridurre le rughe e fare un leggero peeling.
  • Nutre la pelle. Preparate una maschera nutriente composta di polvere di gusci d’uovo e albume, schiacciando il tutto in un mortaio. La crema va tenuta sul viso per 15 minuti. Poi risciacquate.
  • Riduce irritazioni cutanee. Mettete un guscio in una ciotola con aceto di mele. Lasciate a riposo per 2 giorni. Strofinate la miscela, che nel frattempo sarà diventata una purea, direttamente sulla zona dove sono presenti le irritazioni per ridurre il prurito.
  • Cicatrizza le ferite. La membrana che riveste l’interno del guscio , aiuta la cicatrizzazione di ferite e graffi sulla pelle, essendo ricchissima di collagene. Va applicata direttamente sulla pelle e lasciata in posa per qualche minuto.

Guscio d’uovo per gli animali 

È un ottimo integratore anche per gli animali e per le piante. In particolare, nei cani ne è consigliata l’assunzione in caso di diarrea.

Si potranno sminuzzare e aggiungere ai croccantini e serviranno a sistemare l’intestino del vostro amico. La diarrea e il malessere scompariranno in un giorno.

Il riciclo del guscio d’uovo 

Sono tanti gli alternativi usi che possiamo fare dei gusci di uovo, anziché buttarli semplicemente nell’immondizia.

  • Nel caffè. Serve per ridurre l’amarezza del caffè. È un’usanza impiegata da secoli.
  • Utensili da cucina. Servono per pulire e affilare le lame degli elelettrodomestici da cucina. Fate andare ad esempio il frullatore con dentro la polvere e un po’ d’acqua.
  • Sbiancante per vestiti. Per lavare e rendere più pulito il bucato si possono inserire i gusci in lavatrice, posti dentro il sacchetto di cotone. Le macchie vanno via più in fretta.
  • Otturazioni del lavandino. Servono anche a prevenire le otturazioni del lavandino: i gusci messi nella piletta impediscono ai residui di cibo di infiltrarsi nei tubi. Usati nello scarico evitano al grasso di ostruire e di incrostare le tubature.
  • Decorazioni e decoupage. I gusci vengono usati come materia prima per molti lavoretti di decoupage. Basterà bucare l’uovo per svuotarlo del contenuto e poi igienizzare il guscio e utilizzarlo per i lavoretti. Ad esempio. Avete delle uova sode? Sbucciatelo con attenzione lasciando la base intatta e riempitela con la cera, inserite uno stoppino e realizzate così delle candele.
  • Per le unghie. La polvere ottenuta dai gusci può essere aggiunta allo smalto così quando verranno tinte le unghie agirà sulla cheratina dell’unghia rinforzandola. È un ottimo rimedio naturale per chi ha le unghie fragili.
  • Sacchetti bio. Recenti studi hanno dimostrano che si possono creare imballaggi biodegradabili ma resistenti e flessibili, aggiungendo piccole parti di guscio delle uova ad alcune eco plastiche già esistenti.

Dove buttare il guscio d’uovo 

Nel caso in cui non avete bisogno di riciclare o riutilizzare questo portentoso alimento e dovete buttar via il guscio delle uova utilizzate ricordate che vanno buttati nel contenitore dell’umido/organico. I gusci si decompongono facilmente e anzi possono trasformarsi in ottimo materiale da compost.

ScriBio

Siciliana di nascita (1970) e milanese di adozione dal 1988. Ha svolto tanti lavori e per ognuno di essi ha dato il meglio con passione e voglia di imparare. Fino al 2011: licenziata, separata, due figli. Anno della svolta: seguire la sua attitudine, la scrittura. Inizia per caso a lavorare come free lance per una casa editrice milanese specializzata in riviste tecniche. Scrive di edilizia e architettura per Imprese Edili e viene attirata dal mondo della bioedilizia e dell’architettura sostenibile (collabora anche con architetturaecosostenibile.it). Arriva la digitalizzazione, le riviste sono quasi totalmente online: si specializza e anche oggi continua a tenersi aggiornata, non smettendo mai di ascoltare, guardare e imparare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close